Beauty wellness

Quale è il legame tra la cellulite e la postura?

Quale è il legame tra la cellulite e la postura?
Ultima modifica 14.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Cellulite e postura: la correlazione da approfondire
  2. Cellulite: cause e sintomi
  3. Postura e cellulite: qual è il legame?
  4. Abitudini correlate che aumentano la cellulite
  5. Come migliorare la postura con l'attività fisica?
  6. Esercizi per migliorare la postura
  7. Postura e stile di vita sano

Cellulite e postura: la correlazione da approfondire

Chi non si è preoccupata almeno una volta della cellulite? Questo inestetismo, caratterizzato da depositi di grasso sotto la pelle che danno un aspetto irregolare alla superficie cutanea, è un problema comune che colpisce molte persone: secondo le statistiche, sarebbero nove donne su dieci a soffrire di questo problema.

Sebbene le cause precise della cellulite siano ancora oggetto di studio, si ritiene che una combinazione di fattori genetici, ormonali, metabolici e di stile di vita possa contribuire al suo sviluppo.

Tuttavia, uno dei fattori meno noti, ma comunque significativi è la postura. In questo articolo esploreremo più in dettaglio il legame tra cellulite e postura. Vedremo anche come migliorare quest'ultima possa influenzare positivamente l'aspetto della nostra pelle su cosce e glutei. Ma prima, vi invitiamo a seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere sempre aggiornati su tutte le novità.

Cellulite: cause e sintomi

Prima di parlare di postura, facciamo un piccolo passo indietro. Cosa è la cellulite? Questo inestetismo si manifesta quando i depositi di grasso sotto la pelle si spingono attraverso il tessuto connettivo, creando piccoli rigonfiamenti e depressioni sulla superficie, dando origine al fenomeno che conosciamo comunemente come pelle a buccia d'arancia.

Questo fenomeno è più comune nelle aree del corpo con una maggiore concentrazione di grasso, come cosce, glutei e addome. Mentre le cause esatte della cellulite possono variare da persona a persona. E' comprovato che diversi fattori, come predisposizione genetica, squilibri ormonali, cattive abitudini alimentari e stile di vita sedentario possono contribuire alla sua comparsa.

Anche un cattivo microcircolo può portare all'insorgenza di cellulite: quando il sistema circolatorio e linfatico non riesce a drenare efficacemente i liquidi, l'edema può svilupparsi, comprimendo i vasi sanguigni e aggravando il problema. Questa compressione può anche influenzare le cellule adipose, portandole a subire pressioni eccessive che potrebbero addirittura causarne la rottura, provocando il rilascio di grasso e tossine nell'interstizio cellulare.

Per approfondire: Combattere e sconfiggere la cellulite: come fare?

Postura e cellulite: qual è il legame?

Ma veniamo ora al focus del nostro articolo. Come abbiamo anticipato all'inizio un aspetto meno conosciuto ma importante correlato alla cellulite è la postura. Una postura scorretta può influenzare la distribuzione del peso corporeo e la tensione sui tessuti sottocutanei, contribuendo all'insorgenza della cellulite.

Ad esempio, una postura curva, anche nota come slouching, può esercitare un'eccessiva pressione sui tessuti della parte bassa della schiena e delle cosce, favorendo la formazione della cellulite in queste aree. Inoltre, mantenere una posizione scorretta può compromettere la circolazione sanguigna e linfatica, riducendo la capacità del corpo di eliminare le tossine e i fluidi in eccesso che possono contribuire alla cellulite.

Proprio perché la cellulite e la postura siano strettamente interconnesse, anche coloro che devono passare lunghi periodi da seduti, magari per lavoro, rischiano di sviluppare questo inestetismo.

Per approfondire: Rughe e postura: quale relazione?

Abitudini correlate che aumentano la cellulite

Ma ci sono anche altri aspetti che possono contribuire ad aggravare il problema. Un esempio? I tacchi alti possono favorire una postura sbagliata o influenzare il microcircolo, così come l'abitudine di tenere le gambe accavallate per lunghi lassi di tempo.

Ultimo ma non meno importante, anche come dormiamo può influenzare l'aspetto della cellulite. Dormire in una posizione che mette pressione eccessiva su determinate parti del corpo, come dormire sulla pancia o incrociando le gambe, può rallentare la circolazione linfatica e favorire la formazione dell'inestetismo.

Buona abitudine, oltre a fare movimento regolare e avere uno stile di vita sano ed equilibrato, è dotarsi di sedute ergonomiche - specie in ufficio - e limitare il sollevamento di pesi o l'utilizzo di borse pesanti sempre sulla stessa spalla.

Come migliorare la postura con l'attività fisica?

Fra postura e cellulite c'è una forte correlazione, di conseguenza se ci accorgiamo di adottarne spesso una sbagliata (volontariamente o per cause di forza maggiore) sarebbe bene correre ai ripari. Come? Con l'attività fisica, che dovrebbe comprendere due tipologie di workout:

  • Esercizi di rafforzamento muscolare: incentrati sul core, sulla schiena e sulle gambe possono aiutare a sostenere la colonna vertebrale e a migliorare la postura generale del corpo;
  • Stretching ed esercizi flessibilità: si concentrano sui muscoli e sui tessuti molli e possono contribuire a prevenire la tensione e la rigidità che possono compromettere la postura.

Entrambe le tipologie di esercizio sono incluse, per esempio, nel pilates o nello yoga. Se però non avete tempo o voglia per iscrivervi a dei corsi, non temete: potete anche fare degli esercizi, al mattino o alla sera, che possono aiutare. 

 

Esercizi per migliorare la postura

Gli esercizi per migliorare la postura possono essere praticati anche a casa. Ovviamente si tratta di esercizi di base, che però a lungo andare possono dare dei risultati: il segreto è sempre la costanza. Ecco alcuni esempi:

  • Sediamoci a terra e facciamo in modo che i glutei tocchino le piante dei piedi. Pian piano scivoliamo verso terra fino ad appoggiare la testa. Una volta raggiunta la posizione, inarchiamo la schiena e rimaniamo in posizione per un minuto;
  • Mettendoci in ginocchio, assicuriamoci che la schiena sia allineata e che le gambe siano dritte. Flettiamo poi il corpo all'indietro, senza muovere la testa e senza sforzarci troppo: manteniamo la posizione per un minuto;
  • Mettendoci in piedi, divarichiamo e pieghiamo leggermente le gambe. Dopodiché, scendiamo gradualmente da questa posizione fino a poggiare i palmi per terra. Non incurviamo la schiena, non solleviamo i talloni e rimaniamo in questa posizione per un minuto.

Ricordatevi sempre di ascoltare il vostro corpo: non scoraggiatevi per la fatica, specie se non siete avvezze allo sport, ma non spingetevi oltre qualora sentiste dolore.

Postura e stile di vita sano

A influenzare la postura (e la cellulite) possono essere molti fattori che occorre tenere in considerazione. Per cominciare, bisogna avere un certo livello di consapevolezza: facciamo autoanalisi e cerchiamo di capire se effettivamente passiamo molto tempo in posizioni scorrette e nocive e qualora fosse così cerchiamo di fare regolarmente pause per correggerci: in questo modo si può prevenire la formazione della cellulite e si può migliorare il benessere generale.

Ricordiamoci anche che una dieta corretta influisce su postura e cellulite: il sovrappeso, infatti, può portarci ad assumere posizioni sbagliate, sovraccaricando la schiena e le gambe. Cerchiamo di mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato e otterremo sicuramente benefici su più livelli.

CONDIVIDI: