Hot topic: Cellulite
Beauty wellness

Cellulite: cause, sintomi, rimedi e prevenzione

Cellulite: cause, sintomi, rimedi e prevenzione
Ultima modifica 11.04.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Cellulite: le cause
  2. La cellulite non è tutta uguale
  3. Circolazione, ritenzione idrica e cellulite: il legame
  4. Alimentazione e cellulite
  5. I trattamenti per la cellulite

Cellulite: le cause

Il numero è enorme, addirittura circa 8 donne su 10 ne soffrono, anche se in modo diverso. Parliamo di cellulite, in assoluto uno degli inestetismi più diffusi, di cui ormai sono "vittime" anche gli uomini. La cellulite colpisce a tutte le età, anche se ha stadi diversi, più o meno seri. Si tratta di una condizione della pelle che si manifesta con un aspetto a buccia d'arancia e soprattutto in alcune zone del corpo: cosce, glutei, ma anche addome e braccia. È il risultato di una serie complessa di processi che coinvolgono il tessuto adiposo sottocutaneo e il microcircolo e può essere causata da fattori diversi. I più comuni:

  • Cause ormonali
  • Predisposizione Genetica
  • Cattivi stili di vita
  • Disturbi circolatori e del microcircolo
  • Alimentazione errata
  • L'utilizzo ricorrente di abiti troppo stretti che danneggiano la circolazione
  • Altri fattori, come l'invecchiamento o anche l'aumento di peso

La cellulite non è tutta uguale

Ci sono forme più severe che sono considerate una vera e propria patologia. È provocata da un'alterazione del derma e dell'ipoderma, ossia il tessuto connettivo che si trova sotto la pelle, ricco di cellule adipose. Questo stato d'infiammazione provoca una cattiva circolazione venosa, ritenzione idrica e anche un accumulo di tossine. Viene suddivisa in stadi diversi. È sempre bene conoscere lo stadio della cellulite in modo da trattarla nel modo migliore. Possono essere utili strategie diverse, anche combinate insieme. Consigliato un esame chiamato ecodoppler degli arti inferiori, per fare un esame attento della circolazione.

  • Cellulite edematosa: è la forma più leggera ed è la più facile da trattare
  • Cellulite fibrosa: gli adipociti (le cellule del grasso) tendono a ingrossarsi e a questo si associa un ristagno di tossine e ritenzione idrica. Le zone con presenza di cellulite possono anche essere dolorose, se toccate o massaggiate.
  • Cellulite sclerotica: è presente un'insufficienza del circolo venoso locale, l'aspetto della pelle è definito a "materasso".

Circolazione, ritenzione idrica e cellulite: il legame

Ritenzione idrica e cellulite non sono la stessa cosa. Ma c'è uno stretto legame. Una cattiva circolazione può portare a un ristagno di liquidi, quindi uno stato di ritenzione idrica. Questo fenomeno può aumentare la pressione sui tessuti connettivi e provocare la comparsa di cellulite o peggiorarne lo stato. Quando soffriamo di ritenzione idrica si crea anche un accumulo di tossine nei tessuti. Queste possono contribuire alla degenerazione del tessuto connettivo, rendendo più visibile la cellulite. Importante quindi favorire una buona circolazione, migliorando così l'ossigenazione dei tessuti. Lo stile di vita gioca un ruolo fondamentale.

Le buone abitudini da seguire:

  • Mangiar sano
  • Essere sempre correttamente idratati: aiuta a mantenere una buona circolazione e a eliminare le tossine.
  • Fare un regolare esercizio fisico, mirato a favorire una buona circolazione. Passeggiate all'aria aperta e il nuoto sono attività semplici alleate del benessere fisico.
  • Massaggi linfodrenanti, eseguiti da mani esperte possono favorire il drenaggio dei liquidi e migliorare la circolazione.
  • Docciature calde e fredde stimolano la circolazione e migliorano il tono della pelle.
  • Fanghi anticellulite
  • Non fumare
  • Evitare gli alcolici
  • Indossare scarpe comode
  • Evitare di stare troppe ore seduti o in piedi. Sollevare le gambe quando possibile può favorire il ritorno venoso e aiutare a ridurre la ritenzione idrica.
Per approfondire: Cellulite: 5 dubbi comuni spiegati

Alimentazione e cellulite

L'alimentazione gioca un ruolo cruciale nella prevenzione e nella gestione della cellulite. Sebbene la dieta da sola non possa eliminare completamente la cellulite, può sicuramente contribuire a ridurne l'aspetto e prevenirne la formazione. Ecco come l'alimentazione può influenzare la cellulite.

I trattamenti per la cellulite

Sono diversi e variano in base alla gravità e da persona a persona. Le esigenze possono essere diverse. Oltre alla dieta, al movimento, esistono trattamenti locali anche casalinghi, terapie fisiche come il massaggio o l'uso di dispositivi specifici, fino a interventi medici più invasivi per i casi più severi. La consultazione con un dermatologo o un professionista della medicina estetica può aiutare a determinare il percorso di trattamento più appropriato. Un aiuto utile contro la cellulite viene anche dal mondo dei fanghi. Sono utili a migliorare l'aspetto della pelle e ridurre la visibilità dei segni della cellulite. Questi trattamenti si basano sull'applicazione topica di miscele di sostanze minerali e organiche, come alghe marine, argilla, fitoestratti, sali minerali e altri ingredienti naturali con proprietà benefiche per la pelle. Hanno un effetto detox, stimolano di conseguenza il processo di detossificazione della pelle, favorendo l'eliminazione delle tossine accumulate nei tessuti. Aiutano non solo contro gli inestetismi della cellulite, ma riducono anche le adiposità.
L'efficacia di trattamenti in generale è bene dire che varia da caso a caso.

CONDIVIDI:

Autore

Angelica Amodei

Angelica Amodei

Beauty Trainer
Angelica Amodei (Roma, 1976) è una giornalista, scrittrice e autrice televisiva. Per diversi anni è stata caporedattrice del mensile "Più Sani Più Belli". Ha lavorato come autrice per il canale televisivo Alice tv. Si occupa del programma "La salute vien mangiando" ed ha scritto e preso parte a 40 puntate di "In Gran Forma", trasmissione di salute, alimentazione e bellezza. Ha partecipato a diversi programmi Rai e Mediaset. E' autrice dei libri Sorsi di Benessere (2020), Altri sorsi di Benessere (2020) e La salute nel bicchiere (2023).