Polenta Fatta in Casa - Tutto Quello che si Deve Sapere

Ultima modifica 01.03.2019
/5

Bentrovati su My-personaltrainerTv.

Oggi daremo voce ad uno dei cibi della tradizione gastronomica Veneta: la polenta, un importantissimo alimento da sempre conosciuto come Cibo dei Poveri.

Scorrendo questa pagina verso il basso potrete trovare sia il video teorico, sia quello pratico che vi aiuteranno a preparare la polenta in casa.

Perché si parla della polenta come alimento dei poveri? 

Perché è estremamente saziante e molto economica: per moltissimi anni, in particolare a partire dall’800, la polenta costituì l’unico alimento di sostentamento per molti popoli. Purtroppo, però, la polenta è stata incriminata di essere la causa principale di una grave patologia: la pellagra. Il consumo esagerato di polenta riduce drasticamente la biodisponibilità della Vitamina B3 (Niacina): in carenza di vitamina PP, l’organismo si ribella provocando appunto la pellagra, una patologia che provoca dermatite, demenza, diarrea e morte.

La polenta si prepara solo con farina di mais?

Normalmente siamo soliti collegare la farina di mais alla polenta. In realtà, per definizione, la polenta è un alimento preparato con farine di cereali cotte a lungo in acqua bollente. In origine, la polenta veniva preparata con farine di farro, segale, orzo e grano saraceno. Poi, il mais venne importato in Europa dalle Americhe intorno al 1650: da allora la farina di mais divenne la più apprezzata per realizzare polente.

Quali sono le farine di mais più utilizzate per la preparazione della polenta?

  1. Farina gialla bramata: si tratta di una farina a grana grossa che darà origine ad una polenta grezza e rugosa. Il termine “bramata” deriva dal particolare processo a cui viene sottoposto il mais prima della macinazione (sbramatura). Ottima da degustare con spezzatino e goulash. Richiede una cottura di 45-60 minuti.
  2. Farina gialla fioretto: presenta una grana sottilissima. Ideale per preparare polente pasticciate da farcire con formaggi. Richiede una cottura di 30 minuti.
  3. Farina gialla precotta (istantanea): richiede una breve cottura perché la farina è stata sottoposta ad una preliminare cottura a vapore.
  4. Farina taragna: mix di farina di mais e farina di grano saraceno. Si tratta di una pietanza tipica della Valtellina ed è molto apprezzata anche nel Bergamasco e nel Bresciano. In genere viene arricchita con burro e formaggi.
  5. Polenta bianca: preparata con farina di mais bianco. È una particolare polenta tipica del Veneto.

Come va dosata la polenta?

Per ottenere una polenta compatta si consiglia di sciogliere 250 g di farina (fioretto) in 1 L d’acqua leggermente salata 

Presentazione al video pratico

Oggi ragazzi con orgoglio cucinerò per voi uno dei piatti della mia tradizione veneta: la polenta. Si tratta di un alimento dalle origini antichissime, che si sposa praticamente con tutto, spaziando dalla carne al sugo al formaggio, dal pesce alla verdura! C’è perfino chi la frigge e chi, come me, la adora con un po’ di zucchero. E come la tradizione impone, prepareremo la polenta sul paiolo di rame.

Video della Ricetta

 Problemi con la riproduzione del video? Ricarica il video da youtube.

Carta di Identità della Ricetta

Categoria Ricetta: Preparazioni di Base / Ricette Vegane / Ricette Regionali / Ricette dietetiche Light / Ricette Senza Glutine / Polenta Fatta in Casa - Tutto Quello che si Deve Sapere

Ingredienti

Materiale Occorrente

  • Paiolo o casseruola in acciaio
  • Frustino
  • Mestolo di legno
  • Bilancina pesa alimenti
  • Spianatoia in legno

Preparazione

Nota bene
Per preparare la polenta abbiamo utilizzato il classico paiolo in rame. Ad ogni modo, è possibile utilizzare anche una casseruola in acciaio od antiaderente.

  1. Portare l'acqua ad ebollizione ed aggiungere il sale.
  2. Versare a pioggia la farina di mais bramata, poca per volta, direttamente nell'acqua bollente. Continuare a mescolare ininterrottamente fino alla ripresa del bollore, al fine di evitare la formazione dei grumetti (detti fraticelli).
  3. Mescolare la polenta molto spesso, abbassando la fiamma ma accertandosi di mantenere l'ebollizione.

Nota bene
Qui abbiamo utilizzato la farina gialla bramata, che darà origine ad una polenta rustica e ruvida. Questo tipo di farina gialla richiede una cottura molto lunga, di circa 45 minuti - 1 ora. Per velocizzare i tempi, è possibile sostituire la bramata con la fioretto (30 minuti di cottura) oppure con la farina istantanea (5 minuti).
Abbiamo inoltre suggerito le dosi per la realizzazione della polenta soda e compatta. Chi ama la polenta vellutata, può aggiungere 100-150 ml di acqua bollente oppure ridurre la dose di farina gialla.

  1. Terminata la cottura, rovesciare la polenta sulla spianatoia in legno e servire.

Il commento di Alice - PersonalCooker

E adesso date sfogo alla vostra fantasia abbinando la polenta a carne in umido, pesce al sugo, formaggi e, se avanza, potete anche mangiarla per colazione magari con della marmellata oppure con lo zucchero.

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

La polenta è un primo piatto a basso contenuto calorico, ricco di carboidrati, con poche proteine e lipidi. L'apporto di fibre è molto basso e quello di colesterolo assente. La polenta è un primo piatto che si presta a qualunque tipo di regime alimentare (più della pasta), ma richiede porzioni ridotte nella dieta del diabetico tipo 2. La porzione media è di circa 200-300g (140-210kcal).


Valori nutrizionali (100 g)

  • Calorie: 72 Kcal
  • Carboidrati: 16.30 g
  • Proteine: 1.70 g
  • Grassi: 0.40 g
    • di cui saturi: 0.10g
    • di cui monoinsaturi: 0.10g
    • di cui polinsaturi: 0.00 g
  • Colesterolo: 0.50 mg
  • Fibre: 0.00 g
Foto Polenta - Tutto Quello che si Deve Sapere

Autore

Alice Mazzo

Alice Mazzo

Presentatrice di Ricette di Alice
Creatività e perseveranza, con un pizzico di follia: il mix d’ingredienti perfetto che definisce Alice, presentatrice del programma Ricette di Alice, su My-personaltrainerTV. Il suo cuore batte per la cucina salutistica: appassionata di alimentazione, la sua mission è trasmettere la passione per la cucina sana, trasformando bombe caloriche in bocconcini leggeri, senza rinunciare al gusto