DIMAGRIMENTO : allenamento aerobico o anaerobico

Pubblicato da: DR.Marco Evangelista

nella sezione Dieta e dimagrimento alle ore 18:02 del 22 ottobre 2011.


DIMAGRIMENTO : allenamento aerobico o anaerobico

DIMAGRIMENTO: allenamento aerobico o anaerobico

anzitutto va fatta una premessa nonche una descrizione a grandi linee della fisiologia dei meccanismo energetici.

Dividero pertanto in modo schematico e sequenziale i punti cardine del discorso.

1. I muscoli sono il motore dell'organismo ed hanno bisogno di energia.
2. I cibi assunti tramite la nostra dieta alimentare vengono "smontati" in molecole piu semplici grazie agli enzimi.
3. le rispettive molecole di glucosio , acidi grassi e glicerolo vengono trasportati nei mitocondri e trasformati in ATP (adenosintrifosfato)
4. dall' ATP dipende la nostra energia, la nostra forza muscolare.
NB : per quanto riguarda i protidi (le proteine), il processo e diverso, in quanto questi ultimi fungono principalmente da materiale "plastico".



Fatta la premessa, procediamo per gradi e distinguiamo tre principali tipi di processi, applicabili quindi all'allenamento

1. AEROBICO: per aerobico si intende quel processo allenante che prevede l'ossidazione di lipidi e zuccheri .
il suo limite e rappresentato dalla necessita di ossigeno per "funzionare"
il complesso enzimatico principale che viene utilizzato durante tale processo e il SUCCINICO DEIDROGENASI (SDH); quest'ultimo e la chiave principale per il buon funzionamento del ciclo di krebs; il ciclo di krebs e quel processo che prevede l'utilizzo sia di zuccheri che di lipidi per la produzione di energia

il lavoro aerobico e caratterizzato da attivita a basso impatto ma costanti e durature

2. ANAEROBICO ALATTACIDO : per anaerobico si intende quel processo allenante che prevede un lavoro in assenza di ossigeno.
gli enzimi che operano maggiormente durante questa fase:
-MIOCINASI
-ATPASI
-CREATINCHINASI

principalmente vengono sintetizzati i glucidi come fonte di energia
l'anaerobico alattacido e un tipo di lavoro eseguito solitamente negli esercizi brevi e con massima intensita ; quindi tutti quegli esercizi massimali di breve durata, circa 8 secondi, tipici per gli allenamenti di pesistica in fase di ipertrofia, oppure la preparazione del centometrista che prevede scatti e forza esplosiva.

3. ANAEROBICO LATTACIDO : si intende quel processo allenante che prevede un lavoro in assenza di ossigeno.
il principale enzima che si occupa di tale attivita e :
LATTATO DEIDROGENASI

in questa fase principalmente vengono sintetizzati i glucidi come fonte di energia, nonche il glicogeno presente nel fegato e nei muscoli posturali.

questo processo allenante e tipico per gli sport di durata media con intensita alta;un atleta raggiunge il limite quando il piruvato (prodotto finale della glicolisi) va in "fermentazione" a causa della mancanza di ossigeno (tipica della fase anaerobica) e si trasforma in acido lattico;

mediamente , la soglia anaerobica e di 4mMol/L
(4 milli Mole per litro).




Abbiamo quindi descritto le due principali fasi durante un'allenamento.

FASE AEROBICA E FASE ANAEROBICA(alattacida e lattacida).



Descritti quindi i seguenti meccanismi energetici, penso sia facile capire quale e il sistema allenante migliore per un dimagrimento: l'allenamento aerobico.

Va fatta una precisazione: l'allenamento aerobico e quello anaerobico lavorano in PARALLELO; per ottenere un miglior risultato in termini di dimagrimento sarebbe quindi opportuno una programmazione d'allenamento che preveda un "incontro", un "accostamento" tra i due sistemi allenanti ; eseguirli entrambi in un unica seduta non e possibile, soprattutto se si vogliono ottenere risultati migliori.

In parole povere, non si puo pretendere di fare un allenamento aerobico/lipolitico seguito poi da un allenamento atto all'aumento della forza e della massa

i motivi sono i seguenti.
-Gli enzimi atti all'una e all'altra attivita sono differenti
-Eseguire un attivita lipolitica tende al dimagrimento e al calo, seppur minimo, della massa magra. il compito di un buon trainer e riuscire a far mantenere quanto piu possibile la massa magra e far diminuire la massa grassa.
L'alimentazione ovviamente gioca un ruolo fondamentale in tutto cio.
Pertanto, dopo un allenamento aerobico,

[NB: che prevede dai 30 ai 50 minuti di fase cardio in fascia lipolitica(il tempo varia in base alla preparazione dell'atleta)seguita poi da esercizi a corpo libero o con Trx e fitball oppure con pesi (concentrandosi pero sul numero di ripetizioni con poco/pochissimo peso, e non sull'intensita dei manubri/macchinari)] ,non e assolutamente giusto associare un allenamento anaerobico che prevede pesi piu intensi ed esercizi multisinergici.

Ancor peggio e se si vuol dimagrire partendo dalla fase anaerobica;

[NB: l' allenamento anaerobico basic che prevede circa 10/12 minuti di fase cardio in fascia cardio (dall 75% all'85% rispetto al proprio battito cardiaco massimale), seguito poi da esercizi con attrezzi e con pesi, esercizi multisinergici]

dopo una fase di questo genere, e IMPOSSIBILE procedere con un allenamento aerobico in quanto
1. i livelli di piruvato sono alle stelle
2. possibilita di alta concentrazione di acido lattico
3. calo drastico di zuccheri; si va incontro ad un fenomeno definito "MURO DEL MARATONETA"; in pratica , una volta finiti i glucidi, i grassi non vengono piu "bruciati" nei mitocondri e si ha un crollo di prestazioni.


Quest'articolo si limita a descrivere i processi energetico/metabolici umani; sanciti determinati processi, penso sia ben chiaro il tipo di allenamento da seguire se si vuol dimagire.

Valutazione: Articolo di buona qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo DIMAGRIMENTO : allenamento aerobico o anaerobico?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Dimagrimento Glicemia Allenamento ad alta intensità e dimagrimento Alimentazione Corretta per Diventare o Mantenersi Magri Pilates per Dimagrire Carboidrati e dimagrimento Dimagrimento e calorie Dimagrimento ed effetto yo-yo e termogenesi adiposo-specifica Fat loss tips (20 ways) Foto prima e dopo: dimagrimento Fruttosio e dimagrimento Indoor cycling, mitocondri e dimagrimento Insulina, allenamento e dimagrimento Leptina, dimagrimento e teoria del set point Numero di pasti e dimagrimento Obesità, dimagrimento e dolore lombare Obesità: il dimagrimento migliora il dolore lombare Personal trainer e dimagrimento Personal trainer e dimagrimento - Conclusioni Personal trainer e dimagrimento - Quarta Parte Personal trainer e dimagrimento - Quinta parte Personal trainer e dimagrimento - Seconda Parte Personal trainer e dimagrimento - Sesta Parte Personal trainer e dimagrimento - Settima Parte Personal trainer e dimagrimento - Terza Parte Proteine e dimagrimento Tisane contro l'obesità Magri e definiti - Allenamento Giorno 1 Magri e definiti - Allenamento Giorno 2 Allenamento, Diete alla Moda e Dimagrimento dimagrimento su Wikipedia italiano Weight loss su Wikipedia inglese Metabolismo energetico Test conconi Metabolismi energetici nel lavoro muscolare Test Conconi e ritmi di allenamento Soglia anaerobica Allenamento Aerobico e BodyBuilding Potenza aerobica VO2max, METS, IP e test per misurarla Batteri Aerobi e Anaerobi Aerobico o anaerobico? Allenamento aerobico Allenamento aerobico controproduttivo per dimagrire? Arti marziali aerobiche Attività aerobica e consumo di grassi Carboidrati per l'attività aerobica Consigli per la preparazione per sport aerobici EPOC: extra consumo di ossigeno post esercizio Esercizio aerobico e obesità Il sistema aerobico L'utilizzo di carboidrati e grassi nel lavoro aerobico Massimo consumo di ossigeno Metabolismo aerobico aerobico su Wikipedia italiano Aerobic exercise su Wikipedia inglese anaerobico su Wikipedia italiano Anaerobic training su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 22/10/2011