Tapis Roulant: Errori da Non Fare

Tapis Roulant: Errori da Non Fare
Ultima modifica 20.07.2021
INDICE
  1. Saltare il riscaldamento
  2. Correre senza inclinazione
  3. Appoggiarsi troppo ai supporti laterali
  4. Affidarsi troppo al display
  5. Copiare gli allenamenti altrui
  6. Limitarsi a correre solo sul tapis roulant
  7. Affidarsi agli allenamenti pre impostati

Correre sul tapis roulant è un ottimo modo per compiere un allenamento cardio e può essere un'opzione sostitutiva alla corsa in esterno, soprattutto quando il tempo non è ottimale.

Tuttavia, nonostante la sua esecuzione sembri molto semplice, esistono errori che specialmente se si è principianti si corre il rischio di correre, vanificando i benefici di questo strumento fitness.

Ecco quelli da non fare.

Saltare il riscaldamento

Anche se non si corre su strada o su pista non si dovrebbe mai dimenticare questa fase perché il riscaldamento prima dell'esercizio di sforzi più intensi prepara il corpo all'allenamento e aiuta a prevenire gli infortuni, aumentando il flusso sanguigno ai muscoli.

Prima di iniziare a correre, quindi, è fondamentale fare almeno 5 minuti di camminata lenta e compiere alcuni movimenti dinamici come alzare le ginocchia e oscillare le gambe.

Correre senza inclinazione

L'inclinazione del rullo ideale da impostare sul tapis roulant è compresa tra l'1 e l'1,5 %, poiché questa si avvicina maggiormente alle condizioni stradali, impedisce ai piedi di allenarsi con una postura scorretta e rende il lavoro molto più efficace.

Inoltre, per intensificare il proprio allenamento è molto utile impostare sessioni di running che prevedano momenti di corsa a inclinazioni maggiori, in modo da simulare un percorso in collina e aumentare l'efficacia della sessione di allenamento.

Più il proprio livello di forma e resistenza migliora, più si può aumentare la pendenza, fino ad arrivare a quella simile a un percorso di montagna.

Se non si riesce a correre in salita per lunghi periodi si può optare per un allenamento a intervalli, alternando brevi scatti in salita a momenti più lunghi in situazione pianeggiante.

Appoggiarsi troppo ai supporti laterali

Anche se a molte persone risulta più naturale non usare le barre di supporto laterali, ma correre esattamente come all'aria aperta, non esiste alcun motivo per non appoggiarsi ad esse se ci si sente più sicuri e si ha la sensazione di essere più stabili.

Il problema sorge se lo si fa in modo sbagliato, ovvero mettendo troppo peso sui supporti, premendo sulle braccia o appoggiandosi all'indietro. Questo, infatti, riduce la quantità di peso nella parte inferiore del corpo, rallenta il passo, ostacola l'allenamento, diminuisce il consumo calorico e può causare lesioni.

Affidarsi troppo al display

Anche se può sembrare un vantaggio avere il ritmo, la distanza e le calorie bruciate visualizzati sul display del tapis roulant e sempre sotto controllo, non si dovrebbe fare troppo affidamento su quei dati. Si tratta infatti di stime non precise al 100%, che possono variare da macchina a macchina e da molti altri fattori. Per questo non dovrebbero costituire un parametro ufficiale per misurare miglioramenti ed efficacia dell'allenamento.

Soprattutto ritmo e inclinazione, sono soggetti a variazioni dovuti anche all'usura degli attrezzi, ed è quindi molto più consigliabile affidarsi a un cardio frequenzimetro personale per misurare valori vitali e progressi.

Copiare gli allenamenti altrui

Se ci si allena in palestra, spesso è inevitabile guardarsi attorno e cercare di carpire qualche segreto di allenamento agli altri atleti, o provare a fare meglio di loro.

Tuttavia in molti casi si tratta di azioni controproducenti perché in campo fitness ciò che è indicato per una persona può essere altamente sconsigliato per un'altra. Gareggiare con il proprio vicino di tapis roulant, quindi, è un errore assolutamente da evitare, che può portare a scenari opposti ma entrambi negativi: non ottenere alcun effetto perché si tratta di un allenamento non adatto al proprio fisico o incorrere in lesioni o infortuni perché eccessivamente impegnativo.

Limitarsi a correre solo sul tapis roulant

Anche se si cerca di variare spesso la pendenza del tapis roulant per simulare tutti i paesaggi e le superfici possibili, correre solo sul rullo non è sufficiente per allenarsi in modo completo, ma è necessario alternare questa formula alla corsa all'aperto. La strada, la pista e il tapis roulant fanno infatti lavorare i muscoli in modi diversi e non trascurarne nessuna situazione può aiutare a evitare lesioni e a renderti un l'allenamento più performante.

In particolare, correre su un rullo in movimento può ridurre la necessità di spingere e quindi impegnare quei muscoli che aiutano ad andare avanti come i posteriori della coscia, i polpacci e i glutei.

Affidarsi agli allenamenti pre impostati

Se ci si sta allenando per una gara è importante utilizzare il tapis roulant in modo consapevole e personalizzato.

Anche se è decisamente più facile salire sull'attrezzo, premere un pulsante e seguire i movimenti dell'allenamento già impostato, questa non è la strada giusta se si punta a un obiettivo specifico.

Gli allenamenti disponibili tra le funzioni base dei tapis roulant possono essere adatti in caso si voglia solo mettersi in forma o bruciare calorie, ma se si ambisce a risultati più specifici è necessario modificare inclinazioni dei rulli, tempi e modi di esecuzione. Per essere sicuri di non sbagliare, l'ideale è farsi consigliare da un personal trainer.