Skincare

Correttore occhi over 50: come usarlo nel modo corretto per un incarnato perfetto

Correttore occhi over 50: come usarlo nel modo corretto per un incarnato perfetto
Ultima modifica 13.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Correttore occhi over 50, un alleato di bellezza
  2. Cos’è il correttore?
  3. Come usarlo correttamente dopo i 50 anni?
  4. Qual è il correttore giusto?
  5. Consigli per scegliere il correttore
  6. L’idratazione, un passaggio fondamentale
  7. Come si applica?
  8. Dove applicarlo?
  9. Come fissare il correttore occhi

Correttore occhi over 50, un alleato di bellezza

Quando si parla di cosmetici e di prodotti irrinunciabili nella makeup routine di moltissime donne, il correttore occhi occupa un posto d'onore: è un alleato di bellezza che, insieme al fondotinta e al blush (o simili), aiuta a garantire al volto un aspetto sano, uniforme, luminoso e privo di imperfezioni.

Si tratta però di un prodotto che per essere davvero efficace deve essere applicato correttamente, anche a seconda della propria età. Ecco perché, quando si parla di correttore occhi over 50, ci sono tutta una serie di accorgimenti e attenzioni da tenere in considerazione, per ottenere un trucco naturale e per nascondere al meglio eventuali occhiaie e segni dell'età.

Prima di saperne di più, però, vi ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di benessere, bellezza e salute.

Cos’è il correttore?

Prima di capire come usare al meglio il correttore occhi sulle pelli over 50, è bene ricordare di quale prodotto beauty stiamo parlando. Il correttore, infatti, è un cosmetico specifico per la copertura e correzione delle discromie della cute, utile a minimizzare eventuali imperfezioni, brufoli, occhiaie e macchie sul viso.

Un prodotto che non è obbligatorio all'interno della propria routine makeup ma che si utilizza solo se necessario e unicamente sulla zona del viso da "correggere", sfumandolo bene e fissandolo con una cipria o un fondotinta una volta applicato.

Parlando di caratteristiche, poi, il correttore ha una formulazione più densa e con una pigmentazione più ricca e coprente rispetto al fondotinta. E lo si può trovare in diverse tipologie di texture, cremosa, compatta o fluida, a seconda delle esigenze e delle preferenze di chi lo utilizza.

Come usarlo correttamente dopo i 50 anni?

Fatte queste importanti premesse, un altro aspetto da considerare quando si parla di correttore è la sua modalità di utilizzo. Soprattutto nel caso specifico del correttore occhi over 50, per pelli mature e dalle necessità ben precise, occorre seguire questi step:

  • Usare il correttore giusto;
  • Idratare la pelle prima di applicarlo;
  • Metterlo solo dove serve;
  • Fissarlo.

La cute, infatti, con l'avanzare dell'età, presenta delle caratteristiche diverse rispetto alle pelli più giovani, come una minor idratazione, minor elasticità, la presenza di rughe e macchie scure e cedimenti cutanei. Tutti aspetti che vanno considerati se si vuole ottenere il massimo dal proprio make up.

Qual è il correttore giusto?

Cosa intendiamo quando diciamo che occorre scegliere il correttore giusto? In particolare, per le over 50 a fare la differenza è la texture cremosa o liquida. Le soluzioni in polvere, infatti, possono creare degli accumuli tra le pieghe della pelle che esalterebbero le imperfezioni invece di nasconderle.

Poi, occorre scegliere non un solo correttore ma almeno due. Il primo deve essere di una tonalità leggermente più chiara rispetto al vostro incarnato, mentre il secondo dovrà essere di uno specifico colore in base a quelle che sono le vostre necessità:

  • Colore giallo: è perfetto sulle occhiaie;
  • Arancio: è ideale per le macchie scure della pelle;
  • Verde: da usare se l'obiettivo è minimizzare i rossori;
  • Viola: utile per ravvivare aree del viso che risultano più spente.

Tenete presente che in commercio esistono anche delle palette che comprendono tutti i correttori e che in alcune aree del viso, in particolare nella zona del contorno occhi, usare due correttori è fondamentale per coprire bene tutte le imperfezioni.

Per approfondire: Armocromia contro le rughe: tutti i consigli migliori

Consigli per scegliere il correttore

Ricordate sempre che, come per qualsiasi prodotto, il migliore rimarrà sempre quello adatta al proprio tono e alla propria tipologia di pelle. Per questo è sempre importante conoscere a fondo le proprie caratteristiche, evitando formulazioni che possono essere aggressive o tonalità troppo chiare che andrebbero ad accentuare le imperfezioni o troppo scure, che non garantirebbero un effetto naturale al volto.

Per le pelli più mature, inoltre, è sempre meglio preferire delle formulazioni fluide e leggere, arricchite con agenti idratanti e che non appesantiscano la pelle. Prodotti che contengono acido ialuronico e oli adatti alle pelli over 50, come quello di jojoba, e che vi garantiscano un incarnato compatto, omogeneo e luminoso.

 

L’idratazione, un passaggio fondamentale

Scelti i nostri correttori, passiamo alle modalità d'uso effettive. Come abbiamo accennato, per ottenere l'effetto coprente desiderato è l'idratazione della pelle. Questo perché, come abbiamo accennato, la pelle matura tende a perdere in idratazione e ha difficoltà a trattenere l'umidità, in particolare quella del contorno occhi, che è già di base molto sottile e fragile.

Il consiglio è quello di applicare un prodotto in crema specifico e molto emolliente o, se si preferisce, anche con un olio apposito per questa area del viso. Questi prodotti vanno applicati sempre con movimenti delicati, picchiettandoli sul viso con il dito medio della mano (quello dal tocco più leggero) e partendo dall'esterno verso l'interno del contorno occhi.

Come si applica?

Il correttore va sempre sfumato, bene e delicatamente. Un gesto che si può fare direttamente con le dita o, se si preferisce, con un pennello morbido, in modo da stendere bene il prodotto e ottenere un effetto omogeneo, senza stacchi di colore e super naturale.

Usare uno strumento adatto è sicuramente una soluzione più efficace, perché grazie alle setole e alla forma del pennello si eviterà che il correttore occhi si depositi troppo nelle pieghe della pelle, andando ad accentuare eventuali rughe. A tal proposito, vi ricordiamo che è essenziale evitare gli accumuli di prodotto. Meglio utilizzare una piccola quantità di cosmetico, aggiungendolo di volta in volta solo se necessario.

Dove applicarlo?

Una volta idratata a fondo la pelle si può applicare il correttore avendo massima cura di farlo solo dove strettamente necessario. Il suo scopo, come detto, è quello di coprire eventuali discromie della cute, imperfezioni o macchie scure, occhiaie comprese.

Per le over 50 uno dei primi punti dove applicarlo è la zona del contorno occhi, specie a carico delle occhiaie, sfumandolo e insistendo leggermente dove sono più presenti le zampe di gallina. 

Applicazione del correttore Shutterstock

Un piccolo puntino di correttore può essere usato anche nell'angolo interno dell'occhio, sempre sfumandolo verso l'intera area, per dare luminosità allo sguardo. Poi, lo si può applicare ai lati del naso e nel contorno labbra, per minimizzare i cedimenti della pelle. Altre piccolissime quantità possono poi applicate su macchie e rossori, sfumando direttamente il correttore sulla zona interessata.

Si può anche stratificare il correttore se l'effetto coprente non è quello desiderato, ma attenzione sempre a non esagerare: troppi "livelli" di correttore porterebbero solo a creare un effetto maschera sul viso, appesantendo l'incarnato.

Per approfondire: Eliminare le Occhiaie: come fare e con quali rimedi?

Come fissare il correttore occhi

Infine, ultimo step per una corretta applicazione del correttore occhi over 50, è l'utilizzo di una cipria trasparente. Il motivo? Fissare i prodotti precedentemente utilizzati, in modo da prolungare la durata e l'effetto coprente dello stesso.

Per un risultato ad hoc, meglio optare per una cipria dalla formulazione idratante, evitando quelle dal finish matte che andrebbero a seccare la zone del contorno occhi accentuandone le imperfezioni. Passaggi fondamentale per utilizzare al meglio il correttore occhi sulla cute over 50 ed ottenere un incarnato luminoso, omogeneo e privo di discromie.

CONDIVIDI: