Tecnica passivattiva nello scollamento mio-fasciale: arti inferiori

A cura di Maurizio Ronchi

 

 


Stroke di avambraccio per i muscoli Iaschiocrurali e stripping con la mano giocando sulla passivattiva contrazione-stiramento tramite la flessione del ginocchio.

 

Scollamento degli Ischio con il palmo della mano mentre con tecnica passivattiva si intra-extraruota il ginocchio.

 

 

Scollamento -twist&roll -degli Ischiocrurali dal tessuto connettivo sottocutaneo a varie angolazioni sia dell'anca che del ginocchio.



Prima rottura delle aderenze tra i due semimuscoli e il Bicipite, dall'origine all'inserzione miotendinea. Chiedere una leggera spinta del piede contro la spalla dell'operatore.


Con aiuto dell'atleta per la trattenuta dell'arto, lavoro profondo di separazione dei due semimuscoli dal Bicipite Femorale. Manualità contro la linea di accorciamento mio-fasciale per alleggerire la pelvi dall'eccessiva trazione degli Ischicrurali ipertonici e incollati.

 

Tecniche di preparazione -warm up -per il successivo lavoro di scollamento per i muscoli extrarotatori dell'anca. Chiedere sempre all'atleta un'assistenza passivattiva.



Scollamento degli extrarotatori dell'anca, l'operatore mantiene fermo il gomito muove l'arto dell'atleta intra-extrarotazione -effetto cinetico -e modula l'intensità della pressione variando l'appoggio del proprio corpo.


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 »


Ultima modifica dell'articolo: 27/02/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ