Unghie

Manicure con l'acrilico: a cosa fare attenzione per evitare problemi e mantenere le unghie sane

Manicure con l'acrilico: a cosa fare attenzione per evitare problemi e mantenere le unghie sane
Ultima modifica 24.04.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Manicure con l’acrilico: pro e contro
  2. Cos’è questo tipo di manicure?
  3. Perché le unghie in acrilico sono così famose?
  4. L'acrilico può creare dolore?
  5. Come evitare problemi dopo questa manicure
  6. Come prendersi cura delle unghie acriliche

Manicure con l’acrilico: pro e contro

Tra le diverse tecniche di manicure ce ne sono alcune che, per la loro praticità, durabilità e versatilità, diventano in pochissimo tempo tra le opzioni preferite e più popolari. Tra queste, la manicure con l'acrilico o unghie acriliche, è senza dubbio tra le più gettonate ma è anche una tecnica a cui prestare massima attenzione. Poiché può provocare dei problemi se non la esegue correttamente.

Prima di scoprire perché la manicure con l'acrilico necessita di maggiori informazioni prima di essere eseguita e quali tipologie di disturbi può causare, però, ti ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornati su tutte le novità.

Cos’è questo tipo di manicure?

Quando si parla di manicure con l'acrilico ci si riferisce a un particolare metodo di ricostruzione delle unghie, forse il più conosciuto e utilizzato. Si tratta di una metodologia nata tra gli anni Quaranta e Cinquanta negli Stati Uniti e si realizza mescolando un polimero (la polvere acrilica) con un monomero (un liquido apposito).

L'unione tra questi i due agenti, permette di ottenere un composto molto compatto e modellabile e che, una volta steso sulla superficie dell'unghie, non necessita di lampade UV per solidificare e resistere sull'unghia stessa.

Per approfondire: Manicure consigliata a ogni età

Perché le unghie in acrilico sono così famose?

Quella con l'acrilico è un tipo di manicure particolarmente durevole e che si contraddistingue per la sua consistenza: per essere specifiche non cola, e questo gli consente di essere utilizzata in modo pratico per la realizzazione di decorazioni sulle unghie o nail art particolarmente elaborate.

In più grazie alla durezza e alla robustezza dell'acrilico, è una tipologia di manicure molto in voga per allungare le unghie quando queste risultano molto corte e/o deboli. Una manicure che quindi, almeno sulla carta, parrebbe ottima in termini di prestazioni ed effetto finale.

Ma attenzione perché anche le unghie acriliche possono avere delle controindicazioni. In alcuni casi, infatti, è possibile che si venga a creare una sensazione di dolore post manicure. Una reazione non comune e che non determina la pericolosità delle unghie acriliche ma che è bene approfondire.

Per approfondire: Manicure professionale: cosa comprende

L'acrilico può creare dolore?

Normalmente, infatti, la manicure non dovrebbe creare sensazioni spiacevoli e/o dolorose e quando questo accade è perché qualcosa non va.  Nel caso specifico della manicure con l'acrilico, per esempio, il dolore può essere causato da diversi fattori tra cui:

  • Una forza eccessiva esercitata durante la realizzazione della stessa e in particolare nel processo di riempimento delle unghie. Se la tecnica utilizzata non è corretta, infatti, la pressione esercitata durante l'applicazione dell'acrilico può provocare dolore e perdurare anche post manicure;
  • Dall'incastro delle unghiein materiali e oggetti che ne determinano la rottura o la formazione di crepe, come quando si afferra la zip di una giacca;
  • La formazione di reazioni allergiche, anche nota come dermatite da contatto, che può verificarsi toccando l'acrilato monomerodurante la sua applicazione, provocando bruciore, desquamazione, orticaria e prurito fino anche alla formazione di vesciche;
  • Il sollevamento dell'acrilico dalla base dell'unghia. Una delle cause più comuni di dolore e che arriva da una manicure con l'acrilico realizzata in modo errato, in particolare durante la stesura dello stesso. Un errore che può portare alla formazione di funghi e batteri dati dall'accumulo di sporco e umidità tra l'unghia e lo strato di acrilico, e che può portare a infezioni della parte.

Tutti fattori che possono causare dolore post manicure, ma  che si possono evitare rivolgendosi a personale esperto e a un centro specializzato.

Per approfondire: La manicure con lo smalto gel è pericolosa?

Come evitare problemi dopo questa manicure

Per occuparsi di manicure e nail art, infatti, è necessaria una qualifica professionale, l'onicotecnica. Un titolo che si acquisisce dopo il superamento di tirocini e corsi di formazione appositi. Nulla di improvvisato, quindi, ma una vera e propria certificazione di idoneità e di professionalità.

Dopotutto le unghie sono una parte importante del nostro corpo, dotate di una struttura interna di vasi sanguigni che si trova nel letto ungueale, il cui compito è quello di trasportare ossigeno.

Per questo, per sottoporsi alla manicure con l'acrilico, è fondamentale rivolgersi sempre a dei centri specializzati, assicurandosi della qualifica del personale, dell'igiene dell'ambiente e degli strumenti utilizzati.

Igiene che deve essere mantenuta anche a casa propria, curando le vostre unghie e le mani quotidianamente ed evitando la formazione di infezioni batteriche e/o fungine.

Per approfondire: Come prenderci cura delle unghie

Come prendersi cura delle unghie acriliche

Normalmente, una manicure con l'acrilico realizzata a regola d'arte può durare anche fino a 4-5 settimane. Ma solo se curata nel modo corretto. Per prima cosa è bene optare per detergenti antibatterici e delicati sulla pelle e sulle unghie, da utilizzare con un'apposita spazzola per unghie e un spugnetta.

Le unghie devono essere strofinate nella loro parte inferiore, assicurandosi di eliminare ogni traccia di sporco depositato. Una volta risciacquate bene, poi, è necessario pulire la superficie dell'unghia con una spugna inumidita, passandola delicatamente sulla parte.

Dopo di che si risciacquano nuovamente le unghie avendo cura di asciugarle perfettamente, tamponandole con un asciugamano pulito. E finendo il tutto applicando un buon idratante, utile sia per le unghie che per la mani in generale.

Infine, è bene ricordarsi che la manicure con l'acrilico deve essere eseguita solo da professionisti, così anche come la sua rimozione, evitando di creare danni alle unghie con procedimenti non corretti e prodotti non adeguati.

CONDIVIDI: