Capelli

Massaggio dei capelli: a cosa serve? Benefici e tecniche

Massaggio dei capelli: a cosa serve? Benefici e tecniche
Ultima modifica 14.02.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Massaggio dei capelli: cos’è?
  2. A cosa serve?
  3. Come si effettua?
  4. Avvertenze e Controindicazioni

Massaggio dei capelli: cos’è?

Il massaggio dei capelli è un trattamento che può apportare numerosi benefici, se praticato come regolare abitudine, compatibilmente con la situazione psico-fisica individuale; come dire che - a parità di fattori di rischio per la calvizie - chi massaggia il cuoio capelluto routinariamente può aiutare a ritardare la caduta dei capelli.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/02/14/massaggio-dei-capelli-orig.jpeg Shutterstock

Perché il massaggio può contrastare la caduta dei capelli?

Il razionale scientifico del massaggio risiede nell'ipotesi che l'alopecia riconosca anche un'eziologia ischemica. Secondo tale teoria, la caduta dei capelli sarebbe espressione di uno scarso afflusso di sangue nel cuoio capelluto, con scarsa vascolarizzazione delle "radici" (bulbo e papilla dermica).

Il cuoio capelluto è, di fatto, lo strato di tessuto epiteliale su cui si innestano i capelli; per consentire la vascolarizzazione cutanea e, di conseguenza, migliorare l'ossigenazione ed il nutrimento dei capelli, questo deve essere stimolato nel modo corretto.

Il massaggio del cuoio capelluto favorisce la corretta microcircolazione sanguigna che porta il nutrimento ai follicoli piliferi, predisponendo la ricrescita della capigliatura; di contro, una scarsa circolazione indebolisce i capelli, favorendo la loro caduta.

In linea generale, quindi, dedicare alla testadei massaggi è una buona abitudine per rallentare il processo di diradamento dei capelli e per rinforzarli, contrastando l'effetto delle possibili alterazioni del cuoio capelluto.

Ricorda: un follicolo pilifero correttamente alimentato ed ossigenato è più vitale e resiste meglio agli attacchi esterni, oltre che a quelli endogeni (tra cui ricordiamo lo stress fisico e psichico).

A cosa serve?

A cosa serve il massaggio dei capelli?

Il massaggio del cuoio capelluto può apportare una serie di benefici utili alla salute dei capelli:

  • Il principale aspetto positivo associato a tale pratica è sicuramente quello di stimolare la circolazione sanguigna del cuoio capelluto, responsabile di portare il nutrimento ai bulbi piliferi. In questo modo, i capelli si rinforzano (in quanto ricevono più sostanze nutritive).
  • Il massaggio dei capelli permette, inoltre, di contrastare la formazione della forfora e di lubrificare la cute secca, stimolando la produzione di sebo.
  • Senza dimenticare che i massaggi favoriscono anche l'eliminazione delle tossine che confluiscono sul cuoio capelluto, attraverso il sebo delle ghiandole sebacee ed il sudore delle ghiandole sudoripare.
  • In caso di alopecia, cioè caduta dei capelli patologica, il massaggio è considerato efficace per favorire l'ossigenazione ed il trofismo del cuoio capelluto e dei suoi bulbi piliferi. La gestualità applicata allo scalpo può stimolare, quindi, la ricrescita dei capelli e renderli più forti e vitali, riattivando la circolazione dei vasi sanguigni e linfatici.
  • Va ricordato, poi, che tale gestualità applicata allo scalpo, oltre a rinforzare i capelli, ha un effetto su tutto il corpo, in quanto permettono di allentare la tensione nervosa: i massaggi possono rilassare i muscoli cranici, apportando sollievo al cuoio capelluto e contrastando il mal di testa causato da stanchezza e stress.

Lo sapevate che…

Il prurito alla testa che a volte avvertiamo (e che in alcune persone può trasformarsi, a tutti gli effetti, in un senso di dolore) è un segnale di sofferenza dei capelli, spesso causato dall'occlusione dei follicoli per un eccesso di secrezione sebacea. In questi casi, un massaggio al cuoio capelluto è utile per favorire l'afflusso del sangue, riattivare la circolazione dei vasi linfatici ed aiutare i capelli "a respirare", rendendoli meno opachi.

Massaggio: è utile contro la caduta dei capelli?

Il massaggio al cuoio capelluto può essere utile contro la caduta, in quanto può stimolare i follicoli nello stato di riposo a riprendere la loro attività e produrre un nuovo capello.

Tale pratica può favorire, quindi, la ricrescita di quei nuovi capelli che, per motivi fisiologici, a volte tarderebbero a ricrescere da soli.

In altre parole, oltre all'effetto benefico e rilassante, i massaggi del cuoio capelluto possono accelerare la ricrescita.

Massaggiare il cuoio capelluto è anche un modo per far penetrare meglio i prodotti destinati a favorire la ricrescita dei capelli, dalle fiale ai trattamenti.

Come si effettua?

Il massaggio dei capelli è un gesto che dovrebbe entrare a fare parte della routine quotidiana, durante l'applicazione dello shampoo o di altri trattamenti.

La tecnica corretta per massaggiare i capelli, consiste nel premere delicatamente il cuoio capelluto contro la scatola cranica e muoverlo lentamente al di sopra di essa.

Al contrario, non si deve frizionare coi polpastrelli direttamente sui bulbi piliferi, per non arrecare uno stress meccanico agli stessi, già sufficientemente indeboliti (questa piccola accortezza fa una grande differenza).

Automassaggio

Il massaggio del cuoio capelluto si può effettuare da soli, almeno una volta al giorno per cinque-dieci minuti, praticando movimenti circolari a partire dalla fronte e fino alla zona occipitale.

Il momento migliore per massaggiare il proprio cuoio capelluto è la doccia: dopo aver bagnato i capelli, massaggiare il cuoio capelluto per un minuto, compiendo dei movimenti circolari, appoggiando la punta delle dita e muovendolo verso il centro della testa. Se non si ha il tempo di farlo sotto la doccia o durante il bagno, è possibile anche massaggiare i capelli asciutti, ad esempio davanti alla tv, per 1-2 minuti.

Massaggio specifico

Il massaggio viene eseguito da operatori specializzati nei centri estetici o dal parrucchiere, ad esempio al momento del lavaggio, abbinato al trattamento con lo shampoo o con speciali detergenti e oli per capelli. In questo caso, si utilizzano tecniche più complete che prevedono anche stimolazioni e frizioni.

Massaggio terapeutico

Il massaggio del cuoio capelluto viene praticato da un professionista con l'ausilio di prodotti specifici e sostanze farmacologicamente attive. Il cuoio capelluto viene massaggiato delicatamente e le frizioni delle dita sulla cute fanno affluire una maggiore quantità di principi nutritivi e ossigeno alla radice del capello. In questo modo, i massaggi rinforzano i capelli e costituiscono una forma di prevenzione alla loro caduta.

Quali prodotti si possono utilizzare per il massaggio dei capelli?

I prodotti con i quali è possibile effettuare il massaggio dei capelli sono davvero molti. Si passa, infatti, da prodotti semplici, come l'olio di oliva e di argan, fino ad arrivare ai veri e propri oli per capelli formulati con diverse sostanze attive e nutritive.

Il massaggio dei capelli, inoltre, può essere effettuato anche con detergenti o shampoo, durante i normali lavaggi. Infine, non mancano certo i prodotti fitoterapici e naturali.

Avvertenze e Controindicazioni

Esistono delle controindicazioni al massaggio dei capelli?

  • In generale, non ci sono situazioni in cui il massaggio del cuoio capelluto sia da evitare; tuttavia, dal momento che tale gestualità ha l'effetto di stimolare le ghiandole sebacee e favorisce la produzione di sebo, qualora il soggetto ne produca già in eccesso (come nei casi di seborrea) si devono evitare sedute troppo prolungate (il massaggio andrebbe praticato per non più di pochi minuti al giorno, abbinando una lozione delicata per detergere e purificare la cute).
  • Se durante il massaggio si avverte un leggero indolenzimento della cute, invece, è possibile che ci sia un'infiammazione; in questo caso, è consigliabile approfondire lo stato di salute del cuoio capelluto e dei capelli con una visita specifica.

Attenzione! Se all'aumentata caduta si associa un diradamento evidente è fondamentale rivolgersi al medico per una diagnosi ed una terapia appropriata.

CONDIVIDI:

Autore

Dott.ssa Giulia Bertelli

Dott.ssa Giulia Bertelli

Biotecnologa Medico-Farmaceutica
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici