Capelli

Capelli in menopausa: come infoltirli e farli tornare a splendere

Capelli in menopausa: come infoltirli e farli tornare a splendere
Ultima modifica 23.04.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Capelli in menopausa: possiamo infoltirli?
  2. Come funziona il ciclo di vita dei capelli?
  3. Come cambiano i capelli con l'età?
  4. Come infoltire i capelli in menopausa?
  5. Dieta per capelli sani e stile di vita
  6. Integratori per capelli in menopausa
  7. Haircare per infoltire i capelli in menopausa
  8. Trattamenti utili per infoltire i capelli in menopausa
  9. I consigli per non stressare i capelli in menopausa

Capelli in menopausa: possiamo infoltirli?

L'arrivo della menopausa è un momento di svolta nella vita della donna. I nostri equilibri ormonali cambiano e i ritmi del nostro corpo rallentano, mutamenti che si riflettono anche sulla pelle e sì, sulla chioma. A voler essere precise, poi, la gestione dei capelli in menopausa può diventare un punto dolente perché la capigliatura può diventare fragile, secca e crespa.

Come se non bastasse, tra l'altro, può diradarsi o diventare così sottile da non avere più volume. Tutti questi fattori, insieme, possono portare a chiederci se è possibile infoltire i capelli, ispessirli e farli tornare sani e forti. La risposta è che sì, è possibile, ma naturalmente non esiste la bacchetta magica: occorre avere pazienza, cura e costanza. Prima di scoprire tutto sull'argomento, però, vi ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di benessere e bellezza.

Come funziona il ciclo di vita dei capelli?

Prima di scendere nel dettaglio e capire come infoltire i capelli in menopausa, occorre fare due piccole digressioni. La prima riguarda il ciclo naturale di vita dei capelli. Questi filamenti cheratinosi nascono, crescono e muoiono seguendo tre fasi chiave:

  • Anagen: la fase di crescita, che dura circa 3 anni negli uomini e 5 nelle donne;
  • Catagen: chiamata anche fase di regressione, che dura circa 2 o 3 settimane e corrisponde a uno stato di contrazione e restringimento del follicolo pilifero;
  • Telogen: detta anche di riposo, durante la quale i capelli morti rimangono ancorati al follicolo per circa 3 mesi per poi staccarsi.

Non bisogna quindi allarmarsi se ciclicamente, pettinandosi, ci si ritrova con la spazzola piena di capelli, visto che si tratta di un processo assolutamente naturale.In una situazione normale tutte le persone perdono almeno 50-60 capelli al giorno ma esistono momenti dell'anno, come la primavera e l'autunno, o fasi della vita, come la menopausa, che accelerano questo processo.

Per approfondire: Cura dei capelli: cosa non fare

Come cambiano i capelli con l'età?

La seconda digressione riguarda proprio il modo in cui i capelli cambiano con l'età e, in particolare, i loro mutamenti durante la menopausa. A incidere in particolare, in questa fase, è l'alterazione degli ormoni, che da una parte accorcia il naturale ciclo di vita dei capelli, e dall'altra:

  • Influisce sulla produzione di cheratina: in menopausa si abbassa il livello di estrogeni, cosa che altera il funzionamento cellulare e inficia la produzione di cheratina, proteina principale di cui sono fatti i capelli;
  • Influisce sulla produzione di sebo: durante la menopausa le ghiandole sebacee secernono meno sebo, sostanza oleosa che ha il compito di difendere il cuoio capelluto, di proteggere i follicoli piliferi fungendo da barriera cutanea e di nutrire e idratare i capelli;
  • Influisce sulla produzione di collagene ed elastina: lo scompenso ormonale riduce ulteriormente la presenza di collagene ed elastina nell'organismo. La loro quantità, ricordiamolo, inizia a diminuire già dai 25-30 anni, momento in cui si innesca il processo di invecchiamento cutaneo.

Cosa significa tutto questo? Che i capelli diventano più fragili, meno voluminosi e tendono a sfibrarsi. In alcuni casi le ciocche si indeboliscono fino a cadere e se ciò non accade appaiono comunque meno strutturate e luminose, oltre che più secche. Agendo anche sui follicoli piliferi, poi, i cambiamenti della menopausa determinano una crescita più lenta

Come se non bastasse, anche lo stress che molte donne vivono in questa fase di passaggio può peggiorare la situazione e portare a capelli meno in forma e inclini alla caduta.

Per approfondire: Perché molte donne hanno i capelli sfibrati in menopausa?

Come infoltire i capelli in menopausa?

Anche se l'indebolimento e la perdita di capelli in menopausa sono processi assolutamente fisiologici, questo non significa che non esistano soluzioni per mitigarli e ridimensionarli. Per fare in modo che la chioma rimanga folta e in salute è necessario rinforzarla attraverso diverse azioni congiunte, tra cui:

  • Alimentazione e abitudini sane;
  • Integratori per capelli;
  • Haircare adatta;
  • Fare trattamenti specifici.

A breve scenderemo nel dettaglio, ma prima dobbiamo farvi presente una cosa molto importante: se la fragilità, il diradamento e la caduta di capelli sono particolarmente significative, è meglio rivolgersi a un medico (possibilmente uno specialista, come un dermatologo o un tricologo), perché potrebbe trattarsi di alopecia androgenetica, un problema che coinvolge fino al 40% delle donne in menopausa.

Se si sospetta di rientrare in questa percentuale è bene comunicarlo tempestivamente al proprio medico, in modo che possa suggerire lozioni, soluzioni cutanee e trattamenti farmacologici adatti alla situazione.

Dieta per capelli sani e stile di vita

Alimentazione sana e buone abitudini sono il primo passo per infoltire i capelli in menopausa, ma andiamo per ordine parlando in primis della dieta. In questa fase della vita sarebbe fondamentale portare a tavola:

  • Proteine: carne, pesce, uova, latticini e legumi sono essenziali per la crescita dei capelli e per la riparazione della loro struttura;
  • Acidi grassi omega-3: salmone, sardine, semi di lino, noci e olio di pesce aiutano il cuoio capelluto a rimanere idratato, nutrendo la chioma e facendola diventare più spessa e densa;
  • Alimenti a base di ferro: carne rossa magra, fegato, fagioli, lenticchie, spinaci e tofu, ricchi di ferro, limitano il diradarsi e la caduta dei capelli;
  • Cibi con antiossidanti: frutta e verdura colorate, bacche, agrumi e verdure a foglia verde contengono antiossidanti fondamentali per evitare i danni causati dai radicali liberi e per rafforzare il fusto e la radice dei capelli;
  • Alimenti che contengono zinco e selenio: semi di zucca, tonno, gamberetti e fagioli contengono questi minerali, che rinforzano la chioma stimolando la sua crescita e mantengono la salute del cuoio capelluto.

Passando alle buone abitudini, è necessario assicurarsi di bere acqua a sufficienza per mantenere idratato il corpo e il cuoio capelluto. Non solo: se fumate dovreste smettere di farlo, perché il fumo di sigaretta danneggia i capelli sia dall'interno che dall'esterno. 

Sarebbe anche opportuno ricordare di proteggere i capelli dall'esposizione solare con degli spray adatti. In più, anche non cedere a una vita sedentaria ma rimanere attive e tenere il più lontano possibile lo stress aiuta enormemente a rendere più folta la nostra chioma.

Per approfondire: Caduta capelli menopausa: quali sono le cause? Quali i Rimedi?

Integratori per capelli in menopausa

Per rendere più folti i vostri capelli potreste anche ricorrere a degli integratori, che si trovano in commercio sia in capsule, che in compresse che in fiale. I più efficaci sono quelli che comprendono:

  • Biotina: vitamina nota per migliorare la salute dei follicoli piliferi e dei capelli, è coinvolta nella produzione di cheratina e permette ai capelli di diventare più forti e resistenti;
  • Acido folico: coinvolto nella sintesi del DNA e dell'RNA, fondamentali per la divisione cellulare e la crescita dei tessuti, l'acido folico coadiuva la crescita e previene la caduta;
  • Vitamina D: vitamina che regola il ciclo di crescita dei capelli. Aiuta a stimolare i follicoli piliferi e, in più, riduce eventuali infiammazioni del cuoio capelluto.

Se volete un consiglio, però, evitate il fai da te: per sapere di cosa necessitano davvero i vostri capelli e come infoltirli la cosa migliore da fare è rivolgersi a un tricologo, che farà un esame approfondito (il tricogramma) e vi suggerirà l'integratore corretto.

Haircare per infoltire i capelli in menopausa

Per quanto riguarda la cura dei capelli vera e propria, se li si vuole infoltire è fondamentale scegliere prodotti per il lavaggio e lo styling particolarmente delicati, che non li vadano ad aggredire.

Un'ottima idea è quella di farsi consigliare dal proprio medico soluzioni formulate appositamente, delicate e in grado di contrastare la secchezza cutanea e la caduta. Molte di quelle pensate per la menopausa contengono ferro, zinco, rame e magnesio, che se introdotti sinergicamente tramite l'alimentazione e la cura esterna possono davvero fare la differenza.

Anche prodotti con antiossidanti sono particolarmente consigliati, perché limitano i danni sui capelli dei radicali liberi, dovuti al processo di invecchiamento.

Per rendere più forti i capelli oltre a lavarli con i prodotti giusti è necessario fortificarli facendo almeno una volta a settimana una maschera che aiuti a rafforzarne la struttura, a idratarli in profondità e ad aumentare la lucentezza. Particolarmente valide quelle a base di caffeina e olio di Argan o borragine.

Per approfondire: Maschera ai capelli: quante volte a settimana?

Trattamenti utili per infoltire i capelli in menopausa

Per infoltire i capelli in menopausa, rinforzarli e renderli meno inclini alla caduta si può optare per dei trattamenti specifici. Molto utile quello alla cheratina, che rinforza anche il cuoio capelluto, proteggendolo dal deterioramento, ma non dimentichiamo l'importanza di quelli anti-age, che possono essere:

  • Idratanti;
  • Ricostruttivi;
  • Antiossidanti.

Quelli idratanti aiutano a mantenere la corretta idratazione del capello e generalmente contengono acido ialuronico, che aiuta a trattenere l'umidità e riduce la secchezza e la fragilità, mentre quelli ricostruttivi sono particolarmente utili per infoltire, perché agiscono sui capelli danneggiati fortificando la struttura capillare. Infine, quelli antiossidanti contengono vitamine ed estratti vegetali e proteggono dai danni dei radicali liberi.

I consigli per non stressare i capelli in menopausa

Chiudiamo questa piccola guida sull'infoltimento dei capelli durante la menopausa con una serie di consigli. Proprio perché la chioma è fragile, ricordatevi che dopo il lavaggio la parola d'ordine deve essere delicatezza: non frizioniamoli con troppa forza, perché  l'asciugamano potrebbe infatti stressarli enormemente e disidratarli, rendendoli più crespi e accelerando la caduta.

Meglio usare delicatezza e, se possibile, un panno in microfibra o in tessuto naturale. Anche le fonti di calore come phon e piastre andrebbero usate con parsimonia, e se proprio non se ne può fare a meno sarebbe bene usare un termoprotettore. Infine, quando usiamo la spazzola, facciamo dei movimenti delicati e lenti e cerchiamo di non avere fretta.

CONDIVIDI: