Perché vengono le fitte alle tempie?

Perché vengono le fitte alle tempie?
Ultima modifica 27.03.2024
INDICE
  1. Cause
  2. Mal di testa
  3. Cervicalgia
  4. Stress e ansia
  5. Posture sbagliate
  6. Come alleviare il dolore

Purtroppo le fitte alle tempie sono dolori comuni che, almeno una volta nella vita, ma spesso molto di più, colpiscono tutti. Si tratta di sensazioni piuttosto dolorose che nei casi più seri possono addirittura rendere difficile continuare a svolgere l'attività che si sta compiendo. Le fitte possono essere fisse o transitorie e colpire sia entrambe le tempie, sia una sola delle due.

Non esiste un'unica motivazione alla base della loro insorgenza, che può invece essere determinata da diverse cause. Riuscire a riconoscerle è utilissimo per capire come occuparsene.

Segui il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornato su tutte le novità.

Cause

Mal di testa

Il mal di testa, chiamato con termine scientifico "cefalea", è un disturbo che, purtroppo, accomuna molte persone. A seconda del tipo di cefalea e della sua intensità, il dolore può colpire diverse parti della testa, tra le quali le tempie, a volte una soltanto.

La cefalea tensiva, ad esempio, è un mal di testa dovuto a una contrazione irregolare dei muscoli del collo e della testa, provocata a sua volta da uno stato di forte stress e fatica. Se sopraggiunge, il male parte dalla zona posteriore e si estende a tutta la testa, comprese entrambe le tempie.

L'emicrania invece si caratterizza per un dolore pulsante che aumenta se si fanno movimenti bruschi e improvvisi. Il più delle volte insiste solo su un lato della testa, e in particolare nella zona sopra l'occhio, proprio vicino alla tempia. In alcuni casi può anche essere accompagnata da altri sintomi come nausea, diarrea, pallore e vomito.

Anche la cefalea a grappolo si riconosce per il dolore a una sola tempia. Si tratta della forma più forte di mal di testa.

Cervicalgia

La cervicalgia è un'infiammazione della cervicale, e interessa quindi i muscoli del collo. Il dolore che genera solitamente parte dalla zona superiore del collo, per poi arrivare a quella occipitale e fronto-temporale della testa e raggiungere anche una tempia. Raramente sono colpite tutte e due.

A causarla possono essere diversi fattori, dal mantenimento per lungo tempo di una postura errata del collo e della testa, tipica di chi passa molto tempo al computer, ai traumi violenti, fino alla conseguenza di un intervento chirurgico.

Stress e ansia

Quando si vivono momenti di stress, ansia e forte agitazione può capitare che i muscoli della schiena e del collo si irrigidiscano, spesso in modo involontario. Questa condizione, se protratta nel tempo, può causare cefalee e cervicalgia che, come detto, possono essere alla base del dolore alle tempie.

Posture sbagliate

Anche mantenere per lungo tempo posture sbagliate o scomode quando si sta seduti alla scrivania davanti al pc, o mentre si è al volante può portare i muscoli a essere più vulnerabili e a irrigidirsi con facilità in caso di movimenti bruschi. Un evento che può generare dolore alle tempie come effetto secondario.

Come alleviare il dolore

  • Dormire e riposarsi quando se ne avverte il bisogno.
  • Diminuire l'assunzione di caffeina e alcol e aumentare quella di acqua per rimanere idratati.
  • Tenere una posizione corretta davanti al pc e in auto.
  • Limitare l'esposizione a rumori e luci intense, comprese quelle degli smartphone.
  • Tenere allenati i muscoli di collo e schiena facendo attività fisica regolare.

Queste strategie sono utili per alleviare il dolore in caso questo sopraggiunga sporadicamente e se ne abbia ben chiara l'origine. Se invece le fitte alle tempie sono ricorrenti e non si sa perché si manifestino è bene rivolgersi al proprio medico che possa indagarne le cause e individuare l'approccio terapeutico più indicato.