Come Pulire e Cuocere il Polpo (Piovra)

Ultima modifica 12.04.2018
/5

Se pulire il polpo vi sembra un'impresa impossibile, sono sicura che con questa video ricetta cambierete immediatamente idea! La pulizia di questo mollusco spettacolare è davvero semplicissima e non richiede poi così tanti accorgimenti. E già che ci siamo impareremo a cucinarlo a regola d'arte, evitando che questo diventi gommoso e duro! Mettiamoci all'opera!

Video della Ricetta

 Problemi con la riproduzione del video? Ricarica il video da youtube.

Carta di Identità della Ricetta

  • 74 KCal Calorie per porzione
  • Difficoltà abbastanza facile
  • Dosi per 4 persone
  • Preparazione
  • Costo medio
  • Nota 15 minuti per la pulizia; 20 minuti (+ il tempo di raffreddamento) per la cottura

Categoria Ricetta: Preparazioni di Base / Ricette per Diabetici / Ricette Senza Glutine / Ricette proteiche / Ricette dietetiche Light / Come Pulire e Cuocere il Polpo (Piovra)

Ingredienti

Materiale Occorrente

  • Tagliere
  • Batticarne o martello per alimenti
  • Casseruola molto capiente
  • Coltello
  • Forchetta
  • Carta assorbente

Preparazione

Nota bene
Il polpo può essere acquistato congelato oppure fresco. Nel primo caso, la testa del polpo sarà già eviscerata, mentre nel secondo caso sarà necessario rimuovere le interiora rivoltando la sacca.
Esistono poi dei polpi molto pregiati, che presentano due file di ventose lungo i tentacoli; quelli di sabbia (facilmente reperibili) presentano invece lunghi tentacoli con un’unica fila di ventose.
Al momento dell’acquisto, si raccomanda di verificarne la colorazione e l’aspetto: il polpo dovrà risultare brillante e lucido.

  1. Se il polpo è fresco, la prima cosa da fare è incidere la base della sacca del corpo senza separarla dai tentacoli, rovesciandola per rimuovere le interiora. Il polpo decongelato è invece già eviscerato.
  2. Rimuovere gli occhi del polpo praticando un’incisione.
  3. Incidere poi il dente (rostro) e rimuoverlo spingendolo con le dita.
  4. Frollare la carne per rompere le fibre ed intenerirla: picchettare dunque delicatamente la testa ed i tentacoli con un batticarne. In questo modo, la carne del polpo risulterà tenera e non gommosa.
  5. Lavare dunque il polpo in acqua corrente, insistendo nelle ventose per rimuovere eventuali impurità.
  6. Il polpo può ora essere cucinato oppure congelato (solo se la piovra è stata acquistata fresca!).

Lo sapevi che…
Alcune persone preferiscono acquistare il polpo fresco, pulirlo e congelarlo 24 ore prima della cottura per frollare la carne: il congelamento può infatti rendere la polpa ancora più morbida.

  1. Mettere a bollire abbondante acqua ed aromatizzare con sedano, carota e succo di limone. Salare a piacere. Chi desidera, può unire anche una cipolla.
  2. Quando l’acqua bolle, immergere ed estrarre velocemente i tentacoli per 6-7 volte, sollevandolo per la testa: in questo modo i tentacoli si arricciano e la carne sarà più tenera.
  3. Immergere il polpo e calcolare 20 minuti per chilo di mollusco: il polpo dovrà bollire molto dolcemente. Trascorso il tempo necessario, spegnere il fuoco e lasciar raffreddare completamente nell’acqua di cottura.

Lo sapevi che…
Esistono diverse teorie sulla cottura ideale del polpo. C’è chi preferisce una cottura “a freddo”, che prevede di cuocere il polpo a partire da acqua fredda e di portare poi ad ebollizione. Altri ancora preferiscono una cottura insolita: si porta l’acqua ad ebollizione, s’immerge il polpo coprendo la pentola con il coperchio, si spegne il fuoco e si lascia poi completamente raffreddare.
Anche sui tempi di cottura ci sono svariate teorie: alcune persone cucinano il polpo per 40 minuti (per chilo di carne) e rimuovono immediatamente il mollusco dall’acqua.
Personalmente, per evitare che la pelle diventi molliccia dopo la rimozione del polpo dall’acqua, consiglio solo 20 minuti di cottura ed il raffreddamento lento nel proprio brodo.
C’è chi addirittura aggiunge un tappo di sughero nell’acqua di cottura al fine di intenerire la carne, ma questa teoria non è fisicamente dimostrata.

  1. Una volta raggiunta la temperatura ambiente, il polpo può essere rimosso dall’acqua. Infilzando il polpo cotto con una forchetta, si potrà percepire la morbidezza della carne.
  2. Chi desidera, può raschiare la pelle dai tentacoli per una miglior presentazione del polpo lesso.
  3. Il polpo può essere tagliato a pezzi più o meno regolari ed utilizzato immediatamente per preparare insalate oppure può essere congelato (a pezzi) e conservato per 2-3 mesi.

Il commento di Alice - PersonalCooker

Adesso che siamo a conoscenza di tutti i trucchi per pulire e cuocere il polpo, non ci resta che dar via libera alla fantasia e creare nuovi sfiziosi piatti: insalata di polpo con patate, insalata di mare, polpo croccante in padella, carpaccio di polpo e molto altro ancora.

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

Il polpo bollito è una pietanza ipocalorica, ricca di proteine ad alto valore biologico e povera di grassi e carboidrati. Si presta a qualunque regime alimentare, anche se è necessario utilizzare porzioni contenute in caso di difficoltà digestive o di allergia. La porzione media di polpo oscilla dai 150 ai 300g (110-220kcal).

Valori nutrizionali (100 g)

  • Calorie: 74 Kcal
  • Carboidrati: 2.20 g
  • Proteine: 14.90 g
  • Grassi: 0.60 g
    • di cui saturi: 0.23g
    • di cui monoinsaturi: 0.16g
    • di cui polinsaturi: 0.24 g
  • Colesterolo: 48.00 mg
  • Fibre: 0.00 g
Foto Come Pulire e Cuocere il Polpo (Piovra)

Autore

Alice Mazzo

Alice Mazzo

Presentatrice di Ricette di Alice
Creatività e perseveranza, con un pizzico di follia: il mix d’ingredienti perfetto che definisce Alice, presentatrice del programma Ricette di Alice, su My-personaltrainerTV. Il suo cuore batte per la cucina salutistica: appassionata di alimentazione, la sua mission è trasmettere la passione per la cucina sana, trasformando bombe caloriche in bocconcini leggeri, senza rinunciare al gusto