Ultima modifica 21.06.2018
/5

Se per caso durante l'inverno siete assaliti da una voglia matta di melone, non dovrete far fare migliaia di chilometri al marito per cercare questo frutto tipicamente estivo! Basta aprire un vasetto di confettura per ritrovare tutta la freschezza e la dolcezza del melone maturo. Ebbene sì, come avrete intuito, oggi prepareremo insieme la marmellata di melone fatta in casa, seguendo tutti gli accorgimenti necessari per ottenere un prodotto genuino e sicuro. Scopriamo insieme cosa ci occorre.

Video della Ricetta

 Problemi con la riproduzione del video? Ricarica il video da youtube.

Carta di Identità della Ricetta

  • 131 KCal Calorie per porzione
  • Difficoltà facile
  • Dosi per 10 persone
  • Preparazione
  • Costo basso
  • Nota 20 minuti + il tempo di macerazione (24 ore)

Categoria Ricetta: Dolci e Dessert / Ricette per Vegetariani / Ricette Vegane / Ricette Senza Glutine / Marmellata di Melone

Ingredienti

Materiale Occorrente

  • Ciotola capiente
  • Tagliere per alimenti
  • Coltello
  • Cucchiai di legno e di acciaio
  • Mestolo
  • Barattoli in vetro da 250 g con rispettivi tappi
  • Pentola capiente per bollire la marmellata
  • Pentola per sterilizzare i vasetti ed i tappi
  • Mixer ad immersione
  • Spugnetta o canovaccio

Preparazione

Per ottenere un risultato eccellente, si consiglia di mettere in macera la polpa di melone con il succo di limone, lo zucchero, il baccello di vaniglia ed il marsala (o lo zibibbo) 24 ore prima d’iniziare la preparazione della marmellata.
Inoltre, lasciando la frutta in macera con il succo di limone si evita che lo zucchero cristallizzi durante la cottura: in generale, questo accorgimento è molto importante quando si utilizza frutta piuttosto acida.

  1. Immergere i vasetti di vetro con i relativi tappi in una casseruola piena d’acqua. Calcolare 20 minuti dal momento dell’ebollizione: così facendo, sarà possibile sterilizzare i contenitori per conservare al meglio la confettura.
  2. Nel frattempo, preparare la marmellata. Con una schiumarola, rimuovere la polpa di melone dal liquido di macerazione e far addensare lo sciroppo ottenuto in una casseruola per almeno 5 minuti.
  3. Versare la bustina di addensante (del tipo “2:1”) nella polpa di melone sgocciolata: l’addensate è utilissimo per velocizzare i tempi di gelatinizzazione della marmellata.

Che tipo di gelificante utilizzare?
Abbiamo scelto un tipo di addensante preparato con pectina, acido citrico e destrosio, in grado di gelificare 1 Kg di frutta con 500 g di zucchero in 8-10 minuti.

  1. Versare la polpa di melone con la pectina in una casseruola capiente, dunque aggiungere lo sciroppo che nel frattempo si sarà addensato.
  2. Calcolare circa 8-10 minuti dal momento dell’ebollizione, avendo cura di schiumare di tanto in tanto con un mestolo oppure con una schiumarola.

Perché schiumare?
È importante rimuovere sempre la schiuma che si forma durante la bollitura della frutta: una volta versata nel barattolo da conservare, infatti, la schiuma (ricca di ossigeno) andrebbe a costituire un ambiente ideale per la proliferazione dei batteri aerobi potenzialmente dannosi per la salute.

  1. Frullare il tutto con il mixer ad immersione, fino a ridurre tutti i pezzi di frutta in purea. Nel frattempo si sarà formata nuova schiuma: procedere dunque con la sua rimozione.
  2. Per controllare quando la marmellata ha raggiunto la giusta consistenza, si consiglia con la cosiddetta “prova piattino”, che si esegue facendo gocciolare un cucchiaio di marmellata in un piano freddo. Se questa, dopo pochi istanti, si rapprende in gelatina senza formare un brodo liquido, significa che è pronta per essere invasata.
  3. Anche i vasetti si saranno perfettamente sterilizzati. Rimuovere dunque i barattoli con una pinza, eventualmente aiutandosi con una spugnetta umida e facendo ben attenzione a non scottarsi.
  4. Sistemare i tappi ed i vasetti a testa in giù su un canovaccio pulito, asciugando eventuali gocce d’acqua.
  5. Con l’aiuto di un mestolo, riempire i vasetti con la marmellata lasciando solo un paio di centimetri di “vuoto” dal bordo: chiudere il vasetto con il tappo ermetico e lasciar riposare a temperatura ambiente fino a quando si percepisce il caratteristico “clap” di chiusura.
  6. Conservare la marmellata in ambiente buio e fresco: si consiglia di consumarla entro 12 mesi dalla preparazione.

Il commento di Alice - PersonalCooker

Preparare la marmellata fatta in casa è diventato oramai un dolcissimo hobby che permette di conservare al meglio la frutta per molto molto tempo, anche dopo il periodo di maturazione di quel determinato frutto.
Ecco come avere sempre a disposizione i meloni…anche d'inverno!

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

La marmellata di melone è un alimento a base di frutta conservata; per raggiungere una certa consistenza e garantire la conservazione, anche questa marmellata necessita l'aggiunta di zucchero, il che contribuisce ad aumentarne l'apporto energetico, il carico e l'indice glicemico (comunque moderati rispetto alle marmellate industriali presenti sul mercato). La porzione media di marmellata di melone è di 15-30g (20-40kcal).



Valori nutrizionali (100 g)

  • Calorie: 131 Kcal
  • Carboidrati: 34.10 g
  • Proteine: 0.60 g
  • Grassi: 0.10 g
    • di cui saturi: 0.00g
    • di cui monoinsaturi: 0.00g
    • di cui polinsaturi: 0.10 g
  • Colesterolo: 0.00 mg
  • Fibre: 0.60 g
Foto Marmellata di Melone

Autore

Alice Mazzo

Alice Mazzo

Presentatrice di Ricette di Alice
Creatività e perseveranza, con un pizzico di follia: il mix d’ingredienti perfetto che definisce Alice, presentatrice del programma Ricette di Alice, su My-personaltrainerTV. Il suo cuore batte per la cucina salutistica: appassionata di alimentazione, la sua mission è trasmettere la passione per la cucina sana, trasformando bombe caloriche in bocconcini leggeri, senza rinunciare al gusto