Tossina, Tossico e Intossicazione

Introduzione alla tossicologia

Come per la farmacologia, anche la tossicologia è suddivisa in tossicocinetica ed in tossicodinamica; quindi tutta la teoria fatta per il farmaco si può benissimo trasferire allo studio della sostanza tossica.

In questa sezione del sito ci focalizzeremo principalmente sulle biotrasformazioni, perché sono proprio queste reazioni che generano delle sostanze tossiche all'interno del nostro organismo.

Gli effetti delle sostanze tossiche sono gli stessi visti nella farmacologia generale (locali, reversibili, irreversibili, immediati, retard e sistemici).

 

Molto importante ricordare che nulla è di per sé veleno e tutto è di per sé veleno; è la dose che fa il veleno (Paracelso)

 

La tossicologia studia gli effetti delle varie sostanze tossiche impiegate o che si sviluppano in medicina (farmaci per profilassi), in industria alimentare (additivi, conservanti, antiossidanti, aromatizzanti, coloranti, tossine), in agricoltura e allevamento (fitofarmaci, pesticidi, sostanze ormonali), in industria chimica e mineraria (molti solventi o metalli pesanti come piombo, cadmio o mercurio).

Grazie a questi studi sugli effetti delle varie sostanze tossiche, la tossicologia può essere anche studiata da diversi punti di vista come:

  1. Tossicologia ambientale;
  2. Tossicologia occupazionale (industriale);
  3. Tossicologia analitica /forense;
  4. Tossicologia clinica.

Secondo delle indagini, il nostro corpo può essere più o meno esposto a differenti classi di sostanze tossiche: in primis gli agenti chimici, poi fitofarmaci, additivi alimentari, farmaci, cosmetici e prodotti per la casa, xenobiotici ambientali ed infine gli eccipienti.

Tossicologia, tossina, tossico ed intossicazione

Con il termine TOSSICOLOGIA si indica la scienza che studia la natura e i meccanismi degli effetti tossici indotti da sostanze chimiche sui vari sistemi biologici.

Molto importante è distinguere due termini molto simili. Il primo termine è TOSSINA, che è la sostanza prodotta naturalmente (come le tossine prodotte dai funghi, dai serpenti, dal pesce palla ecc). Il secondo termine è il TOSSICO, che è la sostanza prodotta direttamente o indirettamente dall'attività dell'uomo (inquinamento atmosferico, aumento dell'attività industriale o altre attività umane).

Se la tossina o il tossico riescono a venire a contatto con i vari sistemi biologici dell'uomo si va creare una situazione critica che normalmente viene chiamata INTOSSICAZIONE, che a sua volta può essere considerata acuta o cronica. Se l'intossicazione è definita acuta gli effetti tossici si notano in brevissimo tempo dall'esposizione dell'organismo alla sostanza nociva; se invece l'intossicazione è cronica, gli effetti si notano solamente dopo un lungo tempo di latenza e una costante esposizione dell'organismo alla sostanza nociva.

L'intossicazione, sia nell'organismo umano che nell'organismo animale, provoca delle alterazioni funzionali. Le tossine all'interno del nostro organismo possono agire su diversi livelli, come a livello di organismo, di tessuti, di cellule, ma anche a livello di recettori.Tossicologia

Per esplicare l'effetto tossico la sostanza nociva introdotta nel nostro organismo deve intraprendere un percorso suddiviso in numerose tappe e numerose modificazioni. Il primo e il secondo step di questo percorso consistono nel raggiungimento del target bersaglio, con la conseguente interazione con il sito bersaglio che può essere un recettore, un enzima, macromolecole ecc. Il terzo step è la disfunzione cellulare, quindi un danno all'interno del nostro organismo. Infine, abbiamo il quarto ed ultimo step che è la riparazione totale o parziale del danno.

Fino ad ora abbiamo parlato di effetto tossico, però come per tutti gli effetti dotatati di una certa entità ed intensità, è molto importante descrivere cosa si intende con i termini entità ed intensità di un effetto tossico.

Con il termine entità dell'effetto tossico si indicano principalmente due parametri con i quali gli xenobiotici e le sostanze tossiche possono arrecare danno al nostro organismo. Il primo parametro è la quantità, che riguarda la possibile mole di xenobiotico che può venir o meno a contatto con il corpo umano. Il secondo parametro è dato da tutti i possibili fattori cinetici dello xenobiotico, cioè come viene assorbito, distribuito ed infine come viene eliminato.

L'intensità di un effetto tossico dipende principalmente dalla concentrazione e dalla persistenza della sostanza tossica nel suo sito d'azione.

 

  Tossicologia »