Sintomi Neuroma di Morton

Articoli correlati: Neuroma di Morton

Definizione

Il neuroma di Morton è una patologia del piede che colpisce i nervi interdigitali. Questi decorrono al di sotto e in mezzo ai metatarsi fino alle falangi, per innervare le dita.

Il neuroma di Morton può essere causato da traumi ripetuti e da deformità del piede che comportano una trazione nervosa. Possono predisporne lo sviluppo anche l'uso di scarpe strette o con tacchi alti e le continue sollecitazioni al piede. Per questo motivo, il neuroma di Morton è molto comune fra chi pratica danza e gioca a calcio.

La patologia può manifestarsi a qualsiasi età, ma colpisce con maggiore frequenza le persone dai 40 ai 50 anni, di sesso femminile.

Il neuroma di Morton è frequentemente monolaterale, ma non è escluso il contemporaneo interessamento di entrambi i piedi. Il neuroma colpisce maggiormente il 3° spazio interdigitale, mentre il coinvolgimento del nervo tra il primo e il secondo metatarso è meno frequente.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del disturbo Neuroma di Morton

Ulteriori indicazioni

Il neuroma di Morton si manifesta con dolore urente o lancinante sull'avampiede e tra le dita dei piedi, accompagnato da formicolio e intorpidimento.

Camminando, i pazienti spesso avvertono la presenza di un corpo estraneo nella scarpa.

Nella zona interessata, appare un leggero avvallamento causato dalla persistente dilatazione benigna del perinervio.

Quando si comprime l'avampiede ai due lati, si avverte un “click” in corrispondenza dello spazio interessato dal neuroma e viene esacerbato un dolore acuto (segno di Mulder).

Talvolta, è anche possibile palpare una massa che corrisponde al neuroma stesso o a una cisti sinoviale associata.

La diagnosi è solitamente clinica, in quanto i sintomi sono spesso specifici. Il neuroma di Morton viene confermato dalla dolorabilità alla palpazione plantare dello spazio interdigitale e dall'irradiazione urente suscitata dalla pressione tra le teste metatarsali. La risonanza magnetica può essere utile per escludere altre lesioni dello spazio interdigitale o artrosi che causano sintomi simili.

Il trattamento può prevedere l'utilizzo di calzature adeguate, ortesi, plantari e infiltrazioni perineurali di corticosteroidi. Se questi approcci conservativi sono inefficaci, l'escissione chirurgica del nervo può condurre alla remissione della condizione.



Ultima modifica dell'articolo: 08/11/2018