Tè verde tostato: quali proprietà e benefici? Perché fa bene?

Tè verde tostato: quali proprietà e benefici? Perché fa bene?
Ultima modifica 02.06.2024

Cos’è il tè verde tostato?

Il tè verde tostato, noto anche con il nome di Houjicha, è una bevanda tipica giapponese che si prepara con le foglie più vecchie del tè verde, che vengono sottoposte a una lavorazione specifica che frena il processo di fermentazione.

Queste vengono infatti ammorbidite con il vapore e successivamente asciugate in un forno a una temperatura bassa ma costante, prima di essere tostate delicatamente.

Tutti questi passaggi, estremamente precisi, danno vita a una bevanda unica nel suo genere, dal sapore morbido, delicato e non amaro.

Secondo un nuovo studio il te verde tostato sarebbe estremamente benefico, in particolare per la mente.

Segui il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornato su tutte le novità.

Quali sono i benefici del tè verde tostato?

Grazie alle sue proprietà e al processo necessario per realizzarlo, il tè verde tostato è una bevanda che facilita la digestione. Oltre a questo beneficio già noto, secondo un nuovo studio condotto dall'Università di Kitakyushu, a Fukuoka in Giappone questa variante del tè verde migliorerebbe il benessere mentale sotto diversi aspetti.

Dopo un periodo di osservazione in cui un gruppo di partecipanti è stato invitato a consumare questa la giornalmente, i ricercatori hanno infatti riscontrato su di loro un minor livello di stress e carico mentale e una riduzione della stanchezza, che si traduce anche in un miglioramento dei riflessi e delle performance mentali.

Questa scoperta è particolarmente significativa anche alla luce di un'altra caratteristica, che rende il tè verde tostato benefico: la minor quantità di caffeina rispetto al tè verde normale.

Una tazza di tè verde tostato contiene infatti circa 7,5 mg di caffeina, nettamente meno del tè verde più noto, la cui forbice varia dai 20 ai 50 mg.

Nonostante ciò, proprio per le sua capacità eccitanti è bene non esagerare con il consumo , soprattutto per quanto riguarda le persone con ipertensione. Moderazione anche per chi ha problemi di calcoli renali o assume farmaci anticoagulanti.