Anuptafobia: la paura di restare single

Anuptafobia: la paura di restare single
Ultima modifica 24.10.2023
INDICE
  1. Anuptafobia: cos'è?
  2. Come si manifesta l'anuptafobia
  3. Vivere con l'anuptafobia: i rischi
  4. Essere single è diverso da essere soli
  5. Come affrontare la paura di restare single

Anuptafobia: cos'è?

L'anuptafobia è un disagio psicologico caratterizzato dalla paura persistente di rimanere single. Il termine deriva dal latino "a- nupta", ovvero "senza moglie" e indica, più in generale, la "paura di restare senza partner". Le persone con anuptafobia possono sentirsi estremamente ansiose o preoccupate all'idea di non avere una relazione romantica o di rimanere single per il resto della loro vita. Vivere con questo timore può avere un impatto significativo sulla qualità della vita quotidiana e delle relazioni.

Come si manifesta l'anuptafobia

L'anuptafobia può impattare negativamente sulla salute mentale e sul benessere generale di chi ne soffre, manifestandosi spesso attraverso attacchi d'ansia, esperienze di fobia sociale, disturbi dell'umore e depressione. Per alcune persone, la paura di rimanere single può diventare una fonte significativa di ansia e stress, portando spesso a conseguenze negative, dirette e indirette.

Vivere con l'anuptafobia: i rischi

Oltre alle manifestazioni sopra descritte, vivere con la paura di restare single può dar luogo a diverse problematiche nel lungo e breve termine.

  • Relazioni insoddisfacenti: chi ha anuptafobia potrebbe essere incline a intraprendere relazioni poco soddisfacenti solo per evitare di essere single. Questo può portare a un circolo vizioso di insoddisfazione emotiva e relazionale.
  • Dipendenza affettiva: la paura di rimanere single può portare a dipendenza affettiva dal partner e, in generale, può spingere a diventare eccessivamente bisognosi nella relazione, con ripercussioni sulla propria autonomia e qualità di vita.
  • Bassa autostima: la costante paura di rimanere single può avere un impatto anche sull'autostima di chi ne soffre. L'anuptafobia potrebbe portare a un sentimento di inadeguatezza e indesiderabilità con ripercussioni sulla percezione del proprio valore personale.
  • Perdita di opportunità: la costante preoccupazione sulla ricerca di un partner potrebbe far perdere di vista altre opportunità e obiettivi. Dalla carriera, all'istruzione, all'espressione dei propri valori, potrebbero venir meno le energie per concentrarsi su ciò che è davvero importante, rendendo tutto secondario alla ricerca del partner.
  • Difficoltà nella scelta del partner: la paura di rimanere single potrebbe portare a scelte affrettate nella ricerca di un partner, senza applicare la necessaria attenzione e discernimento e facilitando relazioni instabili o incompatibili.
  • Isolamento sociale: Paradossalmente, la paura di rimanere single può portare a isolamento sociale. Le persone con anuptafobia potrebbero rinunciare a eventi sociali, non godere appieno della compagnia altrui, come strategia di evitamento alla frustrazione innescata dal confronto sociale e dai precedenti tentativi falliti di ricerca di un partner.

Essere single è diverso da essere soli

La tendenza a cercare legami affettivi fa parte della nostra nostra storia evolutiva di esseri umani in quanto animali sociali. Il naturale bisogno di instaurare relazioni significative può portare spesso al desiderio di essere in coppia o di trovare un partner romantico.
Sebbene questo sia un aspetto importante della nostra esistenza ed evoluzione, è utile, al tempo stesso, considerare le numerose declinazioni che il concetto di relazione significativa può assumere, oltre la connotazione esclusivamente romantica.

Esistono, infatti, diverse opzioni e possibilità che ci permettono di guardare con flessibilità il mondo relazionale, superando le polarizzazioni che contrappongono l'essere in coppia all'essere persone sole. La vita da single e la solitudine sono dei concetti spesso confusi, ma è importante imparare a differenziarli. Per "relazione significativa" non si intende esclusivamente un rapporto di tipo romantico: le reti di supporto, come quelle familiari, amicali o comunitarie, giocano spesso un ruolo cruciale nel sostenere il benessere emotivo della persona, contrastando la paura della solitudine, spesso alla base della anuptafobia. Di contro, solitudine e insoddisfazione non sono degli aspetti necessariamente legati alla mancanza di una relazione, ma possono riguardare anche chi ha un partner.

In molte persone, l'anuptafobia è attribuibile all'interazione tra vissuto individuale e pressioni sociali interiorizzate. Ad esempio, se si è cresciuti in un contesto in cui il matrimonio è stato fortemente enfatizzato, si è più suscettibili nello sviluppare questo timore.
In realtà, esistono diverse modalità di stare in relazione, oltre l'amore romantico e monogamo, e questa flessibilità può spingerci a considerare il "modello standard" come solo uno tra i possibili modi di stare in una relazione significativa. Le relazioni umane sono complesse e mutevoli: alcune persone scelgono di sposarsi, altre preferiscono convivere o rimanere single. Per affrontare il timore della solitudine e trovare delle relazioni significative è importante volgere lo sguardo oltre i modelli interiorizzati ricordando che, in un mondo sempre più connesso, è molto difficile restare davvero soli.

 

Per approfondire: Amici di Letto: Cosa Significa Friends with Benefits e Regole

Come affrontare la paura di restare single

È importante riconoscere che è del tutto comune desiderare una relazione significativa, ma è altrettanto importante non far dipendere la propria realizzazione e autostima dalla sola condizione di essere in coppia. La paura di restare single è una condizione che porta ad ansia e preoccupazione: attraverso un percorso psicologico, si possono esplorare le radici dell'anuptafobia per imparare a gestirla, sviluppando in parallelo strategie per migliorare la propria autostima e fiducia nelle relazioni.

Con il supporto di professionisti della salute mentale, chi soffre di anuptafobia potrà affrontare e superare i propri limiti, godendo di una vita più appagante. Lavorare sui propri valori e sulla propria autostima può fare la differenza per superare la paura di rimanere single.

 

Fonti

  • Barlow, D. H., & Cerny, J. A. (1988). Psychological treatment of panic. Psychological Bulletin, 104(2), 185-210.
  • Hoffart, A., & Hedley, L. M. (2014). Anuptafobia: Clinical characteristics and comorbidity patterns. Journal of Anxiety Disorders, 28(6), 640-645.
  • Sussman, S., Lisha, N., & Griffiths, M. (2011). Prevalence of the addictions: a problem of the majority or the minority? Evaluation & the Health Professions, 34(1), 3-56.

Autore

Dott.ssa Ilaria Albano
Dr. Ilaria Albano, psicologa con formazione in Psicologia Cognitiva e Neuroscienze, si occupa di divulgazione scientifica, benessere e empowerment. Founder del progetto "Psicologa Scortese", ogni sabato mattina ha una rubrica in diretta su Radiofreccia.