Cibi che stimolano le funzioni cognitive

Cibi che stimolano le funzioni cognitive
Ultima modifica 15.02.2021
INDICE
  1. Funzioni cognitive: i cibi che alimentano la mente
  2. Funzioni cognitive: cibi ipocalorici e antiossidanti
  3. Funzioni cognitive: i sette cibi che proteggono il cervello

Funzioni cognitive: i cibi che alimentano la mente

Il cibo non è solo fonte di nutrimento, energia e sostegno per il corpo. Alcuni alimenti hanno notevoli capacità di agire, oltre che nel supporto fisico, anche come protezione delle funzioni cognitive.

Avere un'alimentazione approppriata, che stimola le capacità cerebrali, consentirà di massimizzare i risultati in caso di studio, esami, sul lavoro. Questo perchè aumenteranno notevolemente i livelli di concentrazione e di lucidità mentale. Mettere nel piatto i giusti cibi consente di ottenere tutti i nutrienti necessari alla salute cognitiva.

Funzioni cognitive: cibi per stimolare mente e attività cognitive Shutterstock

Ad esempio, gli acidi grassi omega-3, di cui sono ricchi il pesce azzurro, le noci e i semi di lino, sono un valido aiuto nei processi cognitivi, nel mantenimento della funzione sinaptica e della plasticità dei neuroni. Ciò che mangiamo può influenzare notevolmente i processi cerebrali e l'elaborazione cognitiva, regolando i neurotrasmettitori, la fluidità delle membrane cellulari e la trasmissione dei segnali nervosi. E' fondamentale prestare attenzione ai segnali della carenza di Omega 3.

Un recente studio ha rivelato che a stimolare alcune funzioni cerebrali siano anche i radicali liberi.

Negli over 60, inoltre, sarebbe molto utile anche il sonnellino pomeridiano

Radicali liberi importanti anche in fase di innesto e progressione dell'Alzheimer, di cui un altro studio ha individuato i meccanismi cerebrali che permettono di resistere alla neuro degenerazione.

Funzioni cognitive: cibi ipocalorici e antiossidanti

  • Dieta varia e bilanciata
  • Cibi ipocalorici
  • Alimenti ricchi di antiossidanti

In linea generale, oltre ai singoli cibi che più di tutti contribuiscono al miglioramento delle funzioni cognitive, è utile seguire alcune semplici indicazioni: avere un'alimentazione varia e bilanciata, prediligere cibi a ridotto conteuto di calorie e ricchi di antiossidanti. Ridurre il contenuto calorico protegge il cervello dai danni ossidativi. Il cervello è particolarmente esposto al danno ossidativo a causa della sua elevata attività metabolica. Diversi cibi antiossidanti hanno effetti positivi sulla funzione neurale, favoriscono l'apprendimento e le prestazioni della memoria e sono in grado di migliorare le funzioni cognitive, proteggendo il cervello dai radicali liberi e dalla perossidazione lipidica.

Funzioni cognitive: i sette cibi che proteggono il cervello

Cereali integrali

Riuscire a rimanere concentrati ed energici tutto il giorno non è cosa semplice.

Nella scelta dei carboidrati, poi, è necessario ricercare la giusta quantità di energia da introdurre per mantenere la mente attiva.

L'energia arriva al cervello sotto forma di glucosio nel sangue, che deve essere rilasciato lentamente per evitare picchi gliemici i quali, al contrario, ridurrebbero notevolmente il livello di concentrazione mentale.

E' opportuno scegliere sempre gli integrali non raffinati, a partire dal mattino, prediligendo dei cereali per la prima colazione completi e nutrienti (a base, per esempio, di riso, frumento, orzo).

A seguire, ovviamente, si dovrà tenere ben conto degli altri due pasti principali quali pranzo e cena, nei quali non dovranno mancare cereali interi, loro farine e derivati a basso indice glicemico - che rilasciano lentamente il glucosio nel sangue. Stiamo parlando di: pasta, pane, polenta e semi interi (avena, farro ecc.).

Nota: non dimentichiamo poi che i cibi più ricchi di fibre possono contribuire a facilitare la perdita di peso e risultano benefici per la salute dell'intestino.

 

Pomodori

In insaltata, come polpa o passata per il sugo: i pomodori sono dei potenti antiossidanti che contribuisocno a proteggere il cervello dai danni causati dai radicali liberi. L'effetto benefico del licopene, un potente idrocarburo antiossidante presente nei pomodori, aiuta a proteggere le cellule cerebrali prevenendo la demenza, in particolare l'Alzheimer. 

Cavoli

Cavolfiore, verza, cavolo cappuccio, romanesco, cavolo nero, broccoli, cavoletti di Bruxelles sono ortaggi di stagione preziosi per le funzioni cognitive, oltre che per rafforzare il sistema immunitario. Le verdure appartenenti alla famiglia delle brassicacee sono ricche di vitamina Kglucosinolati, in grado di mantenere elevate le concentrazioni di neurotrasmettitori come l'acetilcolina, sostegno per il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale e per rafforzare la memoria. 

Mirtilli

Le bacche sono un toccasana per la memoria e per le funzioni cognitive. Mirtilli e, in generale, frutta e verdura di colore rosso scuro e viola - uva nera, ciliegie, fragole, lamponi, more, ma anche barbabietole - migliorano l'afflusso di sangue alla corteccia cerebrale e l'attivazione delle aree legate alla memoria.

 

Uova

Le uova contribuiscono a sostenere le funzioni cognitive perchè aiutano a ritardare l'atrofia cerebrale. Il merito è delle vitamine del gruppo BB6B12 e acido folico, in grado di ridurre i livelli di omocisteina nel sangue. Livelli elevati di omocisteina sono associati a un aumento del rischio di ictus e a maggior probabilità di insorgenza dell'Alzheimer, quindi di deterioramento cognitivo.

Noci e semi

A prevenire il declino cognitivo e a sostenere le attività cerebrali, in questo caso è la vitamina EUn buon apporto di questa vitamina lo forniscono i semi oleosi e la frutta seccaLe noci, ad esempiosono una grande fonte di vitamina E insieme ad altra frutta oleaginosa, come mandorleanacardinoci pecannoci brasiliane e nocciole. Anche i semi, ideali da aggiungere a insalate e zuppe, o nell'impasto del pane, ne sono ricchi: semi di sesamo, lino e girasole.

Pesce azzurro

grassi omega 3 sono considerati nutrienti essenziali nella prevenzione di diverse patologie, tra cui il rischio di demenza, morbo di Alzheimer e perdita di memoria. Gli acidi grassi essenziali, come è noto, non vengono prodotti dall'organismo, ma devono essere integrati con l'alimentazione. I grassi omega-3 più efficaci si trovano in abbondanza nei pesci grassi sotto forma di EPA e DHA. Questi grassi sono fondamentali per cuore e cervello, grazie al sostegno della funzionalità cerebrale, cardiaca e delle articolazioni. Non solo, i grassi omega 3 aiutano a gestire lo stressNella dieta non devono mai mancare: salmonetonnotrota salmonatasgombriaringa e sardine. Per chi segue un regime alimentare vegetariano o vegano si possono ritrovare in semi di lino o di chia e frutta secca. 

Colazione con Kellogg's Special K

Anche a colazione, allora, è fondamentale puntare sugli alimenti giusti. La linea Kellogg's Special K in fiocchi e barrette è infatti pensata per fornire il giusto apporto di nutrienti per il metabolismo energetico. Con ferro che aiuta la forza fisica, Vitamina D che rafforza il sistema immunitario e vitamina B12 che contribuisce alla vitalità, rappresentano la scelta ideale nell'ambito di una dieta varia ed equilibrata. Ad arricchire la linea anche i fiocchi e le barrette Special K Protein, fonte di proteine che contribuiscono alla crescita e al mantenimento della massa muscolare.

 

Contenuto sponsorizzato: My-personaltrainer.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, My-personaltrainer.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.