Farina di Quinoa

Quinoa

La quinoa è una pianta erbacea a ciclo annuale, appartenente alla famiglia delle Amaranthaceae (la stessa delle barbabietole); la nomenclatura binomiale della quinoa è Chenopodium quinoa (Class. Willd.).
Farina di QuinoaVerosimilmente originaria delle Ande, la quinoa viene oggi coltivata soprattutto in Bolivia, Cile e Perù.

Per le affinità nutrizionali e di impiego commerciale, è considerata un "cereale"; tuttavia, non appartenendo alla famiglia delle Poaceae (Graminacee), la quinoa viene spesso inclusa nel gruppo degli pseudo-cereali (similmente all'amaranto e al grano saraceno).
La pianta della quinoa raggiunge i 2m di altezza e produce piccoli semi bianchi o giallognoli, di forma circolare e appiattita, organizzati in piccoli grappoli (1,5-2,0mm di diametro, simili alle lenticchie ma grandi come il miglio). Dopo la cottura, questi semi rappresentano la così detta porzione edibile del vegetale e si caratterizzano per un sapore tipicamente acre.
La quinoa si può consumare intera, sotto forma di sfarinati integrali o di semi germogliati (che ne aumentano ulteriormente il valore nutritivo). Non contenendo glutine, sarebbe idonea all'alimentazione del celiaco; tuttavia è sempre bene considerare la presenza di eventuali contaminazioni nel ciclo produttivo.
Allo stato naturale, il seme di quinoa è ricoperto da un sottile velo di saponine ad azione tensioattiva. Queste conferiscono alla quinoa appena colta un sapore tipicamente amaro, oltre che un'azione potenzialmente tossica verso l'intestino e le vie respiratorie. Ovviamente, tale caratteristica svanisce totalmente col lavaggio.
Nell'emisfero australe, la semina della quinoa avviene tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno, mentre la raccolta è svolta in dicembre.




Torta Salata Light con Funghi e Quinoa - Senza Uova E Senza Burro

X
  Problemi con la riproduzione del video? Ricarica da YouTube Vai alla Pagina del Video Vai alla Sezione Video Ricette Guarda il video su youtube

Farina di Quinoa

La farina di quinoa è una polvere di color grigio-verde che si ottiene dalla macinatura dei semi di Chenopodium quinoa. Questi, che necessitano OBBLIGATORIAMENTE il lavaggio per essere privati delle saponine, sono venduti provvisti del rivestimento fibroso e danno origine ad una farina di tipo integrale.
Pur essendo gluten-free, la quinoa viene spesso impiegata nella panificazione di prodotti bassi (simili a piadine), talvolta lievitati per mezzo di agenti chimici, oppure miscelati a farine di frumento in rapporto: quinoa 1 / frumento 2 o 3. La farina di quinoa si presta anche alle lavorazioni di pasticceria secca, come ad esempio i biscotti; non mancano varie ricette di tipo "farinata" e alcune preparazioni destinate all'alimentazione dell'infante post-divezzamento.
La quinoa e la farina di quinoa sono prodotti che, come l'amaranto e la farina di amaranto, hanno sostenuto appieno l'alimentazione delle civiltà precolombiane. Attualmente, questi alimenti sono diffusi soprattutto tra gli amanti dei cibi naturali, biologici e nell'alimentazione vegana, oltre che in quella macrobiotica. Per le relative caratteristiche nutrizionali, la farina di quinoa e la quinoa sono spesso inquadrate tra i super-cibi.
La farina di quinoa ha una densità energetica sovrapponibile a quella dei cereali; la maggior parte delle calorie deriva quindi dai carboidrati complessi, anche se l'Indice Glicemico è piuttosto moderato.
Ha un apporto proteico significativo (14%), caratterizzato dall'elevata concentrazione dell'amminoacido lisina (Valore Biologico medio-elevato, a seconda della fonte bibliografica); tuttavia, ricordiamo che tale nutriente è ancor più abbondante nella maggior parte dei legumi, oltre che nel riso selvatico, nel grano saraceno e nell'avena.
La farina di quinoa apporta ottime concentrazioni di fibra alimentare, di fosforo, di magnesio, di ferro e di calcio.
La farina di quinoa contiene notevoli concentrazioni di betaina, una molecola tuttora oggetto di studi che, se da un lato sembra svolgere delle azioni simil-enzimatiche, dall'altra (a dosi elevate) non è ancora stata definita totalmente innocua per la donna in gravidanza.



Ultima modifica dell'articolo: 05/06/2018