Triasporin - Foglio Illustrativo

Principi attivi: Itraconazolo

Triasporin 100 mg capsule rigide

I foglietti illustrativi di Triasporin sono disponibili per le confezioni:

IndicazioniPerché si usa Triasporin? A cosa serve?

Che cos'è Triasporin e a cosa serve

Antimicotico ad uso sistemico, derivati triazolici

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Triasporin contiene itraconazolo che appartiene ad un gruppo di medicinali denominato "antimicotici per uso sistemico" usato per le seguenti infezioni micotiche (infezioni da funghi):

Micosi superficiali:

Micosi sistemiche (infezioni causate da funghi che si diffondono in tutto l'organismo):

  • aspergillosi (infezione causata dal fungo Aspergillo)
  • candidosi (infezione causata dal fungo di tipo Candida)
  • criptococcosi (infezione causata dal fungo del tipo Criptococco), compresa la meningite criptococcica (infiammazione delle meningi)
  • istoplasmosi (infezione causata dal fungo Histoplasma)
  • sporotricosi (infezione causata dal fungo del genere Sporothricum)
  • paracoccidioidomicosi (infezione causata dal fungo Paracoccidioides Brasiliensis)
  • blastomicosi (infezione causata dal fungo Blastomyces Dermatitidis)
  • altre rare micosi sistemiche.

Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio.

ControindicazioniQuando non dev'essere usato Triasporin

NON usi Triasporin

  • se è allergico ad itraconazolo o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6)
  • se è in corso, se sospetta o sta pianificando una gravidanza (vedere paragrafo "Gravidanza e allattamento")
  • ha gravi problemi al cuore con evidenza di disfunzione ventricolare, per esempio se ha o ha avuto insufficienza cardiaca congestizia, a meno che il medico non valuti la necessità di trattare infezioni potenzialmente pericolose per la vita o altre gravi infezioni

TRIASPORIN non deve essere somministrato contemporaneamente ad alcuni farmaci. Ci sono molti medicinali che interagiscono con TRIASPORIN ; vedere paragrafo "Altri medicinali e Triasporin"

Precauzioni per l'usoCosa serve sapere prima di prendere Triasporin

Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Triasporin .

Interrompa il trattamento con Triasporin e consulti immediatamente il suo medico qualora dovessero insorgere sintomi quali:

Informi immediatamente il medico o chieda assistenza medica in caso di grave reazione allergica (caratterizzata da significativa eruzione cutanea, prurito, orticaria, difficoltà a respirare e/o gonfiore del viso) mentre assume Triasporin .

Non assuma Triasporin ed informi immediatamente il medico in caso di:

Contatti immediatamente il medico in caso di:

Questi potrebbero essere i sintomi di uno scompenso cardiaco.

  • formicolio
  • intorpidimento
  • debolezza agli arti
  • altri problemi con i nervi delle braccia o delle gambe
  • visione sfocata o vista doppia, in caso di ronzio alle orecchie, in caso di perdita di controllo della minzione o in caso di aumento della frequenza della minzione rispetto al normale.

Informi il medico se ha o ha avuto:

  • Problemi al fegato: potrebbe rendersi necessario un aggiustamento del dosaggio di Triasporin
  • Problemi al cuore
  • Problemi ai reni: potrebbe rendersi necessario un aggiustamento del dosaggio di Triasporin
  • Problemi al sistema nervoso centrale
  • Problemi al sistema nervoso periferico (Neuropatia)
  • Reazioni allergiche: informi il medico nel caso in passato abbia avuto reazioni allergiche ad altri medicinali antimicotici (medicinali usati per trattare le infezioni da funghi)
  • Immunocompromissione: informi il medico se è affetto da neutropenia (riduzione del numero di globuli bianchi nel sangue) o AIDS o se è stato sottoposto ad un trapianto d'organo. Potrebbe rendersi necessario un aggiustamento del dosaggio di Triasporin.

Avvertenze speciali

Nel trattamento delle infezioni della pelle, ad esempio:

  • pityriasis versicolor (infezione della pelle causata da funghi che si manifesta con lo sviluppo di macchie chiare e scure leggermente squamose principalmente sul tronco),
  • dermatofitosi (infezioni della pelle causata da funghi) il medico valuterà il trattamento con un prodotto per uso locale prima di iniziare l'assunzione di Triasporin nei casi di lieve entità e di ridotta estensione.

InterazioniQuali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di Triasporin

Altri medicinali e Triasporin

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale.

Informi il suo medico o il farmacista se sta assumendo altri medicinali in quanto l'assunzione contemporanea di alcuni medicinali con Triasporin potrebbe risultare dannosa o potrebbe modificare l'attività di Triasporin .

Non assuma i seguenti medicinali durante il trattamento con Triasporin :

  • alcuni medicinali antiallergici (terfenadina, astemizolo, mizolastina);
  • alcuni medicinali utilizzati per il trattamento dell'angina (dolore toracico opprimente) o della pressione alta (bepridil, felodipina, nisoldipina, lercanidipina, ivabradina, ranolazina, eplerenone, aliskiren);
  • un medicinale usato per il trattamento di alcuni disturbi digestivi (cisapride);
  • medicinali che abbassano i livelli di colesterolo (atorvastatina, simvastatina e lovastatina);
  • alcuni medicinali per il trattamento dell'insonnia (midazolam, triazolam);
  • alcuni medicinali usati per il trattamento di disturbi di tipo psicotico (severa alterazione dell'equilibrio psichico dell'individuo) (lurasidone, pimozide, sertindolo, quetiapina);
  • un medicinale per il trattamento della gotta (infiammazione delle articolazioni che causa dolore e gonfiore), quando usato in soggetti con problemi ai reni o al fegato (colchicina);
  • alcuni medicinali per il dolore grave o per gestire la dipendenza da stupefacenti (levacetilmetadolo (levometadile), metadone);
  • un medicinale usato nel trattamento della malaria (alofantrina);
  • un medicinale anti-tumorale (irinotecan);
  • alcuni medicinali utilizzati nel trattamento di aritmie cardiache (battito cardiaco irregolare) (disopiramide, dronedarone, chinidina, dofetilide);
  • medicinali chiamati alcaloidi dell'ergot usati contro l'emicrania (mal di testa) (diidroergotamina o ergotamina);
  • un medicinale usato contro l'emicrania (mal di testa) (eletriptan);
  • medicinali chiamati alcaloidi dell'ergot, usati per il controllo delle emorragie e per il mantenimento delle contrazioni uterine dopo il parto (ergometrina (ergonovina) o metilergometrina (metilergonovina)).

Aspetti almeno 2 settimane dopo l'interruzione del trattamento con Triasporin prima di assumere uno qualsiasi di questi medicinali.

Informi il medico se sta assumendo i seguenti medicinali in quanto possono diminuire l'azione di Triasporin :

Informi sempre il medico se sta assumendo uno di questi medicinali, in modo da poter adottare opportuni accorgimenti.

Aspetti almeno 2 settimane dopo l'interruzione del trattamento con questi medicinali prima di assumere Triasporin .

Non assuma i seguenti medicinali a meno che il medico non li ritenga necessari:

Aspetti almeno 2 settimane dopo l'interruzione di Triasporin prima di iniziare il trattamento con questi medicinali a meno che il medico non lo ritenga necessario.

Informi il medico se è in trattamento con uno dei seguenti medicinali in quanto possono richiedere una modifica della dose:

L'assorbimento di Triasporin nell'organismo avviene in presenza di una sufficiente acidità a livello gastrico. Per questo motivo i medicinali che neutralizzano l'acidità gastrica (medicinali antiacidi) devono essere assunti almeno 1 ora prima dell'assunzione di Triasporin o non devono essere assunti per almeno 2 ore dopo l'assunzione di Triasporin. Per lo stesso motivo, se si utilizzano medicinali che inibiscono la produzione di acido a livello dello stomaco, è opportuno ingerire Triasporin con una bevanda contenente cola

AvvertenzeÈ importante sapere che:

Gravidanza, allattamento e fertilità

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.

Gravidanza

Triasporin è controindicato in gravidanza. Se lei è una donna in età fertile deve mettere in atto adeguate misure contraccettive durante il trattamento con Triasporin e mantenerle fino al ciclo mestruale successivo dopo la fine della terapia. Consulti il suo medico se ha iniziato una terapia con Triasporin senza adottare adeguate misure contraccettive.

Allattamento

Eviti l'allattamento al seno durante il trattamento con Triasporin, poiché piccoli quantitativi di medicinale possono passare nel latte materno.

Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

Triasporin, in alcuni casi, può causare vertigini, disturbi della vista e perdita dell'udito (vedere paragrafo "Possibili effetti indesiderati").

Triasporin contiene saccarosio

Se il medico le ha diagnosticato un'intolleranza ad alcuni zuccheri lo contatti prima di prendere questo medicinale.

Dose, Modo e Tempo di SomministrazioneCome usare Triasporin: Posologia

Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

Assuma Triasporin immediatamente dopo uno dei pasti principali, per assicurare un assorbimento ottimale. Tenga presente che:

  • La capsula non deve essere aperta e deve essere deglutita intera.
  • La dose da assumere varia in base all'infezione da trattare.
  • Nei pazienti immunodepressi la biodisponibilità orale del farmaco può risultare diminuita. In tali casi pertanto la dose può essere raddoppiata.

Segua sempre attentamente le istruzioni del medico che di volta in volta può adeguare il trattamento alle sue necessità.

Terapia delle infezioni micotiche (da funghi) superficiali

INDICAZIONE DOSE DURATA
Pityriasis versicolor 200 mg 1 volta al giorno 7 giorni
Dermatomicosi 200 mg 1 volta al giorno 7 giorni
Il trattamento delle aree particolarmente cheratinizzate, come nelle forme plantari di tinea pedis e palmari di tinea manus, richiede una posologia di 200 mg 2 volte al giorno per 7 giorni.
Onicomicosi 1 ciclo = 200 mg 2 volte al giorno per una settimana 2 cicli per le infezioni ungueali delle mani, 3 cicli per quelle dei piedi. Ogni ciclo deve essere seguito da 3 settimane di non trattamento
Candidosi vulvovaginale 200 mg 1 volta al giorno oppure 200 mg 2 volte al giorno 3 giorni 1 giorno
Candidosi orale 100 mg 1 volta al giorno 15 giorni
Nei pazienti immunodepressi la biodisponibilità orale del farmaco può risultare diminuita. In tali casi pertanto la dose può essere raddoppiata.
Cheratite fungina 200 mg 1 volta al giorno 21 giorni

Nelle infezioni della pelle, le lesioni scompaiono completamente solo dopo alcune settimane dalla fine del trattamento, contemporaneamente alla rigenerazione della pelle sana. Nelle onicomicosi (infezioni delle unghie) occorre attendere la ricrescita delle unghie.

Terapia delle infezioni micotiche sistemiche (infezioni degli organi interni).

INDICAZIONE DOSE DURATA MEDIA OSSERVAZIONI
Aspergillosi 200 mg 1 volta al giorno 2-5 mesi 200 mg b.i.d. nel caso di infezioni invasive o disseminate
Candidosi 100-200 mg 1 volta al giorno 3 settimane-7 mesi
Criptococcosi non meningea 200 mg 1 volta al giorno 2 mesi - 1 anno
Meningite criptococcica 400 mg 1 volta al giorno 2 mesi - 1 anno Terapia di mantenimento: 200 mg/giorno Vedere paragrafo 4.4 Avvertenze speciali e precauzioni d'impiego
Istoplasmosi da 200 mg 1 volta al giorno a 200 mg 2 volte al giorno 8 mesi
Sporotricosi 100 mg 1 volta al giorno 3 mesi
Paracoccidioidomi-cosi 100 mg 1 volta al giorno 6 mesi
Cromomicosi 100-200 mg 1 volta al giorno 6 mesi
Blastomicosi da 100 mg 1 volta al giorno a 200 mg 2 volte al giorno 6 mesi

SovradosaggioCosa fare se avete preso una dose eccessiva di Triasporin

Se prende più Triasporin di quanto deve

In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Triasporin avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale.

Trattamento

In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Triasporin, il medico adotterà adeguate misure di supporto. Se il medico lo ritiene opportuno, potrà somministrarle carbone attivo. Triasporin non viene rimosso dall'emodialisi (terapia sostitutiva della funzionalità renale). Non esiste un antidoto specifico.

Effetti IndesideratiQuali sono gli effetti collaterali di Triasporin

Come tutti i medicinali, Triasporin può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

Gli effetti indesiderati più comunemente riportati durante il trattamento con itraconazolo capsule segnalati durante gli studi clinici e/o derivanti da segnalazioni spontanee sono:

Gli effetti indesiderati più gravi sono:

  • Reazione allergiche gravi
  • Insufficienza cardiaca e insufficienza cardiaca congestizia (problemi al cuore)
  • Edema polmonare (Gonfiore dovuto a ritenzione di fluidi nei polmoni)
  • Pancreatite (infiammamzione del pancreas)
  • Grave epatotossicità (effetto dannoso al fegato), inclusi alcuni casi di insufficienza epatica (problemi al fegato) acuta fatale
  • Reazioni cutanee gravi.

Di seguito si riportano altri effetti indesiderati rilevati durante studi clinici.

Effetti indesiderati comuni (possono interessare fino a 1 persona su 10) includono:

  • Mal di testa
  • Dolore addominale
  • Nausea

Effetti indesiderati non comuni (possono interessare fino a 1 persona su 100) includono:

Effetti indesiderati rari (possono interessare fino a 1 persona su 1.000) includono:

*vedere paragrafo "Precauzioni per l'uso"

Popolazione pediatrica

Sulla base dei dati sulla sicurezza provenienti da studi clinici, gli effetti indesiderati più comunemente riportati nei pazienti pediatrici sono:

  • Mal di testa
  • Vomito
  • Dolore addominale
  • Diarrea
  • Anormale funzionalità del fegato
  • Ipotensione (condizione in cui i valori della pressione del sangue sono inferiori rispetto ai valori normali)
  • Nausea
  • Orticaria (Eruzione cutanea)

In generale, gli effetti indesiderati segnalati nei pazienti pediatrici sono simili a quanto osservato nei soggetti adulti, ma la frequenza è maggiore nei pazienti pediatrici. Sono stati inoltre segnalati alcuni casi di arresto cardiaco.

Effetti indesiderati rilevati durante la commercializzazione di Triasporin, la cui frequenza non è nota

  • Malattia da siero (reazione simile ad un'allergia)
  • Edema angioneurotico (gonfiore di viso, bocca, labbra e/o lingua)
  • Reazione anafilattica (grave reazione allergica)
  • Ipertrigliceridemia
  • Disturbi visivi, inclusi diplopia (visione doppia) e visione offuscata
  • Perdita dell'udito transitoria o permanente
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Dispnea (difficoltà di respiro che include dispnea, dispnea da sforzo e sibili)
  • Pancreatite (infiammazione del pancreas)
  • Grave epatotossicità (effetto dannoso al fegato), inclusi alcuni casi di insufficienza epatica acuta fatale
  • Sindrome di Stevens-Johnson/necrolisi epidermica tossica (SJS/TEN) (Grave reazione della pelle e/o delle mucose indotta dal farmaco)
  • Pustolosi esantematica acuta generalizzata (AGEP) (Improvvisa eruzione cutanea che si manifesta con la presenza di pustole)
  • Eritema multiforme (infiammazione dei vasi sanguigni che provoca reazione allergica)
  • Dermatite esfoliativa (irritazione cutanea grave e diffusa che provoca desquamazione della cute)
  • Vasculite leucocitoclastica (Infiammazione dei piccoli vasi sanguigni)
  • Alopecia (Perdita di capelli che in alcuni casi potrebbe essere permanente)
  • Fotosensibilità (anomala ed eccessiva reattività cutanea all'irradiazione solare o artificiale)
  • Aumento della creatinfosfochinasi ematica (un enzima presente nel sangue)

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio rivolgersi al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

Scadenza e Conservazione

Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione dopo la parola Scad.. La data di scadenza si riferisce all'ultimo giorno di quel mese. La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro correttamente conservato.

Conservare a temperatura inferiore a 25°C.

Non getti alcun medicinale nell'acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l'ambiente.

Composizione e forma farmaceutica

Cosa contiene Triasporin

  • Il principio attivo è itraconazolo. Una capsula contiene 100 mg di itraconazolo.
  • Gli altri componenti sono granuli zuccherini di supporto (composti da amido di mais, acqua purificata e saccarosio), ipromellosa, macrogol. Costituenti della capsula: gelatina, titanio diossido (E171), eritrosina (E127), indigotina (E132).

Descrizione dell'aspetto di Triasporin e contenuto della confezione

8 capsule rigide.


Fonte Foglietto Illustrativo: AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Contenuto pubblicato a Gennaio 2016. Le informazioni presenti possono non risultare essere aggiornate. Per avere accesso alla versione più aggiornata, si consiglia l'accesso al sito web dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Disclaimer e informazioni utili.


Ulteriori informazioni su Triasporin sono disponibili nella scheda "Riassunto delle Caratteristiche".


Ultima modifica dell'articolo: 13/06/2017