Azzurri verso Pechino: Vanessa Ferrari

La deludente prestazione di Vanessa

Per la prima volta nella sua storia l'Italia si presenterà a Pechino con una stella nella ginnastica artistica femminile. Il prodigio, esploso nell'ottobre 2006 ai Mondiali in Danimarca, si chiama Vanessa Ferrari, è nata il 10 novembre 1990 ad Orzinuovi, nel bresciano da padre italiano e mamma bulgara, ed è uno scricciolo di 1 metro e 43. La sua comparsa di fronte al grande pubblico ha creato un momento di grande entusiasmo in Italia, accolta al rientro patrio dopo i successi in terra danese come la nuova Comaneci, il fenomeno romeno capace di ottenere 10 a ripetizione alle Olimpiadi di Montreal del 1976 e di ammaliare il pubblico come nessun'altra nella storia di questo sport. Vanessa FerrariLa nostra Ferrari ha cominciato a farsi notare dagli addetti ai lavori già da juniores, con titoli a ripetizione, quindi nel 2006 l'esplosione tra le "grandi" con il titolo europeo a squadre, l'argento (sempre europeo) nel corpo libero.

Il boom da travalicare i confini della ginnastica è arrivato però ai Campionati del Mondo di Aarhus, in Danimarca, svolti nell'ottobre 2006. Qui Vanessa è diventata la prima italiana nella storia ad aggiudicarsi una medaglia d'oro, per di più quella con maggior prestigio, quella del concorso generale. In questa gara le atlete si cimentano con tutte le specialità dell'artistica sommando le votazioni ricevute in ciascuna prova. L'azzurra ha saputo riprendersi da un errore alla trave che l'aveva fatta scivolare in classifica per concludere con una splendida interpretazione al corpo libero sulla musica del Nessun Dorma. Medaglia d'oro ed in un attimo riflettori tutti puntati su di lei, con giornali e tv nazionali che gridano al piccolo fenomeno. Lei ringrazia e chiede di avere a disposizione una vera palestra in cui allenarsi al posto della stamberga dove è stata costretta a volteggiare fin lì. La struttura arriverà, ma i Mondiali intanto continuano e Vanessa sale altre due volte sul podio, due bronzi a corpo libero e parallele, mentre nella finale della trave un altro errore la relega lontana dalle medaglie. Nel 2007 arrivano altri allori, i due titoli europei nel concorso generale e nel corpo libero, anche se i riflettori dei mass media si fanno più flebili verso la campionessa bresciana. Poco male, probabilmente questo potrà dargli la giusta serenità e tranquillità per avvicinarsi ai Giochi di Pechino, l'appuntamento della vita, con tutte le tessere del puzzle a posto per puntare al massimo risultato. Intanto l'ultimo passaggio obbligato sulla strada verso la Cina sono stati i Mondiali svoltisi nell'ottobre 2007 a Stoccarda, in Germania. La Ferrari stavolta ha sofferto, complice una microfrattura allo scafoide del piede sinistro diagnosticata solo dopo i Mondiali: nonostante tutto ha trascinato l'Italia al 4° posto finale nella classifica a squadre, piazzamento valido per andare tutte quante a Pechino, ed ha stretto i denti nel concorso generale individuale dove è riuscita a salire ancora sul podio con un bronzo. Una dimostrazione, oltre che della classe già conosciuta, di determinazione e carattere da campionessa di rango. Ma chi è questa ragazza minuscola con i tratti del fenomeno? Vanessa è "ragazza di frontiera" contesissima tra la provincia di Brescia e quella di Cremona: è nata nella prima ma abita da sempre nella seconda. Dopo le sue vittorie in Danimarca, bresciani e cremonesi se la contendono, ma fino ad allora, come dice il padre, nessuno l'ha mai voluta aiutare. Tanti sacrifici, niente amiche se non le compagne della ginnastica e i fratelli gemelli di 14 anni, la scuola da privatista per potersi allenare, l'hobby del disegno e dei film horror. Ma soprattutto quell'immenso talento che aspetta Pechino.




ARTICOLI CORRELATI

Azzurri verso Pechino: calcioAzzurri verso Pechino: pallavolo femminileAzzurri verso Pechino: Paolo BettiniDa Pechino 2008 a Londra 2012Du Toit e Pistorius, porte aperte per i GiochiFederica Pellegrini oro a Pechino 2008Il sogno infranto di Oscar PistoriusLe speranze azzurre sport per sportOlimpiadi di Pechino 2008: -200 al viaOlimpiadi Pechino 2008, un evento da 1,5 miliardi di euroPechino 2008 - Un mondo, un sogno -Pechino 2008 Howe, Magnini, Ferrari, pallavolo: quanti flop dai big azzurriPechino 2008, accensione della Fiamma OlimpicaPechino 2008, cerimonie: per l’Italia sì, no, forse…Pechino 2008, diritti umani e inquinamentoPechino 2008, la fiaccola sull'everestPechino 2008: è successo anche questoPechino 2008: è successo anche questo - Quarta PartePechino 2008: è successo anche questo - Seconda PartePechino 2008: è successo anche questo - Terza PartePechino 2008: è tornato il Dream Team americanoPechino 2008: a pieno ritmo verso PechinoPechino 2008: alla scoperta del Villaggio OlimpicoPechino 2008: Andrew HowePechino 2008: Antonio Rossi e gli atleti della canoaPechino 2008: Azzurri dal Presidente NapolitanoPechino 2008: Filippo MagniniPechino 2008: il mondo chiede le "Olimpiadi verdi"Pechino 2008: Italia oro nella marciaPechino 2008: Italia, un buon bilancio con qualche ombraPechino 2008: L’ONU invoca la Tregua OlimpicaPechino 2008: la cerimonia di aperturaPechino 2008: la Cina fa man bassa di medaglie d’oroPechino 2008: la Cina sotto esamePechino 2008: la fiaccola avanza tra le protestePechino 2008: la grande occasionePechino 2008: le news di aprilePechino 2008: le news di FebbraioPechino 2008: le news di GiugnoPechino 2008: le news di luglioPechino 2008: le news di MaggioPechino 2008: le news di marzoPechino 2008: Matteo Tagliariol oro nella spadaPechino 2008: medagliere medagliePechino 2008: Michael Phelps sulle tracce di SpitzPechino 2008: niente Fiamma Olimpica a TaiwanPechino 2008: niente Olimpiadi per i TibetaniPechino 2008: quanta curiosità per il Nido d’UccelloPechino 2008: risultati atleticaPechino 2008: sfida tra gli uomini più veloci del mondoOlimpiadi di Pechino su Wikipedia italiano2008 Summer Olympics su Wikipedia inglese

Link esterni: Sito ufficiale olimpiadi di Pechino 2008

Ultima modifica dell'articolo: 09/08/2016