Pechino 2008: è successo anche questo

« è successo anche questo: seconda parte


Liu Xiang si ferma, Cina sotto choc. Tra i tanti ori cinesi, che piovono da ogni campo di gara, mancherà quello più atteso, quello del campione in carica dei 110 ostacoli, Liu Xiang. Già dal trionfo di Atene l'ostacolista era diventato una sorta di osservato speciale: su di lui si erano riposte tutte le attenzioni del popolo e del potere della Cina che lo aspettavano al trionfo nell'Olimpiade di casa. Un'attesa spasmodica che ha avuto un finale choccante per i cinesi: Liu è entrato in pista per il primo turno eliminatorio già visibilmente sofferente e nervoso, ha provato ad andare sui blocchi di partenza, dove un altro atleta si è mosso in anticipo provocando una falsa. Liu ha fatto pochi passi con una smorfia che ha tradito un dolore insopportabile, quindi si è tolto il numero ed ha abbandonato lo stadio lasciando il pubblico e i telespettatori nello sconforto. Dopo la gara si è venuto a sapere che il campione cinese si era infortunato al tendine d'Achille due giorni prima del debutto olimpico, una ricaduta di un problema già avuto in primavera. Liu e il suo staff medico hanno fatto di tutto per poter almeno tentare di scendere in pista (forse spinti anche da qualche sponsor), ma non c'è stato niente da fare. Per la Cina è stata una vera tragedia sportiva: in un gruppo di atleti di altissimo livello ma che faticano ad imporsi come personalità individuali essendo solo numeri da aggiungere al medagliere, Liu era l'unico tra i cinesi a proporsi in antitesi a questo meccanismo ed era considerato un tutt'uno con l'Olimpiade per la Cina. Il suo fallimento è anche quindi un fallimento per la Cina.

 

Nadal trionfa, ma c'è un oro anche per Federer. Rafa Nadal ha completato con le Olimpiadi il suo passaggio a nuovo padrone del tennis mondiale, che lo ha visto rincorrere e poi spodestare dal trono il campionissimo svizzero Roger Federer. Nadal ha condotto un torneo senza incertezze eliminando Djokovic in semifinale ed avendo poi ragione del cileno Gonzalez in una finale senza storia. Federer, eliminato nei quarti da Blake, si è rifatto con il torneo di doppio, in coppia con Wawrinka, dove ha colto l'oro contro Aspelin - Johansson. Soprattutto ha stupito l'esultanza di Federer che da anni non si vedeva: lui abituato (quest'anno un po' meno) a vincere i tornei più ricchi e prestigiosi si è esaltato per una vittoria olimpica di doppio, segno che anche ai tennisti l'atmosfera olimpica comincia a piacere. Così è stato anche per le donne, con un podio tutto russo dietro ad Elena Dementieva nel singolare e le sorelle Williams nel doppio.

 

C'è anche il taekwondo, argento a Sarmiento. Probabilmente in Italia molti avranno saputo cosa sia il taekwondo venerdì 22 agosto, quando Mauro Sarmiento ha inaugurato il medagliere olimpico azzurro di questa disciplina. Intanto diciamo che il taekwondo è un'arte marziale di origine coreana in cui si lavora soprattutto con le gambe. L'esperienza olimpica del taekwondo è molto recente, da Seoul come sport dimostrativo e solo da Sidney come sport effettivo. Il nostro Mauro Sarmento, 25 anni da Casoria, nel napoletano, è stato una delle più piacevoli sorprese dell'Olimpiade azzurra, anche perché la strada verso le medaglie sembrava sbarrata inesorabilmente dall'americano Steven Lopez, campione sia a Sidney che a Atene. Sarmiento, però, è riuscito ad avere la meglio nel round supplementare accedendo alla semifinale dove ha battuto un giovanissimo inglese. La finalissima l'ha visto opposto all'iraniano Hadi Saei. L'azzurro si è portato in vantaggio per ben 4-1 grazie a due calci al volto dell'avversario, ma l'iraniano ha saputo recuperare finendo per vincere 6-4. E' comunque un argento storico per Sarmiento, dedicato alla fidanzata Veronica Calabrese, specialista di taekwondo anche lei, che 24 ore prima aveva perso la medaglia di bronzo per un soffio.


Quarta parte »



ARTICOLI CORRELATI

Azzurri verso Pechino: calcioAzzurri verso Pechino: pallavolo femminileAzzurri verso Pechino: Paolo BettiniAzzurri verso Pechino: Vanessa FerrariDa Pechino 2008 a Londra 2012Du Toit e Pistorius, porte aperte per i GiochiFederica Pellegrini oro a Pechino 2008Il sogno infranto di Oscar PistoriusLe speranze azzurre sport per sportOlimpiadi di Pechino 2008: -200 al viaOlimpiadi Pechino 2008, un evento da 1,5 miliardi di euroPechino 2008 - Un mondo, un sogno -Pechino 2008 Howe, Magnini, Ferrari, pallavolo: quanti flop dai big azzurriPechino 2008, accensione della Fiamma OlimpicaPechino 2008, cerimonie: per l’Italia sì, no, forse…Pechino 2008, diritti umani e inquinamentoPechino 2008, la fiaccola sull'everestPechino 2008: è successo anche questo - Quarta PartePechino 2008: è successo anche questo - Seconda PartePechino 2008: è successo anche questo - Terza PartePechino 2008: è tornato il Dream Team americanoPechino 2008: a pieno ritmo verso PechinoPechino 2008: alla scoperta del Villaggio OlimpicoPechino 2008: Andrew HowePechino 2008: Antonio Rossi e gli atleti della canoaPechino 2008: Azzurri dal Presidente NapolitanoPechino 2008: Filippo MagniniPechino 2008: il mondo chiede le "Olimpiadi verdi"Pechino 2008: Italia oro nella marciaPechino 2008: Italia, un buon bilancio con qualche ombraPechino 2008: L’ONU invoca la Tregua OlimpicaPechino 2008: la cerimonia di aperturaPechino 2008: la Cina fa man bassa di medaglie d’oroPechino 2008: la Cina sotto esamePechino 2008: la fiaccola avanza tra le protestePechino 2008: la grande occasionePechino 2008: le news di aprilePechino 2008: le news di FebbraioPechino 2008: le news di GiugnoPechino 2008: le news di luglioPechino 2008: le news di MaggioPechino 2008: le news di marzoPechino 2008: Matteo Tagliariol oro nella spadaPechino 2008: medagliere medagliePechino 2008: Michael Phelps sulle tracce di SpitzPechino 2008: niente Fiamma Olimpica a TaiwanPechino 2008: niente Olimpiadi per i TibetaniPechino 2008: quanta curiosità per il Nido d’UccelloPechino 2008: risultati atleticaPechino 2008: sfida tra gli uomini più veloci del mondoOlimpiadi di Pechino su Wikipedia italiano2008 Summer Olympics su Wikipedia inglese

Link esterni: Sito ufficiale olimpiadi di Pechino 2008

Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015