Skincare

Il massaggio Gua Sha funziona davvero? Benefici e controindicazioni

Il massaggio Gua Sha funziona davvero? Benefici e controindicazioni
Ultima modifica 11.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. I pro e i contro del massaggio Gua Sha
  2. Cosa è il massaggio Gua Sha?
  3. Funziona davvero?
  4. Quante volte a settimane farlo?
  5. Opinioni sul massaggio Gua Sha
  6. Controindicazioni del massaggio Gua Sha
  7. Gua Sha: prima e dopo

I pro e i contro del massaggio Gua Sha

Un trattamento che risale a oltre 2.000 anni fa e che incuriosisce sempre di più le appassionate di beauty wellness: il massaggio Gua Sha si basa sugli antichi saperi della medicina tradizionale cinese per ridare alla pelle tono, vitalità e luminosità. Per mezzo dell'uso di appositi strumenti e grazie a precisi movimenti e alla giusta quantità di pressioni, il massaggio Gua Sha può davvero fare la differenza.

Attenzione però, perché come ogni trattamento anche questo tipo di massaggio presenta delle controindicazioni e deve essere fatto con cognizione di causa. Approfondiremo questo argomento insieme, ma prima vi invitiamo a seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di bellezza e benessere.

Cosa è il massaggio Gua Sha?

Come vi abbiamo anticipato, il massaggio Gua Sha affonda le sue radici nella medicina tradizionale cinese. Secondo i dotti orientali, tutto il nostro corpo (e in particolare i suoi centri vitali) è attraversato dal chi, energia che ci rende sani e in salute e permette a ogni parte di noi di funzionare alla perfezione.

Dunque, il nostro chi deve fluire senza intoppi perché ci si possa sentire a meglio e si possa avere un aspetto sempre sano. Per via dello stress, delle malattie o delle cattive abitudini, però, il chi può ristagnare in alcune aree ed è in questi casi che bisogna intervenire, stimolando le aree "bloccate" con appositi strumenti

Le zone vengono stimolate "raschiando", o per meglio dire frizionando, la pelle con gli strumenti in questione, che possono essere dei roller, delle nuvolette o dei cucchiai in giada, quarzo rosa o corno di bufalo. Il massaggio Gua Sha prevede pressioni brevi o lunghe per stimolare la microcircolazione dei tessuti molli e migliorare il flusso sanguigno.

Il massaggio viene eseguito generalmente su viso, schiena, glutei, collo e gambe: la pressione all'inizio è sempre leggera e viene aumentata gradualmente, senza però generare dolore. 

Funziona davvero?

Partendo dal presupposto che non si tratta di un vero e proprio trattamento medico e che prima di fare un massaggio sarebbe sempre e comunque utile sentire il proprio dottore (specie se si è affetti da patologie), molti studi hanno dimostrato che il massaggio Gua Sha agisce nei seguenti modi:

  • Tonifica la pelle: la pressione e i movimenti del massaggio Gua Sha, insieme al contatto con gli strumenti, può aiutare a ridurre la tensione accumulata durante la giornata, promuovendo il microcircolo e donando un aspetto più tonico e levigato della pelle (The Effect of Gua Sha Treatment on the Microcirculation of Surface Tissue, ResearchGate);
  • Migliora la circolazione: grazie alla pressione esercitata, che stimola il flusso sanguigno, il massaggio Gua Sha promuove il flusso di ossigeno e nutrienti ai tessuti e facilita l'eliminazione delle tossine (The effect of Gua Sha treatment on the microcirculation of surface tissue: a pilot study in healthy subject, NIH-Pubmed);
  • Riduce e attenua dolori al collo e alla schiena: grazie alla pressione e alla manipolazione, questo massaggio può agire sul dolore legato a lombalgie e cervicalgie (Traditional Chinese medicine for neck pain and low back pain: a systematic review and meta-analysis, NIH-Pubmed);
  • Riduzione dell'infiammazione: sempre grazie ai movimenti e alle pressioni, il massaggio Gua Sha aiuta a ridurre le infiammazioni e i gonfiori favorendo il drenaggio dei liquidi (Using Gua Sha to treat musculoskeletal pain CmJournal - Biomed).

Naturalmente i benefici possono variare da persona a persona ed è comunque sempre meglio rivolgersi a un esperto del campo perché questo trattamento, pur non essendo invasivo, può avere delle controindicazioni.

Per approfondire: Kobido massage: ginnastica facciale giapponese

Quante volte a settimane farlo?

  • Due o tre volte a settimana per il viso
  • Una volta a settimana per il resto del corpo

Tenendo in considerazione che è sempre meglio non eccedere, molti esperti consigliano di eseguire questo massaggio dalle due alle tre volte a settimana, in base alle necessità e al tipo di pelle.

I momenti consigliati sono il mattino, quando il viso è più gonfio, e la sera, prima di andare a dormire. Questo agevolerà il flusso sanguigno anche nelle ore notturne, continuando ad agire durante il nostro riposo. In generale, anche per le altre parti del corpo, è consigliato almeno una volta alla settimana.

Per approfondire: Viso gonfio al mattino: cause e rimedi

Opinioni sul massaggio Gua Sha

Le opinioni di chi ha ricevuto questo trattamento sono solitamente positive: questa tecnica incontra largo consenso in rete e anche dal punto di vista scientifico, come abbiamo già visto, ha al suo attivo diversi benefici conclamati. Però, come in ogni trattamento beauty, ci possono essere delle controindicazioni, che elencheremo di seguito e che vi suggeriamo di leggere attentamente.

Interessante notare che, se invece entriamo nel campo dei beauty influencer, le opinioni sul massaggio Gua Sha possono persino diventare contrastanti, poiché alcuni di essi sostengono che l'uso della pietra di giada o il rullo, sia totalmente privo di risultati se non ci si rivolge a un professionista.

Controindicazioni del massaggio Gua Sha

Essendo un trattamento non invasivo, si può dire in generale che il Gua Sha è sicuro. Non dovrebbe essere doloroso, ma la procedura potrebbe modificare l'aspetto della nostra pelle nei seguenti modi, che possono risultare fastidiosi:

  • I capillari possono scoppiare;
  • Possono comparire lividi sulla pelle;
  • Possono verificarsi lievi sanguinamenti;

Poiché comporta lo sfregamento della pelle con uno strumento, i minuscoli vasi sanguigni (i capillari) vicino alla superficie della pelle possono scoppiare. Ciò può provocare lividi sulla pelle e lievi sanguinamenti. I lividi di solito scompaiono entro un paio di giorni.

Alcune persone sperimentano anche una rientranza temporanea della pelle dopo un trattamento Gua Sha. Se si verifica un sanguinamento, c'è anche il rischio di trasferire malattie trasmesse dal sangue con la terapia Gua Sha, quindi è importante che i tecnici disinfettino i propri strumenti dopo ogni persona.

Infine, attenzione: evita questa tecnica se hai subito un intervento chirurgico nelle ultime sei settimane e ricorda che le persone che assumono anticoagulanti o che soffrono di disturbi della coagulazione non sono buoni candidati per il Gua Sha.

Gua Sha: prima e dopo

I prima e dopo del massaggio Gua Sha sono sicuramente soggettivi, specialmente dal punto di vista estetico. Come tutti i massaggi, per avere dei benefici più evidenti è necessario avere delle abitudini sane, tra cui una dieta corretta, una buona idratazione e una buona dose di attività fisica.

Di sicuro, grazie ai già abbondantemente citati movimenti e pressioni, il massaggio Gua Sha stimola il microcircolo e aiuta il metabolismo cellulare, cosa che a sua volta consente di aumentare la produzione di collagene e di contrastare l'invecchiamento cutaneo.

Da un punto di vista più prettamente medico, pare che il massaggio Gua Sha sia un valido aiuto per l'artrite e per la fibromialgia, nonché per l'emicrania e per le patologie che provocano dolori muscolari. Ancora, uno studio su 80 donne ha dimostrato che questo massaggio può rivelarsi efficace anche alleviare i sintomi della perimenopausa (tra cui insonnia, ansia, fatica e vampate di calore).

Resta comunque sempre l'invito a parlare con il proprio specialista di fiducia e a non prendere iniziative in autonomia se si sta pensando di ricorrere a questo trattamento per curare un problema di salute.

CONDIVIDI: