Gli alimenti che peggiorano i sintomi dell'influenza

Gli alimenti che peggiorano i sintomi dell'influenza
Ultima modifica 13.01.2021

Quando l'influenza peggiora a tavola

C'è poco di frustrante come rannicchiarsi sul divano in un nido di coperte e fazzoletti usati, sapendo che non c'è niente che puoi fare per mitigare la tua miseria - o è lì? Il sollievo può venire da un angolo inaspettato. Stranamente, alcuni alimenti possono peggiorare i sintomi dell'influenza senza che tu te ne accorga. I tuoi amati maccheroni e formaggio potrebbero averti tradito nel momento del bisogno.

"L'influenza rende spesso difficile il consumo di cibo in quanto i sintomi dell'influenza possono causare nausea o sintomi gastrointestinali" , dice a Bustle Kacie Vavrek RDLD, dietista presso l'Ohio State University Wexner Medical Center . "La nausea può diminuire il desiderio di mangiare e sintomi [gastrointestinali] come vomito e diarrea possono essere attivati ​​se il cibo viene consumato troppo presto".

Il vecchio adagio "nutrire un raffreddore, morire di fame una febbre" non regge nel pensiero medico moderno. Secondo Scientific American , l'idea in passato era che mangiare ti riscalderà durante un "raffreddore", mentre il digiuno raffredda la febbre. Mangiare cibi ricchi di nutrienti, tuttavia, è utile indipendentemente dal tipo di malattia che hai preso. In effetti, è particolarmente importante quando hai la febbre.

Ma non tutto il cibo è così utile. Quando hai l'influenza, potresti voler seguire una dieta costante a base di gelato, pane tostato e latte al cioccolato, ma i cibi consolatori non ti aiuteranno necessariamente a stare meglio. Infatti, come dice Vavrek a Bustle, probabilmente dovresti evitare i tuoi cibi consolatori preferiti, "poiché potresti sviluppare antipatia per questi cibi se li consumi quando sei nauseato". Più si conosce.

Fortunatamente ci sono anche buone notizie: grazie all'uso delle mascherine, nell'inverno 2020-21 l'influenza in Italia non è arrivata.

Forme di raffreddore o mal di gola possono essere causate anche dal respirare microbi sulle lenzuola, che per questo andrebbero cambiate spesso.

I cibi da evitare

  • Cereali difficili da digerire. L'influenza provoca occasionalmente disturbi di stomaco, che portano a nausea e diarrea, quindi spesso si tende a prevalere cibi insipidi come pasta e riso in bianco. Questa è una buona idea, ma solo all'apparenza per via del condimento assente, ma può rivelarsi antagonista e peggiorare i sintomi dell'influenza. Meglio optare per cibi facili da digerire come i carboidrati semplici come cracker salati secchi, pane tostato, di facile assimilazione per lo stomaco, e hanno più probabilità di essere tollerati quando si ha l'influenza. I cibi ricchi di fibre sono anche più difficili da digerire.
  • Bevande zuccherate. Un succo di frutta ricco di vitamina C o una bevanda sportiva ricca di elettroliti, possono sembrare le bevande migliori in caso di influenza, ma in realtà si rivelano non particolarmente benefiche dal punto di vista nutritivo. Spesso queste bevande sono ricche di zuccheri aggiunti e non apportano minerali e vitamine contenuti nella frutta, presente in basse percentuali. E' sempre utile leggere attentamente le etichette apposte su bevande e spremute. Ancora meglio, spremere e centrifugare frutta e verdura fresca per fare il pieno di nutrienti, antiossidanti e vitamina C, che svolgono  un ruolo essenziale nel rafforzamento del sistema immunitari.
  • Bevande contenenti caffeina. Tra la temperatura elevata e l'aumento della sudorazione, la disidratazione è qualcosa di cui fare attenzione quando si ha la febbre. Evita i diuretici come il caffè contenente caffeina, che possono contribuire alla disidratazione.
  • Alcol. L'alcol è un diuretico proprio come la caffeina che può provocare disidratazione in caso di influenza. La disidratazione può seccare il muco in gola, naso e bocca . A sua volta, questo può rendere il tossire, difficile e doloroso. Fondamentale, quando si è malati di influenza è bere molti liquidi, anche sottoforma di zuppa, un alimento ottimo dal punto di vista nutrizionale poiché è reidratante, confortante e facile da digerire, nonchè ricco di minerali e vitamine.
  • Integratori. Alcuni integratori come l'echinacea, lo zinco e i probiotici possono aiutare a rafforzare il sistema immunitario e stimolare la digestione.  Uno studio pubblicato su mBio nel 2020 ha scoperto che l' influenza può avere un impatto sul tuo bioma intestinale, ed è quindi utile mantenerlo sano con i probiotici.
  • Alimenti grassi. Il cibo ricco di grassi è difficile per la digestione e dovrebbe essere evitato per evitare l'acutizzarsi dei sintomi dell'influenza. Cibi fritti, grassi e oleosi ostacolano il corretto funzionamento del sistema gastrointestinale.
  • Latticini. I latticini, compresi latte, yogurt, e formaggi, potrebbero non prolungare il raffreddore ma promuovere la produzione di muco, di catarro e irritare maggiormente la gola e i bronchi
  • Carne. Non mangiare carne durante l'influenza o il raffreddore potrebbe accorciare i temi di guarigione. I grassi animali ostacolano la capacità dell'organismo di liberarsi dai germi e virus che causano raffreddore e influenza. 

Cibi che migliorano i sintomi dell'influenza.

Ci sono invece cibi, la cui assunzione è fortemente indicata durante la costipazione influenzale, perchè in grado di ridurne la sintomatologia. 

agrumi, aglio, cipolle, lattuga zenzero, spinaci, miele, ananas, mango, succhi freschi, centrifugati di frutta e verdura, zuppe e minestre, brodo di verdura, broccoli, cavoli, frutti di bosco, pepe nero, cannella.