Azzurri verso Pechino: Filippo Magnini

La delusione di Magnini

Anche l'Italia ha il suo Tarzan in piscina! Più o meno così è stata salutata l'esplosione tra i big del nuoto di Filippo Magnini. Il Tarzan della storia del nuoto è il mitico Johnny Weismuller, campione degli anni Venti passato poi agli schermi cinematografici come Tarzan. Una carriera poi ripercorsa da altri campioni della piscina, soprattutto quelli delle specialità più da vetrina, come i 100 metri stile libero che sono stati tanti anni fa il terreno su cui Weismuller ha costruito la propria immensa popolarità e che ora vedono primeggiare Filippo Magnini. Un accostamento per certi versi simile a quello di Andrew Howe con il Figlio del Vento, Carl Lewis. Filippo MagniniSimilitudini forse anche un po' forzate dal bisogno di colpire l'immaginario collettivo, sempre alla ricerca di personaggi forti che catturino il grande pubblico, oltre che di grandi atleti.
Filippo Magnini, pesarese classe '82, è arrivato al trono mondiale della specialità regina, i 100 stile libero, dopo un percorso abbastanza tortuoso. Da piccolo ha praticato diversi sport prima di dedicarsi al nuoto (tennis, pattinaggio...) per irrobustirsi in vista di una sospirata carriera da calciatore. Invece i primi, immediati, successi in piscina hanno convinto Magnini che quella fosse la strada giusta. In quei primi anni però il pescarese eccelleva nella rana, finché a 18 anni ecco la svolta: il ragazzo si trasferisce a Torino e sotto la guida del tecnico Claudio Rossetto passa allo stile libero. I risultati sono straordinari, un crescendo esaltante: entra in breve nel giro della nazionale e nel 2004 arriva l'esplosione. Agli Europei di Madrid porta le staffette 4x100 e 4x200 al titolo e si prende il lusso di battere un campione celebrato come l'olandese Van den Hoogenband soffiandogli l'oro dei 100 stile libero. Alle Olimpiadi di Atene però non riesce a migliorarsi e deve scontrarsi con una finale dei 100 di altissimo livello (oro a Van den Hoogenband) in cui finisce 5°. La medaglia però arriva, grazie ad una bella prova di staffetta nella 4x200. Il meglio però deve ancora venire, perché negli anni a seguire Magnini si prende di forza il trono dei 100. Nel 2005 a Montreal supera nelle ultime bracciate il sudafricano Schoemann partito come una scheggia, facendo segnare uno strepitoso tempo di 48.17, secondo miglior crono di sempre. Dopo aver confermato tutti i titoli europei a Budapest nel 2006, bis anche per quello mondiale dei 100, vincendo una tiratissima finale a pari merito con il canadese Hayden. E' un'impresa storica, non solo per l'Italia, ma a livello mondiale: solo due campionissimi come Matt Biondi e Alex Popov erano riusciti a riconfermarsi medaglia d'oro mondiale in questa specialità, la più affascinante.

Confermato il titolo, Magnini ha cominciato a programmare il grande obiettivo olimpico di Pechino. In quest'ottica si possono leggere le non esaltanti pagine scritte dal campione agli europei di Eindhoven dello scorso marzo: Magnini ha finito 3° nei 100 stile libero, strabattuto dallo strepitoso acuto del francese Bernard, che ha fatto segnare il nuovo record del mondo a 47.50. Un nuovo e temibile avversario sulla strada di Magnini verso le Olimpiadi, ma che potrebbe anche aver fatto male i conti: in formissima in primavera, il francese saprà riproporsi allo stesso standard in agosto, obiettivo mirato da Magnini in questa sua lenta marcia di avvicinamento a Pechino?



Link esterni: Sito ufficiale olimpiadi di Pechino 2008


ARTICOLI CORRELATI

Azzurri verso Pechino: calcio Azzurri verso Pechino: pallavolo femminile Azzurri verso Pechino: Paolo Bettini Azzurri verso Pechino: Vanessa Ferrari Da Pechino 2008 a Londra 2012 Du Toit e Pistorius, porte aperte per i Giochi Federica Pellegrini oro a Pechino 2008 Il sogno infranto di Oscar Pistorius Le speranze azzurre sport per sport Olimpiadi di Pechino 2008: -200 al via Olimpiadi Pechino 2008, un evento da 1,5 miliardi di euro Pechino 2008 - Un mondo, un sogno - Pechino 2008 Howe, Magnini, Ferrari, pallavolo: quanti flop dai big azzurri Pechino 2008, accensione della Fiamma Olimpica Pechino 2008, cerimonie: per l’Italia sì, no, forse… Pechino 2008, diritti umani e inquinamento Pechino 2008, la fiaccola sull'everest Pechino 2008: è successo anche questo Pechino 2008: è successo anche questo - Quarta Parte Pechino 2008: è successo anche questo - Seconda Parte Pechino 2008: è successo anche questo - Terza Parte Pechino 2008: è tornato il Dream Team americano Pechino 2008: a pieno ritmo verso Pechino Pechino 2008: alla scoperta del Villaggio Olimpico Pechino 2008: Andrew Howe Pechino 2008: Antonio Rossi e gli atleti della canoa Pechino 2008: Azzurri dal Presidente Napolitano Pechino 2008: il mondo chiede le "Olimpiadi verdi" Pechino 2008: Italia oro nella marcia Pechino 2008: Italia, un buon bilancio con qualche ombra Pechino 2008: L’ONU invoca la Tregua Olimpica Pechino 2008: la cerimonia di apertura Pechino 2008: la Cina fa man bassa di medaglie d’oro Pechino 2008: la Cina sotto esame Pechino 2008: la fiaccola avanza tra le proteste Pechino 2008: la grande occasione Pechino 2008: le news di aprile Pechino 2008: le news di Febbraio Pechino 2008: le news di Giugno Pechino 2008: le news di luglio Pechino 2008: le news di Maggio Pechino 2008: le news di marzo Pechino 2008: Matteo Tagliariol oro nella spada Pechino 2008: medagliere medaglie Pechino 2008: Michael Phelps sulle tracce di Spitz Pechino 2008: niente Fiamma Olimpica a Taiwan Pechino 2008: niente Olimpiadi per i Tibetani Pechino 2008: quanta curiosità per il Nido d’Uccello Pechino 2008: risultati atletica Pechino 2008: sfida tra gli uomini più veloci del mondo Pechino 2008: sport per sport Olimpiadi di Pechino su Wikipedia italiano 2008 Summer Olympics su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015