Come allenarsi dopo i 50 anni: bisogna farlo in modo diverso?

Come allenarsi dopo i 50 anni: bisogna farlo in modo diverso?
Ultima modifica 12.10.2021
INDICE
  1. Come valutare in che modo allenarsi
  2. Come iniziare ad allenarsi a 50 anni
  3. Consigli per allenarsi al meglio dopo i 50

Il corpo umano cambia in continuazione nel corso della vita e una delle domande più frequenti che ci si pone in materia di fitness è se a seconda dell'età debba variare anche il modo di allenarsi.

A tal quesito però non esiste una risposta univoca perché l'età di per sé non è un parametro sufficiente per stabilire le capacità delle persone di svolgere o meno un determinato esercizio.

Quel che è certo, inoltre, è che secondo la scienza non sia mai troppo tardi per iniziare ad allenarsi.

Allenarsi è indubbiamente benefico per la salute, ma è positivo farlo quando si è malati?

Come valutare in che modo allenarsi

Molto più della data di nascita, a determinare il tipo di attività sportiva più idonea a un singolo individuo sono altri fattori come lo stato di salute complessivo e il livello di forma fisica e allenamento.

Se una persona pratica sport con regolarità fin da quando è giovane, non esiste alcun motivo, in assenza di patologie o situazioni specifiche, per cambiare la propria routine fitness una volta giunti alla boa dei 50 anni.

Come iniziare ad allenarsi a 50 anni

Allo stesso modo, chi ha sempre condotto una vita sedentaria ma giunto a questa età sente il desiderio di cambiare, può farlo senza problemi, pur tenendo conto del proprio livello di allenamento minimo o nullo e della conseguente necessità di iniziare a muoversi senza eccessi ma procedendo per piccoli passi.

In questo caso il consiglio è di cominciare facendo qualche esercizio a corpo libero e con i manubri e di praticare attività cardio a bassa intensità, come ad esempio una camminata a passo svelto 3 o 4 volte la settimana. Con il passare del tempo, se si percepisce che il proprio livello di allenamento sta migliorando, si possono aumentare intensità e durata delle sessioni.

Anche a cinquant'anni, se si è in buono stato di salute, nessun obiettivo a lungo termine deve essere precluso, visto che paradossalmente anche a 90 anni è possibile guadagnare massa muscolare, forza e potenza. Il segreto è adattare gli allenamenti al proprio livello, senza bruciare le tappe e sforzare il fisico inutilmente.

Consigli per allenarsi al meglio dopo i 50

Invecchiando, il modo migliore per continuare a fare le cose che si amiamo è non smettere mai di farle. Questo vale anche per lo sport ed è quindi fondamentale mantenere il più possibile una routine di allenamento precisa e seguire questi consigli, utili per non perdere mai stimoli e motivazioni.

Non esagerare con gli allenamenti ad alto impatto

Esercizi ad alto impatto comecorrere e saltare possono rafforzare efficacemente le ossa e aumentare la potenza muscolare, due aspetti vitale per ambire a un invecchiamento sano. Tuttavia la probabilità di incappare in problemi articolari e artrite aumenta con l'età, quindi se non si è più giovanissimi meglio non esagerare con gli allenamenti ad alto impatto e pliometrici.

Quando li si svolge è bene osservare con attenzione come reagisce il proprio corpo e se non si è particolarmente allenati meglio limitarli a una sola volta a settimana. Questo darà al proprio fisico il tempo di recuperare tra una sessione e l'altra.

Dare priorità al recupero post allenamento

Con l'avanzare dell'età le probabilità di sviluppare infiammazioni e infortuni aumentano, quindi si dovrebbe prestare molta più attenzione alla fase di recupero post allenamento, necessaria al fisico per riprendersi in vista di un nuovo sforzo.

Ciò significa ascoltare il proprio corpo e riposarsi adeguatamente tra un allenamento e l'altro, ma anche incorporare tecniche di recupero attivo all'interno della routine fitness, come l'utilizzo del rullo massaggiante.

Da non dimenticare nemmeno il sonno, visto che anche un buon riposo svolge un ruolo chiave nel recupero.

Aggiungere proteine alla propria alimentazione

Un altro elemento che concorre in modo incisivo sul buon recupero post allenamento è la corretta alimentazione. In particolar modo, dopo uno sforzo intenso come una sessione fitness, il corpo ha bisogno di più proteine della norma, e questo è ancora più evidenti con il passare degli anni.

Secondo uno studio del 2016, infatti, invecchiando il tessuto muscolare diventerebbe meno sensibile alle proteine e questo spiegherebbe in parte il motivo per cui si perda massa muscolare con l'avanzare dell'età.

Già un anno prima, nel gennaio 2015, uno studio pubblicato sull'American Journal of Physiology aveva svelato che mangiando 1,5 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo al giorno, gli adulti più anziani possono migliorare in modo significativo la loro salute muscolare. Un uomo adulto dal peso medio di 85 kg dovrebbe ad esempio consumare 123 grammi giornalieri di proteine.

Concentrarsi su una routine di esercizi varia

Se in giovane età spesso la tendenza è quella di focalizzare tutte le proprie energie verso una disciplina specifica, con il passare degli anni l'approccio al fitness dovrebbe essere più di ampie vedute. Questo è fondamentale per mantenere tutto il corpo in allenamento e non rischiare di trascurare alcune parti che, invecchiando, potrebbero risentirne.

Bene quindi dedicare un po' di tempo ad attività cardio, ma senza dimenticare di inserire nella propria fitness routine esercizi di resistenza, flessibilità, equilibrio e potenza.