Mandarancio: Proprietà Nutrizionali

Mandarancio: Proprietà Nutrizionali
Ultima modifica 11.12.2019

Generalità

"Mandarancio" è un termine generico che identifica alcuni ibridi degli agrumi, ottenuti dall'incrocio tra arancia e mandarino – entrambi Specie appartenenti al Genere Citrus; anche l'arancia è un incrocio.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/11/18/mandarancio-orig.jpeg Shutterstock

I mandaranci vengono per la maggior parte considerati semplici "varietà" e solo alcuni di essi hanno acquisito tutte le caratteristiche necessarie per essere inquadrati come Specie vere e proprie (essenziale, in tal senso, risulta la conservazione generazionale delle caratteristiche fisiche e chimiche). Il mandarancio, come tutti gli altri agrumi, è originario dell'Asia.

A livello mondiale, il termine "mandarancio" non è univocamente interpretato; discrepanze tra le classificazioni e distorsioni linguistiche nella traduzione rendono tutt'ora piuttosto ardua la distinzione botanica di questo agrume, poiché Europa, America ed Asia forniscono dati differenti tra di loro. Solo una catalogazione genetica delle piante può realmente distinguere i mandaranci da altre Specie di agrumi, anche se attualmente negli USA i mandaranci rientrano nel gruppo dei mandarini.

Le varietà di mandaranci più diffuse sono: clementina (in Italia) e tangerino (in America), mentre il mandarancio più antico è senz'altro l'unshiu o satsuma. Secondo le statistiche, il mandarancio è l'agrume più venduto dopo l'arancia stessa; ciò è imputabile alle relative caratteristiche organolettiche e gustative che rappresentano il frutto dell'unione tra: il gusto dell'arancia, la praticità al consumo del mandarino (buccia e spicchi) e le dimensioni medie comprese tra l'uno e l'altro agrume. La presenza o meno dei semi nei mandaranci è determinata da una specifica selezione botanica, ma si tratta comunque di una caratteristica estremamente labile, quindi facile da alterare; è sufficiente che le piante di mandarancio subiscano l'impollinazione incrociata con altri alberi del Genere Citrus per dar luogo a frutti con i semi. A tal proposito, negli USA molti apicoltori sono stati oggetto di citazioni e reclami da parte dei coltivatori di mandaranci senza semi, i quali - subendo l'impollinazione delle api nei frutteti - hanno perso totalmente questa caratteristica svalutando il raccolto

Proprietà Nutrizionali

I mandaranci sono frutti appartenenti al VII gruppo di alimenti; si possono consumare freschi di stagione (interi o spremuti), giovando dell'elevatissimo contenuto in vit. C (acido ascorbico), oppure conservati sotto forma di marmellata, frutta disidratata e frutta candita (me ne risulterebbero notevolmente impoveriti). I mandaranci contengono anche notevoli quantità d'acqua, di potassio e di fibra viscosa, e non mancano medie quantità di zuccheri semplici (fruttosio). Sono inoltre ricchi di antiossidanti ed il loro consumo è considerato (dall'intera categoria dei professionisti della nutrizione) come una tra le maggiori azioni preventive (a lungo termine) delle malattie di natura metabolica o neoplastica.

È comunque doveroso specificare che i mandaranci non sono tutti uguali; in base all'incrocio specifico, essi apportano più o meno calorie, anche se in genere si assimilano più alle arance che ai mandarini. Nella tabella che seguirà verranno proposte 4 traduzioni riferite a 2 tipi di mandaranci (identificati come "mandaranci [generico]" e "clementine"), alle arance e ai mandarini.

Composizione nutrizionale di: Mandarancio, Clementina, Arancia e Mandarino - Valori di riferimento delle Tabelle di Composizione degli Alimenti INRAN

  Quantità
Valore Nutrizionale Mandaranci Clementine Arance Mandarini
Parte edibile 87 % 75 % 80 % 80 %
Acqua 85,3 g 87,5 g 87,2 g 81,4 g
Proteine 0,8 g 0,9 g 0,7 g 0,9 g
Lipidi TOT 0,2 g 0,1 g 0,2 g 0,3 g
Colesterolo 0,0 mg 0,0 mg 0,0 mg 0,0 mg
Carboidrati TOT 12,8 g 8,7 g 7,8 g 17,6 g
Zuccheri solubili 12,8 g 8,7 g 7,8 g 17,6 g
Fibra alimentare 2,2 g 1,2 g 1,6 g 1,7 g
Energia 53,0 kcal 37,0 kcal 34,0 kcal 72,0 kcal
Sodio 2,0 mg 4,0 mg 3,0 mg 1,0 mg
Potassio 160,0 mg 130,0 mg 200,0 mg 210,0 mg
Ferro 0,3 mg 0,1 mg 0,2 mg 0,3 mg
Calcio 30,0 mg 31,0 mg 49,0 mg 32,0 mg
Fosforo 19,0 mg 18,0 mg 22,0 mg 19,0 mg
Tiamina o vit B1 0,08 mg 0,09 mg 0,06 mg 0,08 mg
Riboflavina o vit B2 0,07mg 0,04 mg 0,05 mg 0,07 mg
Niacina o vit PP 0,30 mg 0,30 mg 0,20 mg 0,30 mg
Vitamina A 25,0 µg 12,0 µg 71,0 µg 18,0 µg
Vitamina C 37,0 mg 54,0 mg 50,0 mg 42,0 mg
Vitamina E - mg - mg - mg - mg

Autore

Riccardo Borgacci
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer