Si può mangiare la pizza dopo un allenamento?

Si può mangiare la pizza dopo un allenamento?
Ultima modifica 10.01.2022
INDICE
  1. Perché evitare la pizza post allenamento
  2. Alimentazione ideale post allenamento
  3. Modi salutari di inserire la pizza nel post allenamento

La pizza è uno dei cibi più amati in assoluto e tra le prime scelte quando, dopo un allenamento, la fame si fa sentire. Tuttavia, non sempre rappresenta l'opzione alimentare migliore dopo uno sforzo, soprattutto se guarnita con ingredienti troppo pesanti.

Perché evitare la pizza post allenamento

Quando ci si sente affamati dopo un allenamento una delle tentazioni più comuni è quella di estrarre una pizza dal congelatore, ordinarne una a domicilio o fermarsi in pizzeria. Nonostante si tratti di un cibo in grado di saziare in poco tempo, non è però sempre indicato dopo uno sforzo fisico perché povero di alcuni elementi nutrizionali che si perdono facendo sport e che quindi andrebbero integrati.

Mangiare una pizza Margherita di circa 300 grammi significa ingerire 813 kcal, 156 grammi di carboidrati, 18 grammi di grassi e 24 di proteine.

Se però si aggiungono altri condimenti come ulteriori dosi di formaggi o salumi, i grassi aumentano e con essi le probabilità di sviluppare problemi di salute, soprattutto legate al rischio di colesterolo e malattie cardiovascolari.

Inoltre, nonostante le calorie della farina bianca raffinata, del formaggio e delle carni lavorate possano essere incredibilmente sazianti e quindi sembrare perfette per placare il senso di fame dopo uno sforzo fisico, la maggior parte di queste calorie sono vuote, ovvero non contengono molto nutrimento.

Infine, mangiando una pizza non si assumono abbastanza vitamine, minerali e grassi sani di cui il corpo ha bisogno dopo un allenamento.

Alimentazione ideale post allenamento

Se l'attività fisica che si svolge è finalizzata a perdere peso o aumentare la massa muscolare, ciò che si mangia può essere importante quanto il modo in cui ci si allena. Per questo è fondamentale pianificare di ingerire abbastanza cibo e bere una quantità di acqua sufficiente prima, durante e dopo l'esercizio, in modo da mantenere costante il livello di glicemia, che a sua volta aumenta le prestazioni fisiche durante la sessione e migliora il recupero in seguito.

Rifornire il corpo di energia da carboidrati e proteine è assolutamente necessario durante un'attività fisica intensa come il sollevamento pesi o gli allenamenti di lunga durata perché questi elementi mantengono il corpo sano e riparano il tessuto muscolare.

In particolare sono le proteine ad essere considerate l'elemento più importante dei pasti di chi si allena e molti studi lo confermano. Secondo uno del maggio 2014 pubblicato sul Journal of the International Society of Sports Nutrition, un bodybuilder dovrebbe consumare da 2 a 3 grammi di proteine per chilogrammo di massa magra al giorno, suddivise nel corso di diversi pasti, anche fino a cinque o sei, al giorno.

Fortunatamente, la pizza è una buona fonte di proteine visto che una porzione al formaggio può contenerne fino a 12 grammi, ovvero quasi un quarto del totale giornaliero consigliato. Quantità che aumenta in caso di pizza con condimenti di carne o salsiccia.

Anche i carboidrati sono essenziali perché il corpo ne ha bisogno per alimentare allenamenti intensi, maratone o sessioni di sollevamento pesi. Uno studio del gennaio 2018 pubblicato sul Journal of the International Society of Sports Nutrition ha scoperto che un maggiore apporto di carboidrati potrebbe giovare ai bodybuilder aiutandoli a raggiungere una maggiore massa muscolare durante la preparazione alla competizione.

L'importante è scegliere sempre carboidrati sani e complessi come pane integrale, cereali o avena, e alcuni tipi di frutta e verdura.

Chi svolge attività fisica, sia cardio che di resistenza, ha bisogno di ripristinare i livelli di energia e glucosio del corpo con i carboidrati circa 20-60 minuti dopo l'allenamento.

Infine, contrariamente a quanto spesso si pensi, nemmeno i grassi devono essere eliminati completamente dalla dieta di un atleta, purché si scelgano quelli giusti. Avocado, alcuni tipi di formaggi, pesce azzurro come salmone, noci e olio extra vergine di oliva sono ottime fonti di grassi sani che hanno un effetto positivo sul cervello, sul sistema cardiovascolare e sull'infiammazione.

Mangiare dopo l'allenamento è importante. 

Modi salutari di inserire la pizza nel post allenamento

Anche se molte pizze non sono adatte dopo un allenamento non significa si tratti di un alimento da escludere completamente in quelle circostanze.

La pizza, infatti, nella sua versione più semplice è molto simile a un piatto di pasta quindi è perfetta per alimentare il corpo con i carboidrati e, se pur carente sotto altri aspetti, è anche un'ottima fonte di proteine, quindi può anche essere utile come pasto post-allenamento.

Fondamentale però selezionare gli ingredienti giusti. Invece di quella classica realizzata con farina bianca, ad esempio, si può optare per una versione fatta con impasto integrale o con aggiunta di fibre.

Per la farcitura meglio non esagerare. La classica margherita è la scelta più indicata visto che salsa di pomodoro fresca, mozzarella e basilico sono ingredienti assolutamente salutari.

Tuttavia, se si vuole aggiungere un po' di guarnizione extra anche verdure, prosciutto cotto, funghi o alcuni tipi di formaggi sono assolutamente consentiti.