Qual è il metodo più salutare per cucinare il pesce?

Qual è il metodo più salutare per cucinare il pesce?
Ultima modifica 18.06.2024
INDICE
  1. Quali sono i metodi di cottura più salutari del pesce?
  2. Il pesce cotto è più povero di nutrienti?
  3. Come cuocere il pesce al forno?
  4. Come cuocere il pesce al sale?
  5. Come cuocere il pesce in padella?
  6. Come cuocere il pesce al vapore?

Quali sono i metodi di cottura più salutari del pesce?

 

Il pesce cotto è più povero di nutrienti?

I diversi metodi di cottura  possono sicuramente fare la differenza in termine di conservazione dei nutrienti: il modo migliore per preservare gli omega 3 del pesce, ad esempio, è quello di cucinarlo al vapore o al forno. Le alte temperature della frittura (oltre ad aggiungere grassi) e della bollitura, al contrario, finirebbero invece per impoverirlo dal punto di vista nutritivo.

Come cuocere il pesce al forno?

Il pesce, intero o a filetti, va messo su un tegame con carta forno per evitare che la pelle si secchi troppo. Preriscaldare il forno a una temperatura elevata e dopo i primi 5 minuti di cottura regolare senza mai superare i 180 gradi. 

In questo modo si possono cuocere: orata, dentice, anguilla, trota, salmone, rana pescatrice. La cottura del pesce al forno è un metodo salutare e gustoso che mantiene inalterate le proprietà nutritive della materia prima. 

Come cuocere il pesce al sale?

La cottura al sale è un'antica lavorazione da associare al trattamento termico in forno. E' una variante della cottura al cartoccio (o al sacchetto), e sfrutta lo stesso principio di quella sottovuoto per bollitura.

La cottura al sale viene avviene mediante ricopertura totale dell'alimento che subisce l'influsso della temperatura senza perdere grosse quantità di liquidi. La cottura al sale non comporta aggiunta di acquavino, fondi e grassi di cottura; per questo, si tratta di un metodo di cottura salutare e dietetico.

 

Rischi della cottura alla griglia

La cottura del pesce alla griglia è salutare, tuttavia ci possono essere rischi correlati all'esposizione della carne alle temperature elevate. Fra le sostanze che si possono generare sono inclusi i cosiddetti AGE (Advanced Glycation End products) derivanti dalla reazione tra gli zuccheri e le proteine o i grassi e le ammine eterocicliche che originano da precursori presenti nei cibi proteici.

Queste sostanze, segnalate dalla evidente bruciatura della carne o della pelle, possono essere tossiche e cancerogene

Come cuocere il pesce in padella?

Cucinare il pesce in padella è il modo più veloce e semplice, mantenendo consistenza morbida e sapore. Pulire, desquamare ed eviscerare il pesce, per poi cuocerne i filetti o il pesce intero nella casseruola con aggiunta di minime quantità di olio, limone, ed eventuali erbe aromatiche.

La padella deve essere ben calda, per evitare lo sfaldamento della polpa.

Ben si prestano alla cottura in padella, pesci come: branzino, merluzzo, orata, pesce spada, rana pescatrice, rombo, tonno, salmone, sogliola, triglia e sgombro.

 

Come cuocere il pesce al vapore?

Per cuocere il pesce al vapore puoi optare per una vaporiera elettrica o cuocere con un semplice cestello posto sopra ad una pentola in ebollizione. Inserire il pesce in cottura non appena si inizia a vedere del vapore. Dopo la cottura il pesce può essere condito con un pizzico di sale, erbe aromatico e un goccio di olio evo a crudo. Cuocere in questo modo: nasello, merluzzo, salmone, trota,  cernia, rombo, orata, branzino e pagello.

La cottura al vapore è considerata la soluzione migliore per cucinare il pesce: semplice e leggera, ideale per chi osserva un regime alimentare senza grassi.