Olimpiadi Melbourne 1956

« prima parte

Pista e pedana

Anche a Melbourne l'Italia si conferma straordinaria interprete di ciclismo e scherma. La pista è terreno di conquista del veneto Leandro Faggin che si impone nel km da fermo e nell'inseguimento a squadre insieme a Gasparella, Domenicali e Gandini. Medaglie anche per Pesenti, argento nella velocità e per il tandem di bronzo Pinarello-Ogna. Il successo più bello del ciclismo è però quello conquistato nella gara su strada dal romagnolo Ercole Baldini. Talento eccezionale, già recordman dell'ora tra i dilettanti, Baldini se ne va in fuga da solo e lascia il gruppo a due minuti: un trionfo. Sul podio, poi, l'inno non vuol saperne di partire, con grande disappunto degli organizzatori e così a rimediare sono gli italiani presenti tra il pubblico, emigranti, che intonano Fratelli d'Italia.
E' grand'Italia anche nella pedana della scherma, dove è ancora impegnato l'infinito Edoardo Mangiarotti, ormai 37enne. I nostri impongono un dominio strabiliante nella spada con la tripletta nella gara individuale, Pavesi - Delfino - Mangiarotti,  e l'oro a squadre insieme anche a Bertinetti, Anglesio e Pellegrino. Nel fioretto solo il fuoriclasse francese D'Oriola riesce ad impedire lo stesso dominio battendo Bergamini nella finale individuale dove anche Spallino è sul podio, 3°. Nella gara a squadre si ripete la sfida Italia-Francia, una finale all'ultima stoccata risolta favorevolmente da Spallino che si mette al collo l'oro assieme al solito Mangiarotti, Di Rosa, Bergamini, Pellini e Nostini.
Dopo tanta tradizione arriva una novità, il primo oro nel tiro a volo, portato a sorpresa da Galliano Rossigni, in una gara che dà anche il bronzo a Ciceri. L'ottavo ed ultimo oro azzurro arriva dal canottaggio, grazie al 4 con della Moto Guzzi, composto dagli operai Trincarelli, Vanzini, Winkler, Sgheris e dal timoniere Stefanoni. Parte del merito dell'impresa va però ascritta all'ingegner Carcano che porta una nuova disposizione dei remi, con il primo ed il terzo da un lato, il secondo ed il quarto dall'altro. Una semplice ma geniale intuizione che regala maggior scorrevolezza alla barca italiana e che sarà in seguito adottata da tutti.

A completare il medagliere ci sono due podi dal pugilato con Nenci argento nei pesi welter leggeri e con il bronzo del supermassimo Bozzano. Medaglie anche dalla vela, l'argento di Rode e Straulino, campioni in carica,  dai pesisti Pignatti e Pigaiani di bronzo rispettivamente nei medi e nei massimi, dalla lotta grecoromana con il mosca Fabra che non può concludere la finale per un infortunio ed è d'argento, e con il bronzo del massimo Bulgarelli. Ci sono poi le tre medaglie dell'equitazione conquistate a Stoccolma (ricordate la storia dell'importazione di animali?). Un tris di medaglie che lancia i fratelli Raimondo e Piero D'Inzeo che conquistano argento e bronzo nel salto ad ostacoli individuale e insieme a Oppesi l'argento della gara a squadre. Non ci sono medaglie invece per Adolfo Consolini che però a 40 anni è capace ancora di raggiungere la finale del disco e chiudere 6°. Il bottino finale del'Italia è così di 25 medaglie con un eccellente 5° posto nel medagliere.Ma intanto si comincia a pensare.



MEDAGLIERE OLIMPIADI

   ORO ARGENTO BRONZO TOTALE
1.   Unione Sovietica   37 29 32 98
2.   Stati Uniti   32 25 17 74
3.   Australia  13 8 14 35
4.   Ungheria   9 10 7 26
5.   ITALIA  8 8 9 25
6.   Svezia   8 5 6 19
7.   Germania Unita  6 13 7 26
8.   Gran Bretagna   6 7 11 24
9.   Romania   5 3 5 13
10.   Giappone  4 10 5 19
11.   Francia   4 4 6 14
12.   Turchia   3 2 2 7
13.   Finlandia   3 1 11 15
14.   Iran   2 2 1 5
15.   Canada  2 1 3 6
16.   Nuova Zelanda  2 0 0 2
17.   Polonia   1 4 4 9
18.   Cecoslovacchia  1 4 1 6
19.   Bulgaria   1 3 1 5
20.   Danimarca  1 2 1 4
21.   Irlanda   1 1 3 5
22.   Norvegia   1 0 2 3
23.   Messico   1 0 1 2
24.   India   1 0 0 1
24.   Brasile   1 0 0 1
26.   Jugoslavia  0 3 0 3
27.   Cile   0 2 2 4
28.   Belgio   0 2 0 2
29.   Argentina  0 1 1 2
29.   Corea del Sud   0 1 1 2
31.   Islanda   0 1 0 1
31.   Pakistan   0 1 0 1
33.   Sud Africa  0 0 4 4
34.   Austria   0 0 2 2
35.   Bahamas   0 0 1 1
35.   Grecia   0 0 1 1
35.   Svizzera   0 0 1 1
35.   Uruguay   0 0 1 1


ARTICOLI CORRELATI

Olimpiadi di Londra 2012 - Cronaca degli Episodi salientiOlimpiadi invernali: Chamonix 1924 - Saint Moritz 1928 - Lake Placid 1932 - Garmisch 1936Olimpiadi invernali: Saint Moritz 1948 - Oslo 1952 - Cortina 1956Olimpiadi invernali: Sapporo 1972 - Innsbruck 1976 - Lake Placid 1980Olimpiadi invernali: Sarajevo 1984 - Calgary 1988Olimpiadi invernali: Squaw Valley 1960 - Innsbruck 1964 - Grenoble 1968Olimpiadi 1924 di ParigiOlimpiadi Amsterdam 1928Olimpiadi Amsterdam 1928 - Medagliere -Olimpiadi Anversa 1920Olimpiadi Atene 1896Olimpiadi Atene 2004Olimpiadi Atene 2004 - Medagliere -Olimpiadi Atene 2004 - sfida tra giganti -Olimpiadi Atene 2004: l'invasione cineseOlimpiadi Atlanta 1996Olimpiadi Atlanta 1996 - MedagliereOlimpiadi Barcellona 1992Olimpiadi Barcellona 1992 - Medagliere -Olimpiadi Berlino 1936Olimpiadi Berlino 1936 - Medagliere -Olimpiadi Citta del Messico 1968Olimpiadi Citta del Messico 1968 - Medagliere -Olimpiadi Helsinki 1952Olimpiadi Helsinki 1952 - Medagliere -Olimpiadi invernali: Albertville 1992Olimpiadi invernali: Lillehammer 1994Olimpiadi invernali: Nagano 1998Olimpiadi invernali: Salt Lake City 2002Olimpiadi invernali: Torino 2006Olimpiadi invernali: Vancouver 2010Olimpiadi Londra 1908Olimpiadi Londra 1948Olimpiadi Londra 1948 - MedagliereOlimpiadi Londra 2012 - Bolt e i fulmini giamaicaniOlimpiadi Londra 2012 - Eroi italiani e Medagliere finaleOlimpiadi Londra 2012 - Sogni e incubi olimpiciOlimpiadi Los Angeles 1932Olimpiadi Los Angeles 1932 - Medagliere -Olimpiadi Los Angeles 1984Olimpiadi Los Angeles 1984 - Medagliere -Olimpiadi Melbourne 1956Olimpiadi Monaco 1972Olimpiadi Monaco 1972 - MedagliereOlimpiadi Montreal 1976Olimpiadi Montreal 1976 - Medagliere -Olimpiadi Mosca 1980Olimpiadi Mosca 1980 - Medagliere -Olimpiadi Parigi 1900Olimpiadi Parigi 1924Olimpiadi su Wikipedia italianoOlympic Games su Wikipedia inglese