Levopraid - Foglio Illustrativo

Principi attivi: Levosulpiride

Levopraid

Levopraid® 50 mg Compresse
Levopraid® 50 mg/2ml Soluzione iniettabile per uso i.m./e.v.

I foglietti illustrativi di Levopraid sono disponibili per le confezioni:

IndicazioniPerché si usa Levopraid? A cosa serve?

Stati depressivi endogeni e reattivi. Disturbi somatoformi. Schizofrenie acute e croniche.

Una compressa contiene: Principio attivo: levosulpiride 50 mg. Eccipienti: carbossimetilamido, cellulosa microcristallina, magnesio stearato.

Una fiala contiene: Principio attivo: levosulpiride 50 mg. Eccipienti: acido solforico 2 N, acqua per preparazioni iniettabili, sodio cloruro.

ControindicazioniQuando non dev'essere usato Levopraid

Ipersensiilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Levopraid 50 mg va impiegato con cautela nelle epilessie, negli stati maniacali, nelle fasi maniacali della psicosi maniacodepressiva e nell'ipertensione in pazienti sospetti di essere portatori di feocromocitoma, nei pazienti con segni di insufficienza cardiaca; tali condizioni non costituiscono in realtà controindicazione assoluta.

In rapporto alle supposte correlazioni tra effetto iperprolattinemizzante della maggior parte dei farmaci psicotropi e displasie mammarie, è opportuno non impiegare Levopraid 50 mg in soggetti già portatori di una mastopatia maligna.

Da non usarsi in gravidanza accertata o presunta e durante il periodo di allattamento.

Precauzioni per l'usoCosa serve sapere prima di prendere Levopraid

Levosulpiride non deve essere usata quando la stimolazione della motilità gastrointestinale può essere dannosa, ad esempio in presenza di emorragie gastrointestinali, ostruzioni meccaniche o perforazioni.

Evitare l'assunzione contemporanea di alcool.

InterazioniQuali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di Levopraid

Informare il medico o il farmacista se si è recentemente assunto qualsiasi altro medicinale, anche quelli senza prescrizione medica.

L'associazione con altri psicofarmaci richiede particolare cautela e vigilanza da parte del medico ad evitare inattesi effetti indesiderabili da interazione.

Quando i neurolettici sono somministrati in concomitanza con farmaci che prolungano il QT il rischio di insorgenza di aritmie cardiache aumenta.

Non somministrare in concomitanza con farmaci che determinano alterazioni degli elettroliti.

AvvertenzeÈ importante sapere che:

In studi clinici randomizzati versus placebo, condotti in una popolazione di pazienti con demenza trattati con alcuni antipsicotici atipici, è stato osservato un aumento di circa tre volte del rischio di eventi cerebrovascolari. Il meccanismo di tale aumento del rischio non è noto. Non può essere escluso un aumento del rischio per altri antipsicotici o in altre popolazioni di pazienti.

Levopraid deve essere usato con cautela in pazienti con fattori di rischio per stroke. Usare con cautela nei pazienti con malattie cardiovascolari o con una storia familiare di prolungamento QT.

Evitare una terapia concomitante con altri neurolettici. In corso di trattamento con farmaci antipsicotici è stato riportato un complesso di sintomi, potenzialmente fatale, denominato Sindrome Neurolettica Maligna. Manifestazioni cliniche di tale sindrome sono: iperpiressia, rigidità muscolare, acinesia, disturbi vegetativi (irregolarità del polso e della pressione arteriosa, sudorazione, tachicardia, aritmie), alterazioni dello stato di coscienza che possono progredire fino allo stupore e al coma.

Il trattamento della Sindrome Neurolettica Maligna consiste nel sospendere immediatamente la somministrazione dei farmaci antipsicotici e di altri farmaci non essenziali e nell'istituire una terapia sintomatica intensiva (particolare cura deve essere posta nel ridurre l'ipertermia e nel correggere la disidratazione). Qualora venisse ritenuta indispensabile la ripresa del trattamento con antipsicotici, il paziente deve essere attentamente monitorato.

Particolare cautela si richiede nel trattare pazienti che presentano, anche a livello familiare, una storia clinica di trombosi, poiché il farmaco è associato alla formazione di trombi.

Gravidanza e allattamento

Chiedere consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale.

Da non usarsi in gravidanza accertata o presunta e durante il periodo di allattamento.

I seguenti sintomi sono stati osservati nei neonati di madri che hanno assunto antipsicotici convenzionali o atipici, incluso Levopraid, durante l'ultimo trimestre (gli ultimi 3 mesi di gravidanza): tremore, rigidità e/o debolezza muscolare, sonnolenza, agitazione, problemi respiratori e difficoltà nell'assunzione di cibo. Se il vostro bambino mostra uno qualsiasi di questi sintomi contattate il vostro medico.

Effetti sulla capacità di guidare e sull'uso di macchinari

Possono verificarsi torpore, senso di vertigine e discinesie; di ciò devono essere avvertiti i pazienti sotto trattamento affinché evitino di condurre veicoli e di attendere ad operazioni richiedenti integrità di vigilanza per la loro possibile pericolosità.

Dosi e Modo d'usoCome usare Levopraid: Posologia

  • Nell'adulto e nelle forme acute psichiche: 1⁄2-1 fiala da 50 mg, 1-2 volte al giorno (i.m. o e.v.) o 2-3 compresse da 100 mg al giorno.
  • Terapia di mantenimento: salvo diversa prescrizione medica, 3 compresse da 50 mg al giorno.

Tale dose può essere ridotta progressivamente. Nel trattamento di pazienti anziani la posologia deve essere attentamente stabilita dal medico che dovrà valutare una eventuale riduzione dei dosaggi sopraindicati.

SovradosaggioCosa fare se avete preso una dose eccessiva di Levopraid

In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Levopraid avvertite immediatamente il medico o rivolgetevi al più vicino ospedale.

Se si ha qualsiasi dubbio sull'uso di Levopraid rivolgersi al medico , o al farmacista. Alle dosi più elevate e in soggetti sensibili ai neurolettici, il farmaco può indurre effetti di tipo extrapiramidale e turbe del sonno; in questi casi sarà opportuno diminuire il dosaggio o sospendere la terapia secondo il giudizio del medico.

Effetti IndesideratiQuali sono gli effetti collaterali di Levopraid

Come tutti i medicinali Levopraid può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino.

Molto raramente sono stati osservati eccitazione psicomotoria, disturbi neurovegetativi, manifestazioni allergiche ed effetti di tipo extrapiramidale quali tremori, parkinsonismo e distonie. Tutti questi effetti secondari sono modesti per entità e reversibili. Casi isolati di aumento ponderale sono stati segnalati dopo trattamento prolungato. Alcuni disturbi, quali amenorrea, ginecomastia, galattorrea, iperprolattinemia e alterazioni della libido, osservati in casi particolari, sono riconducibili ad un effetto reversibile della levosulpiride sulla funzionalità dell'asse ipotalamo-ipofisi-gonadi, simile a quello noto per molti neurolettici. I seguenti effetti indesiderati sono stati osservati con altri farmaci della stessa classe: casi rari di prolungamento del QT, aritmie ventricolari come torsione di punta, tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare ed arresto cardiaco. Casi molto rari di morte improvvisa. Coaguli venosi, specialmente nelle gambe (i sintomi sono gonfiore, dolore e arrossamento delle gambe) possono raggiungere i polmoni attraverso i vasi sanguigni e causare dolore al petto e difficoltà respiratoria. Se si nota uno di questi sintomi, consultare immediatamente il medico.

Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati.

Se uno qualsiasi degli effetti indesiderati si aggrava o se nota la comparsa di un qualsiasi effetto indesiderato non descritto in questo foglio illustrativo, informi il medico.

Scadenza e Conservazione

Scadenza: vedere la data di scadenza indicata sulla confezione. La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Nessuna speciale precauzione per la conservazione. Tenere il medicinale fuori dalla portata e dalla vista dei bambini.

I medicinali non devono essere gettati nell'acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chiedere al farmacista come eliminare i medicinali che non si utilizzano più. Questo aiuterà a proteggere l'ambiente.


Fonte Foglietto Illustrativo: AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Contenuto pubblicato a Gennaio 2016. Le informazioni presenti possono non risultare essere aggiornate. Per avere accesso alla versione più aggiornata, si consiglia l'accesso al sito web dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Disclaimer e informazioni utili.


Ulteriori informazioni su Levopraid sono disponibili nella scheda "Riassunto delle Caratteristiche".


ARTICOLI CORRELATI

Cattiva digestione dispepsia Cattiva digestione: rimedi naturali Rimedi naturali per stipsi e dispepsia Procinetici - Farmaci Procinetici Rimedi per la Dispepsia Dieta e cattiva digestione dispepsia Dispepsia - Erboristeria Levobren - Foglietto Illustrativo Sintomi Congestione digestiva Sintomi Indigestione Tisane contro la dispepsia Dispepsia su Wikipedia italiano Dyspepsia su Wikipedia inglese Mal di Testa: Cause, Sintomi e Classificazione Emicrania: Definizione e Sintomi Rimedi Mal di Testa Vino: anidride solforosa, solfiti e mal di testa Cefalea a Grappolo Cefalea Oftalmica Aura Visiva Cefalea Tensiva Cefalea Tensiva - Farmaci per la Cefalea Tensiva Emicrania Oftalmica Farmaci per curare il Mal di Testa Mal di Testa in Gravidanza Mal di Testa nel Bambino Rimedi per la Cefalea Triptani Mal di testa: il ruolo degli ormoni Mal di testa nei bambini Emicrania: Cura e Trattamento Neo Optalidon - Foglietto Illustrativo Sintomi Cefalea Sintomi Emicrania Zomig - Foglietto Illustrativo Almogran - Foglietto Illustrativo Auradol - Foglietto Illustrativo Cefalea - Erboristeria Cefalee tensive e disordini cranio-mandibolari Dieta e mal di testa Emicrania: Diagnosi Fasi e Sintomi dell'Emicrania - Cause di Emicrania Imigran - Foglietto Illustrativo Mal di testa: Cause e Sintomi Maxalt - Foglietto Illustrativo Optalidon - Foglietto Illustrativo Sandomigran - Foglietto Illustrativo Sumatriptan - Farmaco Generico - Foglietto Illustrativo Tachicaf - Foglietto Illustrativo Tisana contro il mal di testa Tisana contro il mal di testa al rosmarino Tisana contro l'emicrania Tisana contro la cefalea Mal di testa su Wikipedia italiano Headache su Wikipedia inglese Vertigini su Wikipedia italiano Vertigo su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 13/06/2017