Bellezza

AHA, BHA e PHA: cosa sono e a cosa servono? Quali differenze?

AHA, BHA e PHA: cosa sono e a cosa servono? Quali differenze?
Ultima modifica 08.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. AHA, BHA e PHA: gli esfolianti per eccellenza
  2. Come funzionano?
  3. Alfa-idrossiacidi o AHA
  4. Beta-idrossiacidi o BHA
  5. AHA e BHA: cosmetici o farmaci?
  6. Poli-idrossiacidi o PHA
  7. Come si usano?
  8. A cosa prestare attenzione?

AHA, BHA e PHA sono acronimi frequentemente utilizzati in ambito cosmetico in quanto identificano ingredienti utilizzati per le loro proprietà esfolianti. Ma cosa sono realmente questi prodotti? Quali sono e a cosa servono? Quali differenze ci sono? Scopriamolo.

AHA, BHA e PHA: gli esfolianti per eccellenza

AHA, BHA e PHA sono ingredienti esfolianti - e, più precisamente, esfolianti chimici - largamente impiegati all'interno dei più svariati prodotti cosmetici, dalle creme per il viso, ai sieri viso fino alle maschere.

Come si può facilmente intuire, il loro compito - in quanto agenti esfolianti - è quello di promuovere il ricambio cellulare e il rinnovamento cutaneo, contribuendo a conferire alla pelle un aspetto più luminoso e rendere l'incarnato più uniforme.

Più nel dettaglio, possiamo distinguere:

  • Gli AHA o alfa-idrossiacidi (dall'inglese Alpha Hydroxy Acids);
  • I BHA o beta-idrossiacidi (dall'inglese Beta Hydroxy Acids);
  • I PHA o poli-idrossiacidi (dall'inglese PolyHydroxy Acids).

Conosciamoli più nel dettaglio.

Come funzionano?

Una volta applicati, gli AHA, i BHA e PHA esercitano la loro azione esfoliante andando a rompere i legami che tengono uniti i corneociti, le cellule cutanee più superficiali, promuovendo in questo modo i meccanismi di turnover cellulare.

A seconda della tipologia di esfoliante utilizzato si possono andare a trattare differenti tipi di problematiche e differenti tipi di pelle.

Alfa-idrossiacidi o AHA

Gli alfa-idrossiacidi sono acidi idrosolubili, ossia solubili in acqua. In ambito cosmetico possono essere incorporati come ingredienti (alle opportune concentrazioni) in diversi tipi di prodotti, oppure possono essere utilizzati per l'esecuzione di peeling.

Grazie al loro meccanismo d'azione, gli alfa-idrossiacidi sono in grado di:

  • Favorire l'eliminazione delle cellule cutanee superficiali, allontanando in questo modo anche eventuali cellule danneggiate;
  • Promuovere il rinnovamento cellulare:
  • Attenuare eventuali segni del tempo come linee sottili e poco profonde e macchie scure non troppo accentuate;
  • Ridurre la visibilità di eventuali cicatrici.

Appartengono al gruppo degli alfa-idrossiacidi:

In funzione del tipo di alfa-idrossiacido impiegato e della sua concentrazione, l'entità dell'esfoliazione ottenuta può variare.

Lo sapevi che…

Gli AHA sono anche noti con il nome comune di "acidi della frutta" poiché sono presenti all'interno di diverse tipologie di frutta. Ad esempio, l'acido malico è contenuto nelle mele, l'acido mandelico nelle mandorle, l'acido citrico negli agrumi, ecc.

Per approfondire: Acidi della Frutta: alfa-idrossiacidi in cosmesi

Beta-idrossiacidi o BHA

I beta-idrossiacidi sono acidi liposolubili, ossia solubili in sostanze oleose, quale è, ad esempio, il sebo naturalmente prodotto dalle nostre ghiandole sebacee.

Rispetto agli AHA, i beta-idrossiacidi tendono a penetrare più in profondità nella cute e a disciogliersi nel sebo qui prodotto. L'esponente principale di questa tipologia di prodotti esfolianti è rappresentato dall'acido salicilico.

Analogamente agli altri esfolianti, anche i BHA e l'acido salicilico promuovono il ricambio e il rinnovamento cellulare ma, viste le loro caratteristiche, risultano essere particolarmente indicati in presenza di pelli impure, pelli grasse e/o a tendenza acneica, a livello delle quali liberano i pori dal sebo in eccesso. L'acido salicilico può rivelarsi utile anche nell'attenuare piccole discromie cutanee. Lo si può trovare, pertanto, all'interno di svariati prodotti per il viso, così come può essere impiegato per effettuare peeling. Infine, questo BHA trova impiego anche all'interno di prodotti cosmetici destinati alla detersione del cuoio capelluto (shampoo) per combattere l'eventuale eccessiva produzione di sebo.

Per approfondire: Acido Salicilico per una pelle più bella: a cosa serve? Quando non usarlo?

AHA e BHA: cosmetici o farmaci?

Come abbiamo detto, gli alfa- e i beta-idrossiacidi sono sostanze esfolianti largamente impiegate in cosmesi. Tuttavia, alle opportune concentrazioni, alcuni alfa-idrossiacidi, così come l'acido salicilico, possono rientrare nella composizione di veri e propri farmaci con indicazioni terapeutiche diverse in funzione del tipo di idrossiacido impiegato e della sua concentrazione. In questo caso, pertanto, si parla più correttamente di principi attivi per il cui uso è sempre opportuno il consulto preventivo con il proprio medico, anche se si tratta di farmaci acquistabili senza obbligo di presentazione di ricetta medica.

A questo proposito è doverosa una precisazione sulla differenza fra cosmetici e farmaci.

Quando si parla di prodotto cosmetico, infatti - come espressamente indicato sul sito ufficiale del Ministero della Salute - si intende "qualsiasi sostanza o miscela destinata ad essere applicata sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo esclusivamente o prevalentemente di pulirli, profumarli, modificarne l'aspetto, proteggerli, mantenerli in buono stato o correggere gli odori corporei".

Un farmaco o, più correttamente, un medicinale è invece da considerarsi come una "sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative o profilattiche delle malattie umane" o come una "sostanza o associazione di sostanze che possa essere utilizzata sull'uomo o somministrata all'uomo allo scopo di ripristinare, correggere o modificare funzioni fisiologiche, esercitando un'azione farmacologica, immunologica o metabolica, ovvero di stabilire una diagnosi medica".

Lo scopo del farmaco è quindi curare o prevenire condizioni patologiche. Il fatto che alcuni prodotti esfolianti possano ritrovarsi sia all'interno di cosmetici che all'interno di medicinali non significa che questi ultimi possano essere utilizzati con leggerezza o senza il consulto del medico che, al contrario, è sempre necessario.

Poli-idrossiacidi o PHA

I poli-idrossiacidi sono acidi che possono essere considerati simili agli alfa-idrossiacidi. Come loro, sono idrosolubili ma, a differenza di questi ultimi, possiedono una struttura chimica di dimensioni più grandi, quindi penetrano meno in profondità nella pelle. Per questa loro caratteristica, i PHA sono quindi considerati agenti esfolianti più delicati, ideali anche per le pelli più sensibili.

Appartengono a questo gruppo di agenti esfolianti:

  • L'acido lattobionico;
  • Il gluconolattone.

I PHA sono anch'essi in grado di promuovere il rinnovamento e il ricambio cellulare, ma esercitano un'azione esfoliante meno invasiva rispetto agli AHA. Inoltre, i poli-idrossiacidi sono dotati anche di proprietà idratanti, riconducibili alla notevole igroscopicità della loro struttura chimica.

Oltre a ciò, i PHA possono essere utili nell'attenuare le macchie scure sulla pelle (purché non eccessivamente accentuate) e possono migliorare l'aspetto di linee sottili e segni del tempo superficiali, non eccessivamente marcati.

Come si usano?

Come usare AHA, BHA e PHA nel modo corretto?

Per assicurarsi di impiegare correttamente gli esfolianti chimici come alfa-idrossiacidi, beta-idrossiacidi e poli-idrossicacidi è di fondamentale importanza leggere le istruzioni d'uso riportate sulla confezione del prodotto acquistato.

Difatti, le modalità d'impiego di un dato prodotto potrebbero variare in funzioni di diversi fattori, quali:

  • Tipo di esfoliante chimico contenuto;
  • Concentrazione degli AHA, dei BHA o dei PHA presenti;
  • Tipologie di prodotto (crema, siero, detergente, maschera, ecc.);
  • Altri ingredienti contenuti.

Da qui, l'importanza di attenersi sempre scrupolosamente a tutte le indicazioni riportate dal produttore sulla confezione o sulle istruzioni fornite col cosmetico che si desidera impiegare, rispettando eventuali tempi di posa e intervalli fra un uso e l'altro.

A cosa prestare attenzione?

Avvertenze, precauzioni e possibili effetti indesiderati di AHA, BHA e PHA

AHA, BHA e PHA e prodotti che li contengono possono essere considerati sicuri da utilizzare, purché si seguano sempre le corrette modalità di utilizzo. Tuttavia, per alcune persone, l'uso di questi esfolianti chimici potrebbe risultare non confortevole o non adatto. Fra gli effetti indesiderati che il loro impiego potrebbe provocare ricordiamo irritazioni e arrossamenti. Inoltre, non si può escludere l'eventuale insorgenza di reazioni allergiche in individui sensibili, sia agli stessi acidi esfolianti che ad altri ingredienti eventualmente contenuti nel cosmetico impiegato.

Per quanto riguarda le accortezze da seguire durante l'utilizzo di alfa-, beta- e poli-idrossiacidi, invece, generalmente, si raccomanda di evitare l'esposizione al sole e ai raggi UV dopo il loro uso, in quanto la pelle potrebbe risultare più sensibile. Ad ogni modo, generalmente, questo tipo di indicazioni ed avvertenze sono riportate sulla confezione o sulle istruzioni del prodotto.

Infine, nel caso in cui si abbia una pelle particolarmente sensibile e/o nel caso si soffra di disturbi o malattie cutanee di qualsiasi tipo, prima di ricorrere all'uso di AHA, BHA e PHA o prodotti che li contengono, ricordiamo l'importanza di chiedere il consiglio preventivo del proprio dermatologo di riferimento.

Potrebbe interessarti anche: Peeling chimico: cos'è e quando si fa? Tipi e come funziona Per approfondire: Peeling Cosmetico: cos’è, a cosa serve, tipi e risultati
CONDIVIDI: