È meglio allenarsi al caldo o al freddo?

È meglio allenarsi al caldo o al freddo?
Ultima modifica 22.06.2024
INDICE
  1. Meglio il caldo o il freddo per praticare sport?
  2. Cosa succede se ci si allena al caldo?
  3. Cosa succede se ci si allena al freddo?
  4. Qual è la temperatura migliore per allenarsi?

Meglio il caldo o il freddo per praticare sport?

Anche se la percezione della temperatura è in parte soggettiva, per allenarsi in piena sicurezza quella dell'ambiente circostante dovrebbe essere moderata e rimanere all'incirca intorno ai 20 °C.

Fare sforzi fisici in un clima molto caldo o freddo, infatti, pone l'organismo a rischio di conseguenze più o meno negative.

Cosa succede se ci si allena al caldo?

Allenarsi con il caldo può essere pericoloso, perché durante l'esecuzione aumenta anche la temperatura corporea, che se il corpo non riesce a smorzare può portare a colpi di calore, capogiri o svenimenti.

I meccanismi naturali di raffreddamento dell'organismo normalmente si adattano alla temperatura più elevata del corpo durante l'esercizio e il calore viene dissipato attraverso la pelle e il sudore.

Quando ci si allena in estate o in condizioni climatiche particolarmente impegnative, tuttavia, questi sistemi di raffreddamento potrebbero non essere sufficienti a riportare il corpo alla sua temperatura ottimale.

Questo a sua volta può provocare reazioni come un colpo di calore o un malore, anche perché l'esercizio fisico quando fa caldo comporta una pressione extra sul cuore e sui polmoni, soprattutto se anche l'aria è umida.

Anche la pelle potrebbe risentire di un allenamento al caldo sotto il sole e scottarsi.

Il consiglio è quindi quello di evitare di allenarsi all'aria aperta in estate, soprattutto nelle ore più calde. Se lo si fa, ricordarsi di bere molti liquidi, indossare abiti leggeri e usare sempre la protezione solare.

Smettere immediatamente di allenarti se si avvertono vertigini o nausea.

Cosa succede se ci si allena al freddo?

Anche fare esercizio al freddo presenta rischi per la salute, visto che può portare al congelamento e all'ipotermia.

Per questo, quando in inverno le temperature sono particolarmente rigide ma si decide comunque di allenarsi all'aperto, è importantissimo vestirsi con strati che possano proteggere ma che però si possono rimuovere quando si inizia a sudare e rimettere nel momento in cui la temperatura corporea si raffredda. Soprattutto se l'allenamento non è breve, meglio indossare anche indumenti protettivi su viso, orecchie, mani e piedi.

L'esercizio fisico a basse temperature è particolarmente pericoloso se la temperatura scende sotto i – 17 °C o se il vento gelido è estremo. Le persone con problemi di salute, come asma o problemi cardiaci, dovrebbero parlare con il proprio medico prima di allenarsi al freddo.

Allenarsi a sensazione fa bene?

Che differenza c'è tra caldo afoso e caldo torrido?

Qual è la temperatura migliore per allenarsi?

La temperatura ideale per allenarsi è compresa tra i 20 e i 22 °C e anche se la percezione della temperatura può essere leggermente variabile da persona a persona, per evitare problemi di salute sarebbe meglio cercare di allenarsi sempre in un ambiente, si interno sia esterno, che oscilli tra queste temperature.

L'unica deroga potrebbe essere quella in cui ci si debba allenare in vista di una gara che si sa già avverrà in condizioni atmosferiche estreme. In quel caso per arrivare più preparati si può fare esercizio fisico con un clima simile a quello dell'evento, ma solo sotto stretto controllo medico.

Segui il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornato su tutte le novità.