Unghie

Come si fa a far durare davvero a lungo la manicure?

Come si fa a far durare davvero a lungo la manicure?
Ultima modifica 20.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. I consigli per fare durare la manicure più a lungo
  2. Handcare e gesti da non trascurare
  3. Quando fare la manicure?
  4. Cura delle mani professionale e durata
  5. Le tipologie di manicure che durano di più
  6. L'importanza della forma dell'unghia
  7. Quante volte a settimana fare la manicure?
  8. Altri consigli per far durare la manicure

I consigli per fare durare la manicure più a lungo

Passiamo molto tempo a prenderci cura del nostro corpo e a fare attenzione a quelle che sono, per esempio, le esigenze della pelle del viso. Ma quanta attenzione dedichiamo alle mani? Anche questa parte del corpo ha bisogno di gesti d'amore e la manicure è senz'altro uno di questi, da non fare una tantum, ma da ripetere con regolarità.

Pensiamoci bene: dopo la manicure ci sentiamo in ordine, osserviamo le mani ammirandone la luminosità e la bellezza. E poi? Poi tocca a noi farla durare, e probabilmente è proprio qui che nasce qualche problema. Proprio per questo, oggi vi daremo dei consigli per rendere durevole questo trattamento benefico e farvi godere più a lungo di mani bellissime. Prima, però, vi ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornata su tutte le novità su benessere, bellezza e salute.

Handcare e gesti da non trascurare

La manicure è molto più importante di quanto si possa pensare, perché oltre a essere un momento di benessere dedicato a noi stesse, è anche un trattamento che ci aiuta anche sotto moltissimi altri aspetti: previene e contrasta l'invecchiamento delle mani, le ringiovanisce e permette in generale di prendersi cura della pelle di questa parte del corpo.

Non molte persone sanno, però, che per godere di tutti i benefici della manicure occorre avere una vera e propria routine di handcare che, per altro, dovrebbe ripetersi ogni giorno e che dovrebbe essere composta dai seguenti passaggi:

  • Pulizia con acqua tiepida e sapone delicato;
  • Asciugatura attenta;
  • Applicazione di una crema mani;
  • Applicazione di oli per cuticole.

Tutti questi piccoli gesti quotidiani, che per altro non richiedono tantissimo tempo, sono essenziali per far durare la manicure perché permettono di avere, già di base, una pelle predisposta all'assorbimento di nutrienti e unghie forti e sane. La pulizia con acqua tiepida e sapone delicato è perfetta per mantenere la pelle priva da impurità e l'asciugatura deve essere attenta per evitare piccoli ristagni che possono indebolire le unghie.

Sia al mattino che alla sera va poi applicata una crema mani (le migliori sono quelle ricche, a base di ceramidi, acido ialuronico e acidi grassi), mentre prima di andare a dormire è il momento dell'olio per cuticole, da applicare facendo piccoli movimenti circolari che possono riattivare il microcircolo.

Un consiglio in più? Monitorare l'andamento di crescita delle vostre unghie e in generale il loro aspetto, e quando necessario procedere con una limatura e con una piccola spinta all'indietro delle cuticole. Non usate mai le forbici, né per tagliare le unghie né per rimuovere le cuticole: nel primo caso si rischiano piccoli traumi alla lamina ungueale e nella seconda sanguinamenti che possono portare infezioni.

Per approfondire: Unghie senza smalto perfette: ecco come averle

Quando fare la manicure?

Se i gesti di handcare devono essere quotidiani, anche la manicure deve essere regolare. Questo significa che non esiste un reale momento nella vita in cui questo trattamento diventa necessario, perché dovremmo in realtà imparare a farlo diventare un appuntamento fisso, ricordando che può davvero aiutarci a far diventare le unghie più forti e a nutrire la pelle.

In generale, se possiamo darvi un consiglio, sarebbe bene iniziare a fare una manicure regolare già a partire dai 25 anni, momento in cui si innesca il processo di invecchiamento cutaneo e quindi tutta la nostra pelle (mani comprese) ha bisogno di attenzioni più mirate.

Inoltre, sarebbe bene ricorrere alla manicure se le nostre mani sono screpolate o ricche di calli. Si tratta di chiari segnali di disidratazione della pelle ed è essenziale correre ai ripari. In questi casi sarebbe preferibile puntare anche su una manicure curativa professionale che è anche l'ideale in caso di unghie deboli, fragili oppure che tendono a sfaldarsi, per ridare forza al letto ungueale e trattarlo nel modo migliore con smalti rinforzanti e oli.

Cura delle mani professionale e durata

Come abbiamo accennato, la manicure professionale è sicuramente un trattamento che ha una resa molto più lunga rispetto a quella fai da te. D'altra parte si tratta di una procedura che mira a rafforzare le unghie e a migliorarne la salute, curandone al tempo stesso la bellezza. Viene eseguita da personale competente ed esperto e si compone dei seguenti passaggi:

  • Immersione in acqua tiepida;
  • Limatura delle unghie;
  • Spinta all'indietro e taglio delle cuticole;
  • Rimozione di eventuali imperfezioni delle mani;
  • Applicazione di una base smalto;
  • Applicazione della tipologia di smalto (o del colore) scelto;
  • Applicazione di un top coat;
  • Pulizia, rifinitura e idratazione.

Prima di procedere con questi passaggi, per altro, l'onicotecnica stabilisce quali sono i modi migliori per valorizzare le nostre unghie. Saprà prendersi cura di unghie incavate, unghie rigate, unghie troppo dure o disidratate. Qualsiasi sia la condizione da cui si parte, questa professionista riuscirà a trovare i migliori prodotti ed eseguire la manicure giusta. La durata della seduta, ovviamente, dipende dallo stato di partenza delle unghie e delle tecniche che verranno scelte. 

Per approfondire: Manicure consigliata a ogni età

Le tipologie di manicure che durano di più

Posto che, come abbiamo detto, occorre affidarsi a una professionista che saprà indicare l'opzione migliore in base alle nostre necessità e alle condizioni generali delle unghie, la durata della manicure varia anche in base a quella che è la tipologia di smalto che si andrà ad applicare. L'onicotecnica potrebbe suggerire:

  • Smalto normale: uno smalto semplice, che non richiede troppi passaggi e che può durare da una settimana a dieci giorni;
  • Semipermanente: uno smalto che contiene polimeri fotoindurenti, dalla consistenza del tutto simile a uno smalto normale, che può durare circa 15 giorni;
  • Semipermanente rinforzato: uno smalto fotoindurente ibrido tra semipermanente e gel, dalla consistenza più viscosa, la cui durata si attesta intorno ai 20 giorni;
  • Gel: un prodotto che somiglia a uno smalto ma che in realtà è una vera e propria sostanza gel fotoindurente che può durare fino a 4 settimane e diventa altamente resistente e che restituisce anche un aspetto brillante e luminoso;
  • Acrilico: un prodotto che mescola un polimero (la polvere acrilica) e un monomero (un liquido apposito). Non è fotoindurente e può durare fino a 5 settimane.

In alcuni casi l'onicotecnica potrebbe anche consigliarci una ricostruzione, che può essere fatta con i succitati smalti gel o acrilico e che va a ridefinire forma e lunghezza mantenendo la resistenza.

L'importanza della forma dell'unghia

Un altro modo per fare durare la manicure a lungo? Scegliere la forma dell'unghia giusta. Infatti ce ne sono alcune che resistono in modo più deciso a tutti quelli che possono essere i micro traumi che l'unghia subisce naturalmente (piccoli urti, sbalzi di temperatura, umidità). Le forme in questione sono:

  • Forma ovale;
  • Forma rotonda;
  • Forma a mandorla.

Mentre quelle succitate sono le forme più resistenti, se volete far durare la manicure dovreste invece evitare la forma quadrata, che presentando degli angoli più netti può sbeccarsi più facilmente, e quella a stiletto, che essendo lunga e affilata può rompersi in tempi molto brevi.

Per approfondire: Quale forma dell'unghia fare per apparire giovani?

Quante volte a settimana fare la manicure?

Per quanto riguarda le tempistiche, la frequenza giusta per la manicure dipende da molti fattori, compresa l'applicazione di specifici smalti. Tendenzialmente, comunque, si dovrebbe procedere così:

  • Ogni settimana con unghie naturali;
  • Due volte a settimana con unghie naturali se sono presenti problematiche;
  • Ogni 10 giorni con smalto classico;
  • Ogni 3 - 4 settimane con smalti gel o acrilici;

La manicure classica e senza smalto, che può essere fatta anche da sole a casa, va dunque eseguita almeno una volta a settimana, frequenza che può raddoppiare se abbiamo bisogno di ammorbidire calli e duroni o se notiamo la tendenza della pelle a seccarsi o a screpolarsi.

Quella con smalto classico, a meno che non siano necessari ritocchi, può essere fatta ogni 10 giorni, mentre quella con tipi di smalti specifici, di cui vi abbiamo già elencato le particolarità, può essere fatta ogni 3-5 settimane.

Altri consigli per far durare la manicure

Chiudiamo con altri piccoli consigli che possono essere davvero decisivi per far durare la manicure, e che sono riassumibili così:

  • Le unghie non sono attrezzi: più sono lunghe più le unghie vengono utilizzate come strumenti, ma non lo sono;
  • Proteggere le unghie è essenziale: se usiamo spesso prodotti chimici o solventi (sia per la pulizia che per hobby) ricordiamo di utilizzare dei guanti;
  • Non stacchiamo da sole gli smalti professionali: la rimozione forzata di gel, acrilico e semipermanente può causare traumi che renderanno meno durevoli le manicure successive;
  • Facciamo attenzione ai livelli di umidità: sia quando laviamo le mani sia quando andiamo al mare o siamo travolte da un'acquazzone, ricordiamo di asciugarci attentamente e fare molta attenzione a tamponare le unghie;
  • Non giochiamo con le unghie: piegare le unghie o tirarle può essere un comportamento naturale quando si è in ansia, ma questo gesto spesso inconscio può rovinare la loro flessibilità e renderle fragili;
  • Non mangiamo le unghie: l'onicofagia è uno dei motivi per cui le nostre manicure durano di meno e porta, a lungo termine, a problemi molto più seri e difficili da trattare.

Riguardo gli ultimi due punti, chiaramente sono molto influenzati dai nostri livelli di stress, di conseguenza anche per una buona salute delle unghie sarebbe bene seguire uno stile di vita sano, con un'adeguata quantità di esercizio fisico e attività rilassanti e che non trascuri un'alimentazione adatta.

CONDIVIDI: