Skincare

Perché lavare il viso solamente con acqua non basta, ma serve utilizzare un detergente?

Perché lavare il viso solamente con acqua non basta, ma serve utilizzare un detergente?
Ultima modifica 16.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Perché è meglio lavare il viso con il detergente?
  2. Pulire il viso solo con acqua: gli effetti negativi
  3. A cosa serve la detersione e come agisce?
  4. Come si sceglie il detergente giusto?
  5. Doppia detersione: perché e quando sceglierla?
  6. Pulizia del viso: fai da te e dall'estetista
  7. La pulizia dal viso dall'estetista

Perché è meglio lavare il viso con il detergente?

Il nostro viso è la parte del nostro corpo sempre esposta all'esterno: è perennemente in balia di intemperie, smog e di tante sostanze chimiche e non, che depositandosi sulla cute la sporcano, la ostruiscono e vanno a creare una serie di danni difficili da combattere se si trascura la cura della pelle.

Uno dei primi gesti di cura è sicuramente la pulizia, ma siamo proprio sicure di sapere come lavare il viso? Ancora oggi, per esempio, moltissime persone sono convinte che basti usare semplicemente l'acqua e via ma no, non è affatto così e adesso vedremo nel dettaglio perché. Prima di approfondire, però, vi invitiamo a seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di benessere, bellezza e salute.

Pulire il viso solo con acqua: gli effetti negativi

Lavarsi il viso è un gesto che rientra nella routine quotidiana, ma farlo solamente con l'acqua può avere conseguenze negative per la pelle. Gli effetti dell'acqua sull'epidermide sono legati prima di tutto alla temperatura:

  • Acqua calda: possiede proprietà vasodilatatorie. Ciò significa che dilata i pori e assorbe gli oli che compongono la naturale barriera cutanea della pelle, tendendo a seccarla se non accompagnata da un detergente ad hoc;
  • Acqua fredda: ha un effetto astringente e chiude i pori, ma se non è accompagnata da un detergente può sigillare all'interno dell'epidermide lo sporco e i batteri.  

Non solo: nel trattamento di alcune tipologie di dermatiti è sconsigliato l'uso della sola acqua. Per evitare questi effetti negativi è essenziale realizzare una detersione che sia appropriata. Qual è il trucco? Usare acqua tiepida unita, ovviamente a un buon detergente che pulisca, idrati e riattivi il flusso sanguigno, donando alla pelle un aspetto rimpolpato e sano.

A cosa serve la detersione e come agisce?

La detersione della pelle è un gesto di routine di bellezza che permette di avere una pelle del viso luminosa e pulita. Il detergente serve a eliminare i residui di make-up, le cellule morte, le impurità e le tossine che si accumulano senza provocare danni all'epidermide.

Questa operazione permette di lasciare la pelle fresca, morbida e luminosa, preparandola per assorbire al meglio i trattamenti successivi. Al contrario se la detersione non viene eseguita nel modo corretto i pori della pelle tenderanno a ostruirsi e di conseguenza la carnagione apparirà spenta.

Per approfondire: Pelle Luminosa e Pulita: detergenti viso e gesti per illuminare

Come si sceglie il detergente giusto?

Un altro aspetto essenziale riguarda la scelta del detergente che dovrà essere su misura e studiato in base alle necessità della pelle. I prodotti variano per texture, composizione e caratteristiche, ma in linea di massima possiamo dire che ci si può muovere in questo modo, optando per:

  • Detergenti viso arricchiti con ingredienti attivi e con proprietà purificanti in caso di pelli grasse;
  • Detergenti con estratti vegetali e delicati per le pelli sensibili e che tendono ad arrossarsi;
  • Latte detergente per pelli secche che hanno bisogno di idratazione e nutrimento;
  • Detergenti a base di vitamine e attivi antiage per pelli mature, dato che contrastano la formazione di rughe.

Il detergente può inoltre essere presente in commercio in forma di mousse, gel o sapone, e va abbinato ad uno struccante studiato per il contorno occhi che, come ben sappiamo, necessita di trattamenti specifici.

Doppia detersione: perché e quando sceglierla?

Un passo in più oltre al "semplice" uso della pulizia del viso? La doppia detersione, che negli ultimi anni è diventata sempre più famosa. La doppia detersione è l'ideale per detergere il viso e renderlo idratato, luminoso e pulito, perché consente di rimuovere l'impurità, il sudore e i residui di trucco che si possono accumulare nel corso della giornata.

Come si può intuire dal nome questa pratica, che deriva dalla skincare coreana, prevede di detergere due volte il viso:

  • Applicando un prodotto oleoso, ottimo per eliminare le impurità;
  • Applicando un gel detergente, ideale per eliminare tutte le cellule morte.

La doppia detersione è consigliabile in alcuni casi. Ad esempio quando si applica un trucco no-transfer oppure una protezione solare con base minerale. In questo caso i prodotti utilizzati in seguito agiranno al meglio.

La doppia detersione può rivelarsi utile pure in caso di pelle grassa, quando il detergente abituale non permette di rimuovere l'eccesso di sebo e l'uso di un solo detergente lascerebbe l'epidermide secca. Due detergenti, in questa situazione, possono rivelarsi più efficaci rispetto ad un solo prodotto più aggressivo.

Pulizia del viso: fai da te e dall'estetista

Acqua e detergente (o doppio detergente) dunque, ma non solo. Per dare al nostro viso tutto ciò che serve occorre una routine di pulizia ad hoc: dobbiamo infatti ricordare che la pelle è in grado tanto di assorbire sostanze inquinanti, polveri e smog quanto di accumulare e trattenere residui di sporco e make up che ostacolano la traspirazione cutanea alterando l'equilibrio del naturale film idrolipidico.

Per procedere alla perfezione dobbiamo partire al mattino, massaggiando con delicatezza il viso usando un detergente specifico, risciacquando con l'acqua tiepida e concludendo con un'asciugatura delicata, per poi applicare tonico, sieri, crema idratante e protezione solare.

Dobbiamo poi pulire nuovamente alla sera, puntando però su una detersione più profonda. Per prima cosa occorre rimuovere il trucco con un prodotto adatto e delicato, poi bisogna applicare il detergente e risciacquare con acqua tiepida, e infine applicare il tonico, sieri con principi attivi a lungo rilascio e una crema idratante ricca che può essere assorbita durante le ore notturne.

Una volta a settimana, preferibilmente alla sera, è consigliato fare uno scrub ad azione esfoliante per eliminare tutte le impurità accumulate, prima di concludere con la crema.  Da integrare una volta a settimana anche l'applicazione di una maschera. 

Per approfondire: Pulizia del Viso: fai da te e dall'estetista

La pulizia dal viso dall'estetista

Chiudiamo questo approfondimento sull'essenzialità dell'uso del detergente ricordandovi che la pulizia del viso si può fare anche dall'estetista e, anzi, ciclicamente sarebbe consigliato prenotarne una per affidarsi alle sapienti mani di una professionista.

La pulizia viso professionale prevede varie fasi, ma anche in questo caso si inizia con la detersione: l'estetista userà probabilmente un detergente gel o in mousse, ideali per cancellare le impurità e perfetti per preparare il viso ad assorbire meglio tutte le sostanze benefiche e nutritive che verranno applicate.

A seguire, la professionista irrorerà del vapore caldo sul viso e poi applicherà un tonico che permette di rinvigorire la pelle. Segue l'esfoliazione, che favorisce il distacco delle cellule morte presenti nello strato superficiale della pelle. In seguito vengono rimossi manualmente punti neri, impurità e foruncoli con estrema delicatezza e cura.

Si applica poi un siero concentrato specifico per il tipo di pelle e si esegue un massaggio ad azione linfodrenante. I passaggi finali prevedono l'uso di una maschera specifica e di una crema emolliente e idratante.

CONDIVIDI: