La vitamina A

La Vitamina A o retinolo deriva da un precursore il β carotene, una provitamina che viene trasformata nell'organismo.

Il retinolo proviene da fonti animali mentre i carotenoidi sono provitamine ricavate da fonti vegetali. Non a caso sono proprio i carotenoidi a conferire ad alcuni tipi di frutta e verdura il tipico colore giallo-arancio.

Esistono più i 600 tipi di carotenoidi, il più diffuso e conosciuto è il β carotene. All'interno del nostro organismo uno specifico enzima intestinale è in grado di trasformare una molecola di β carotene in due molecole di vitamina A .

La Vitamina A è una vitamina liposolubile che viene depositata nel nostro organismo a livello epatico; le sue riserve sono tali da garantire il buon funzionamento del corpo per un periodo di uno o due anni (in un organismo sano e ben nutrito).

La vitamina A:

è essenziale per le cellule epiteliali, per la crescita delle ossa e dei denti

per la normale maturazione sessuale nell'adolescente  e la fertilità nell'adulto

aumenta la resistenza alle infezioni rinforzando il sistema immunitario

assicura un buon funzionamento della vista e permette la visione crepuscolare

protegge la pelle dai danni causati dall'esposizione al sole ed ha un potente effetto antiossidante (combatte i radicali liberi, contrasta gli effetti dannosi provocati dall'inquinamento e dal fumo; previene il cancro alla prostata);

I cibi ricchi di beta-carotene sono carote, verdure gialle e a foglia verde scuro (spinaci, broccoli), zucca, albicocche, patate dolci e meloni. La vitamina A o retinolo è reperibile nel fegato, nel tuorlo d'uovo, nel pesce, nel latte intero, nel burro e nel formaggio.

DOSAGGIO: Un'assunzione eccessiva di vitamina è dannosa  soprattutto se di origine animale, mentre se assunta sotto forma di β carotene (di origine vegetale) i suoi effetti da iperdosaggio sono minimi. Si consiglia l'assunzione di almeno 1.000 UI (unità internazionali) al giorno per l'individuo sedentario, mentre per uno sportivo, durante la gestazione e l'allattamento è opportuno aumentare queste dosi. Tuttavia in Italia, considerando la qualità  dell'alimentazione seppur con le sue variabilità territoriali, il fabbisogno giornaliero di vitamina A viene sempre garantito e non si registrano attualmente casi di carenza di vitamina A.