Nerisona - Foglio Illustrativo

Principi attivi: Diflucortolone (Diflucortolone valerato)

Nerisona 0,1% crema idrofoba

I foglietti illustrativi di Nerisona sono disponibili per le confezioni:

IndicazioniPerché si usa Nerisona? A cosa serve?

Nerisona contiene il principio attivo diflucortolone valerato che appartiene al gruppo dei corticosteroidi.

Questa crema idrofoba si usa per il trattamento di patologie della pelle quali dermatite ed eczema da contatto, eczema professionale, eczema volgare, eczema nummulare (microbico), eczema varicoso (comunque non direttamente sull'ulcera), eczema anale, eczema infantile, neurodermite, ustioni di primo grado, eritema solare, punture d'insetti, eritematoide discoide cronico, psoriasi, lichen ruber planus e verrucosus.

ControindicazioniQuando non dev'essere usato Nerisona

Non usi Nerisona

Precauzioni per l'usoCosa serve sapere prima di prendere Nerisona

Si rivolga al medico o al farmacista prima di usare Nerisona:

  • se sono presenti delle lesioni estese, tratti aree limitate in successione, una alla volta
  • se è in corso una gravidanza. In questo caso, usi la crema idrofoba solo in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico (vedi "Gravidanza e allattamento").
  • se è affetto da una malattia della pelle accompagnata da infezioni batteriche, il suo medico le prescriverà inoltre un trattamento con antibiotici locali; in caso di micosi (funghi), il suo medico le prescriverà inoltre un trattamento con antimicotici locali.

Bambini

Non usi il farmaco oltre i 5 - 7 giorni nei lattanti e nei bambini, se le zone da trattare sono coperte da pannolini o mutandine di plastica.

L'applicazione sulla pelle di farmaci corticosteroidi su aree corporee estese e/o per lunghi periodi di tempo, può determinare effetti indesiderati dovuti all'assorbimento attraverso la pelle e al passaggio nel sangue (assorbimento sistemico).Tale evenienza è più frequente in caso di bendaggio occlusivo (non traspirante), con l'uso di pannolini e nelle pieghe della pelle nei bambini. Pertanto, nel trattamento di malattie croniche che richiedano terapie prolungate, ottenuto un miglioramento il suo medico dovrà ridurre il dosaggio e la frequenza delle applicazioni al minimo necessario per controllare i sintomi ed evitare la ricomparsa della malattia (recidive), sospendendo l'uso della crema idrofoba appena possibile.

Eviti il contatto con gli occhi. Con l'impiego dei corticosteroidi per uso locale è possibile la comparsa di glaucoma (una malattia oculare in cui si ha un aumento della pressione all'interno dell'occhio) ad esempio, dopo l'impiego di dosi eccessive o su aree estese per periodi prolungati, con tecniche di bendaggio occlusivo o dopo l'applicazione sulla pelle intorno agli occhi.

L'uso, specie se prolungato dei prodotti per uso locale, può dar origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso interrompa il trattamento e contatti il suo medico curante, il quale le consiglierà una terapia adeguata.

InterazioniQuali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di Nerisona

Informi il medico o il farmacista se sta usando, ha recentemente usato o potrebbe usare qualsiasi altro medicinale

AvvertenzeÈ importante sapere che:

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di usare questo medicinale.

Come misura precauzionale, non applichi questa crema durante il primo trimestre di gravidanza. E' stato infatti osservato un aumento del rischio, pur se limitato, di palatoschisi (malformazione del palato) nei neonati le cui madri sono state trattate con corticosteroidi sistemici (somministrati ad esempio per bocca o endovena).

Utilizzi questo medicinale durante la gravidanza e l' allattamento solo in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

In particolare eviti l'esposizione su aree estese o l'uso prolungato.

Se sta allattando, eviti di applicare la crem idrofoba sul seno.

Dosi e Modo d'usoCome usare Nerisona: Posologia

Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

Per lo specifico contenuto di acqua e grassi Nerisona 0,1% crema idrofoba ha possibilità di impiego molto ampie, che vanno dalle patologie cutanee non eccessivamente secernenti a quelle non particolarmente secche. La crema idrofoba assicura alla pelle un appropriato apporto lipidico, senza bloccare la traspirazione e gli scambi di calore.

Salvo diversa prescrizione medica, inizi il trattamento spalmando la crema idrofoba in strato sottile 2-3 volte al giorno. Ottenuto il miglioramento è sufficiente una sola applicazione giornaliera.

Non usi questo medicinale più a lungo di 3 settimane. In particolare, nei lattanti e nei bambini si consiglia di non protrarre la terapia oltre i 5 - 7 giorni, se le zone da trattare sono coperte da pannolini o mutandine di plastica.

Se sono presenti delle lesioni estese, tratti aree limitate in successione, una alla volta.

In casi particolari resistenti alla terapia il medico le può prescrivere un trattamento sotto bendaggio occlusivo. La zona della pelle malata trattata con la crema idrofoba verrà ricoperta da una pellicola di materiale impermeabile che va fissata alla pelle sana circostante. La durata dell'occlusione sarà fissata dal medico, ma non deve essere superiore alle 24 ore. Il bendaggio occlusivo può essere eventualmente ripetuto più volte sostituendolo ogni 12 ore. Se nel corso del trattamento dovessero comparire infezioni sarà necessario non praticare bendaggi occlusivi per qualche tempo.

SovradosaggioCosa fare se avete preso una dose eccessiva di Nerisona

Non è prevedibile alcun rischio di intossicazione in seguito ad una singola applicazione locale di una eccessiva quantità di medicinale (applicazione su estesa area della pelle in condizioni che favoriscono l'assorbimento) o di ingestione accidentale di tutto il quantitativo di una confezione.

Effetti IndesideratiQuali sono gli effetti collaterali di Nerisona

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

Durante il trattamento con Nerisona possono verificarsi effetti indesiderati locali:

in casi isolati possono verificarsi:

  • prurito,
  • bruciore,
  • eritema (arrossamento della pelle) o
  • vescicolazione (formazione di vesciche).

in rari casi possono intervenire:

Con l'impiego di Nerisona 0,1% crema idrofoba nelle normali condizioni di impiego, è assai improbabile la comparsa di effetti indesiderati dovuti all'assorbimento sistemico.

Nel corso del trattamento con Nerisona crema idrofoba di estese aree della pelle (circa il 10% e più della superficie corporea) e/o dell'impiego prolungato (oltre le 3 settimane) specie sotto bendaggio occlusivo (la cui applicazione sarà fissata dal medico per un tempo non superiore a 1 giorno) possono comparire i seguenti effetti indesiderati:

  • atrofie della pelle (malattie che rendono la pelle sottile, rugosa e priva di elasticità),
  • decolorazione della pelle,
  • teleangectasie (visibile dilatazione dei piccoli vasi sanguigni sulla superficie della pelle),
  • strie (smagliature),
  • manifestazioni acneiformi (acne) e
  • effetti dovuti all'assorbimento sistemico i cui sintomi includono la Sindrome di Cushing (condizione nella quale l'organismo produce elevati livelli dell'ormone cortisolo), iperglicemia (aumento di glucosio nel sangue) e glicosuria (presenza di zuccheri nelle urine). Una maggiore incidenza di questi effetti indesiderati si può osservare con l'uso di farmaci corticosteroidi su una superficie di grandi dimensioni, l'uso prolungato, l'aggiunta del bendaggio occlusivo.

Nei trattamenti occlusivi si tenga presente che le pellicole usate per il bendaggio possono essere esse stesse causa di fenomeni di sensibilizzazione.

L'applicazione per periodi prolungati di Nerisona crema idrofoba può indurre secchezza della cute ed in tale eventualità, il suo medico le prescriverà una forma farmaceutica con eccipienti a maggior contenuto grasso.

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.aifa.gov.it/responsabili

Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

Scadenza e Conservazione

Tenere questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Non conservare a temperatura superiore ai 25°C.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione. La data di scadenza si riferisce all'ultimo giorno di quel mese. La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro correttamente conservato.

Validità dopo la prima apertura: 3 mesi.

Non getti alcun medicinale nell'acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l'ambiente.

Cosa contiene Nerisona

  • Il principio attivo è: diflucortolone valerato. 100 g di crema idrofoba contengono 0,1 g (0,1%) di diflucortolone valerato.
  • Gli altri componenti sono: cera d'api bianca, paraffina liquida, vaselina bianca, esteri alifatici ad alto peso molecolare, acqua depurata.

Descrizione dell'aspetto di Nerisona e contenuto della confezione

Crema idrofoba.

Tubo da 30 g.


Fonte Foglietto Illustrativo: AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Contenuto pubblicato a Gennaio 2016. Le informazioni presenti possono non risultare essere aggiornate. Per avere accesso alla versione più aggiornata, si consiglia l'accesso al sito web dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Disclaimer e informazioni utili.


Ulteriori informazioni su Nerisona sono disponibili nella scheda "Riassunto delle Caratteristiche".


ARTICOLI CORRELATI

NERISONA ® Diflucortolone Corti-fluoral - Foglietto Illustrativo DERMAVAL ® Diflucortolone Impetex - Foglietto Illustrativo IMPETEX ® Clorchinaldolo + Diflucortolone valerato Travocort - Foglietto Illustrativo TRAVOCORT ® - Diflucortolone valerato e Isoconazolo nitrato Diflucortolone su Wikipedia inglese Infiltrazioni di Cortisone Cortisonici Aftab - Foglietto Illustrativo Cortivis - Foglietto Illustrativo Etacortilen - Foglietto Illustrativo Sintotrat - Foglietto Illustrativo Temetex - Foglietto Illustrativo Advantan - Foglietto Illustrativo ADVANTAN ® Metilprednisolone AFTAB ® Triamcinolone acetonide ALIFLUS ® Salmeterolo e Fluticasone Aliflus - Foglietto Illustrativo BEBEN ® Betametasone Bentelan - Foglietto Illustrativo BENTELAN ® Betametasone CELESTONE ® Betametasone Clobesol - Foglietto Illustrativo CLOBESOL ® Clobetasolo Combitimor - Foglietto Illustrativo Corticosteroidi e glucocorticoidi: cosa sono? Cortidro - Foglietto Illustrativo Cortone acetato - Foglietto Illustrativo CORTONE ®: Cortisone Decadron - Foglietto Illustrativo DECADRON ® Desametasone Deflan - Foglietto Illustrativo DEFLAN ® Deflazacort Deltacortene - Foglietto Illustrativo Depo Medrol - Foglietto Illustrativo DEPO-MEDROL + LIDOCAINA ® Metilprednisolone + Lidocaina DERMADEX ® Desametasone DERMOLIN ® Fluocinolone Diprosone - Foglietto Illustrativo DIPROSONE ® Betametasone dipropionato Dirahist - Foglietto Illustrativo Ecoval - Foglietto Illustrativo ECOVAL ® Betametasone Flantadin - Foglietto Illustrativo FLANTADIN ® Deflazacort FLIXONASE ® Fluticasone Flixonase - Foglietto Illustrativo FLIXOTIDE ® Fluticasone Flixotide - Foglietto Illustrativo Flubason - Foglietto Illustrativo Cortisonici su Wikipedia italiano Corticosteroid su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 13/06/2017