Skincare

Come eliminare le macchie della pelle dopo i 40: strategie efficaci per un viso radioso

Come eliminare le macchie della pelle dopo i 40: strategie efficaci per un viso radioso
Ultima modifica 05.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Macchie della pelle dopo i 40, un problema comune
  2. Cosa sono le macchie cutanee?
  3. Perché si formano le macchie sulla pelle dopo i 40 anni?
  4. Tipologie di macchie della pelle dopo i 40 anni
  5. Macchie della pelle dopo i 40: come eliminarle

Macchie della pelle dopo i 40, un problema comune

Le macchie della pelle dopo i 40 anni, sono un problema piuttosto diffuso e che può presentarsi per diverse ragioni. Fra tutte spiccano sicuramente l'invecchiamento cutaneo, l'esposizione ai raggi UV e le scottature solari, con conseguente stress ossidativo e alterazioni del metabolismo delle cellule cutanee. Un problema che nel momento in cui appare, fa sorgere un'unica domanda, ovvero come liberarsene il prima possibile e in modo efficace.

Prima di scoprire come prenderti eliminare le macchie della pelle dopo i 40 anni, però, ricordati di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornata su tutte le novità di benessere, salute e bellezza.

Cosa sono le macchie cutanee?

Ma andiamo con ordine e proviamo prima a capire cosa sono queste macchie cutanee e cos'è che provoca, nello specifico, la formazione delle macchie della pelle dopo i 40 anni.

Quando si parla di macchie sulla pelle, si fa riferimento a una tipologia di iperpigmentazione cutanea che si manifesta attraverso la comparsa di aree più scure sulla pelle rispetto al suo colore naturale. Un plus di colore dovuto a una distribuzione non omogenea e uniforme di melanina, che può comparire su qualsiasi tipologia di carnagione, anche se più visibilmente in quelle chiare.

Per approfondire: Macchie sulla pelle del viso: quali sono le cause e cosa fare?

Perché si formano le macchie sulla pelle dopo i 40 anni?

Le cause che maggiormente influiscono sulla formazione di macchie della pelle dopo i 40 anni, anche chiamate macchie da invecchiamento, sono due: il sole e l'inquinamento.

Nel primo caso, per esempio, l'esposizione nel tempo ai raggi solari o alle lampade abbronzanti va a creare un danno alla pelle e questo non accade solo durante il periodo estivo, ma anche in tutte le altre stagioni dell'anno, sia con il sole che con le nuvole, poiché i raggi UVA e infrarossi, ci sono sempre e penetrano in profondità nella pelle, andando ad alterarne il normale equilibrio.

Nel secondo caso, invece, a incidere sulla formazione di macchie della pelle dopo i 40 anni è l'inquinamento. Una minaccia più subdola del sole, che con una bella scottatura ci avvisa di aver esagerato con l'esposizione, poiché questa non da segnali così evidenti del suo effetto sulla cute

Tipologie di macchie della pelle dopo i 40 anni

Le macchie cutanee sono un danno subito dalla pelle. Un danno che che si concretizza con la comparsa di discromie che, se compaiono dopo i 40 anni di età, sono raggruppabili in 6 tipologie diverse:

  • lentiggini solari o macchie senili: che possono comparire sul volto, le mani, le braccia e altre parti del corpo esposte al sole;
  • lentiggini o lentigo senili: le classiche lentiggini che possono comparire già in giovanissima età ma che, con l'avanzare della stessa, possono comparire a causa dell'aumento del numero dei melanociti e della melanina;
  • melasma o cloasma: ovvero una concentrazione di melanina che origina delle macchie scure sulla pelle del viso (guance, fronte e mento);
  • cheratosi attinica: si tratta di macchie di colore scuro o tendenti al giallo simili a un'abrasione che si formano sulle mani, le braccia, il decolleté e il volto. Sono macchie che si originano esclusivamente a causa dell'esposizione al sole senza la giusta protezione e che possono dare anche prurito;
  • cheratosi seborroica: che avviene solitamente dopo i 50 anni e prevalentemente per cause genetiche, ovvero da una predisposizione familiare.
  • nevi o nei: solitamente di origine benigna, i nei sono la conseguenza di un accumulo di melanociti, ovvero le cellule che producono i pigmenti della pelle.
Per approfondire: Mappatura dei Nei: Cos'è? Come si esegue e Perché è importante

Macchie della pelle dopo i 40: come eliminarle

A seconda della causa e della loro tipologia, le macchie della pelle dopo i 40 anni possono essere più o meno difficili da eliminare ed è importante avere una valutazione medica o dermatologica delle stesse prima di intervenire.

Nel caso in cui le macchie siano di recente formazione e quindi poco profonde è possibile intervenire con dei cosmetici utili a ridurle o addirittura eliminarle. Fra questi cosmetici troviamo sieri a base di sostanze antiossidanti e/o schiarenti, come per esempio quelli a base di Vitamina C.

La situazione può migliorare anche utilizzando delle sostanze apposite che agiscono in punti diversi del processo che porta alla formazione della melanina, come l'acido glicirretico, l'acido azelaico, l'acido cogico, l'acido glicolico, l'arbutina, il B-recorcinolo e fino alla vitamina B3.

Ottimo anche l'utilizzo di questi prodotti in aggiunta a quelli a base di retinolo, che hanno un'azione esfoliante sulla pelle e che oltre a favorire il ricambio cellulare e la produzione di nuove cellule vanno a eliminare il danno subito dalla cute ed eventuali macchie.

Se le macchie della pelle sono più profonde, invece, magari in caso di melasma o di formazioni più "vecchie", può essere che questi rimedi non siano sufficienti e che si rendano necessari altri trattamenti più specifici e che penetrino in profondità nella cute. Per esempio attraverso dei preparati galenici o creme dermatologiche (che devono essere prescritte dal medico), utili a schiarire le macchie e, nel caso non fossero sufficienti, da usare come preparazione per trattamenti al laser o peeling, anche a seconda della tipologia di macchie da trattare.

In ogni caso, quindi, prima di trattare le macchie della pelle dopo i 40 anni è sempre opportuno sottoporsi a una visita specifica, per avere un quadro generale della situazione e agire in modo mirato a seconda della tipologia di discromie da eliminare, facendolo in modo sicuro e mirato e garantendosi una pelle dal colorito uniforme e radiosa.

CONDIVIDI: