Cosa mangiare ed evitare a colazione per la salute dell'intestino

Cosa mangiare ed evitare a colazione per la salute dell'intestino
Ultima modifica 28.01.2021
INDICE
  1. La colazione giusta per la salute intestinale
  2. I 4 migliori alimenti per l'intestino da mangiare a colazione
  3. Cibi da evitare a colazione per la salute dell'intestino

La colazione giusta per la salute intestinale

La colazione, per tutti i nutrizionisti, è il pasto più importante della giornata, quello che consente di fare il pieno di energia sufficiente ad affrontare gran parte della giornata.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/12/10/colazione-per-intestino-sano-orig.jpeg Shutterstock

Il carburante che mette in moto l'organismo e lo fa funzionare correttamente. Fondamentale sarà scegliere i giusti alimenti da portare in tavola per il primo pasto della giornata, soprattutto in relazione ad eventuali disturbi o patologie metaboliche. Per la salute dell'intestino, sono stati individuati quattro alimenti benefici e alcuni cibi da evitare, perché in grado di causare irritabilità, intolleranza e gonfiore.

I 4 migliori alimenti per l'intestino da mangiare a colazione

Yogurt

Una tazza di yogurt al mattino è molto utile: questo alimento, infatti, contiene batteri sani, in particolare Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus, benefici per l'intestino. Questi batteri vivi, noti anche come probiotici, possono avere un effetto positivo sulla nostra salute, in particolare sull'apparato gastrointestinale. Nella scelta dello yogurt, è meglio evitare varianti addolcite con zuccheri artificiali come la saccarina e il sucralosio, in grado di alterare la flora batterica intestinale. Anche gli yogurt a ridotto contenuto glicemico, e addolciti con la stevia, non sono indicati. 

Chi soffre di disturbi intestinali potrà preferire yogurt senza lattosio, di capra, kefir, maggiormente digeribili e ad alta tollerabilità. 

 

 

Avena

Quando si tratta della salute dell'intestino, la farina d'avena è uno dei cibi più indicati per iniziare la giornata nel modo più salutare. L'avena è un alimento prebiotico, il che significa che aiuta a nutrire i probiotici, i batteri buoni nel nostro intestino, così come  banane, cipolle, aglio e fagioli. L'avena ha una fibra unica chiamata beta-glucano, che ha effetti più distinti sulla composizione microbica nell'intestino rispetto ad altre fibre. L'avena è un alimento consigliato per la colazione pre allenamento

 

 

Frullati e centrifugati

Per preparare un frullato buono da bere a colazione e salutare per l'intestino, incorporare quanti più alimenti vegetali possibile (frutta, verdura, fagioli, semi, cereali integrali). Quando si prepara un frullato a casa o lo si acquista al bar o al supermercato, è consigliabile controllare gli ingredienti, ed evitare i frullati come succhi, yogurt gelato e latte zuccherato perché sono tipicamente ad alto contenuto di zucchero.

Ecco alcuni ingredienti benefici per l'intestino da aggiungere ai frullati:

  • Semi di lino, che sono ricchi di Omega 3. Gli omega 3 hanno spiccata attività antinfiammatoria ed emoliente in generale e in particolare sulla mucosa dell'intestino.
  • Kiwi, sono ricchi di vitamina C e favoriscono il transito intestinale, utili in caso di stipsi.
  • Mele: sono molto ricche di pectina e prevengono le infiammazioni del condotto intestinale. I polifenoli contenuti nalla buccia respingono la formazione di molecole infiammatorie.

 

 

Uova

Quando si tratta della salute intestinale, le uova possono essere benefiche o meno: se si soffre di problemi intestinali come la sindrome dell'intestino irritabile (IBS), il disturbo gastrointestinale funzionale più comune, allora si deve procedere con cautela, per via delle due sintomatologie differenti con le quali si può manifestare: diarrea e stitichezza

Se la sindrome del'intestino irritabile tende a portare a diarrea, le uova possono contribuire a regolare le scariche, ma se si verifica l'effetto opposto (stitichezza), le uova potrebbero peggiorare il transito intestinale.

Cibi da evitare a colazione per la salute dell'intestino

Bacon e salsiccia

La carne rossa altamente lavorata non è solo un problema per reni, fegato e cuore, ma colpisce anche l'intestino. Secondo le linee guida di giugno 2020 pubblicate dall'American Cancer Society, mangiare anche solo una piccola quantità di pancetta, salsiccia o altre carni rosse altamente lavorate è collegato a un elevato rischio di sviluppare il cancro del colon-retto.

La carne rossa ha anche un effetto negativo sulla flora intestinale: il ferro che si trova nella carne rossa porterebbe a un'interruzione della funzione di barriera del muco del nostro intestino.

Ciambelle e merendine

Evitare ciambelle o merendine industriali, fritte e ricche di grassi. Questi tipi di prodotti sono preparati con cereali raffinati, zucchero aggiunto, e hanno uno scarso contenuto di fibre.

 

Se si segue una dieta ricca di grassi e povera di fibre si rischia di evidenziare un aumento significativo dell'infiammazione della mucosa e cambiamenti negativi nel microbiota, entrambi fattori di rischio per il cancro.

Waffle e cereali raffinati

I waffle e le frittelle sono tradizionalmente preparati con cereali raffinati, come le farine di grano e orzo. Questi tipi di cereali non hanno davvero alcun beneficio reale per l'intestino, specialmente se paragonati ai cereali integrali.

Uno studio clinico pubblicato sul Journal of Clinical Nutrition nel febbraio 2017 ha rilevato che dopo sei settimane, sostituendo i cereali integrali con cereali raffinati, è subentrato un aumento del peso delle feci e della frequenza, nonché effetti positivi modesti sulla flora intestinale.

Caffè, tè e cioccolata

Caffè, tè e cioccolata sono le bevande con cui generalmente si inizia la giornata. Fann spesso parte della colazione e vengono accompagnati da cereali. Ebbene, queste tre bevande non sarebbero benefiche per l'intestino. La caffeina contenuta nel caffè, così come la teina del tè e la teobromina contenuta nella cioccolata (e più in generale, nel cacao), sono tutte sostanze che stimolano la peristalsi intestinale, quindi sono da evitare in caso di colon irritabile, colite e diarrea.