Olimpiadi invernali: da Sapporo a Lake Placid

Olimpiadi invernali Sapporo 1972

Per la prima volta, nel 1972 le Olimpiadi Invernali approdano in Asia, nella giapponese Sapporo. È una novità che segna un'apertura sempre più globale dei Giochi Invernali. Si vedono così nuovi paesi al vertice, come il Giappone, che inaugura una splendida tradizione nel salto con gli sci con una tripletta di medaglie, o la Spagna, che si impone con Francisco Fernandez Ochoa nello slalom. Come da tradizione, però, anche i Giochi di Sapporo vanno via tra grandi polemiche. gustavo thoeniStavolta il pomo della discordia è il concetto di professionismo e dilettantismo, ancora retoricamente imperante sotto i cinque cerchi. Il CIO minaccia di far fuori dalle Olimpiadi decine di sciatori, ma alla fine al solo austriaco Karl Schranz, sostenuto da ricchi sponsor, viene impedito di partecipare. Ci sono invece i russi, veri professionisti di stato che però, non avendo marchi e sponsor alle spalle, passano per dilettanti. Una visione completamente oscurata dall'ipocrisia del CIO, che non vuole riconoscere che lo sport ad altissimi livelli dev0essere professionistico.
Per l'Italia quelle di Sapporo 1972 sono le Olimpiadi Invernali di Gustavo Thoeni. Lo sciatore di Trafoi è la punta di un movimento in grande ascesa, che continuerà a regalare allori per molti anni. A Sapporo Thoeni vince in gigante ed è 2° nello slalom davanti al cugino Roland. Nello sci alpino splende anche la svizzera Nadig, oro in slalom e gigante. Il nome che più si lega a queste Olimpiadi, però, è quello dell'olandese Ard Schenk, triplo oro nel pattinaggio velocità. In patria diventa un eroe nazionale, tanto che per lui sarà creata una nuova rosa, cui sarà dato il suo nome. Gli azzurri conquistano un oro anche nel doppio dello slittino e un argento nel bob a 4.

Olimpiadi invernali Innsbruck 1976

Dopo il Giappone il CIO decide di tornare in America, a Denver, ma clamorosamente gli abitanti della città del Colorado rifiutano i Giochi con un referendum che blocca i finanziamenti pubblici. Si deve riparare in fretta e si decide così di accettare la proposta di Innsbruck di ospitare nuovamente le Olimpiadi Invernali. In Austria i Giochi si sono svolti da appena 12 anni e tutti gli impianti sono perfettamente pronti. Così, nel 1976 si va ad Innsbruck, da dove l'Italia torna con 4 medaglie, tutte conquistate nello sci alpino. Piero Gros e Gustavo Thoeni occupano i primi due posti nello slalom e Claudia Giordani è argento, ancora in slalom, dietro alla campionessa tedesca Rosi Mittermaier. La Mittermaier si aggiudica anche la discesa e manca per una manciata di centesimi il tris in gigante. Diventerà la moglie di un altro grande campione dello sci tedesco, Christian Neurheuter. La quarta medaglia azzurra la conquista Herbert Plank in discesa, dove si assiste ad uno dei più grandi spettacoli della storia olimpica, con la sfida tra due monumenti dello sci di ogni tempo: il campione uscente, lo svizzero Russi, e l'austriaco Klammer. All'intertempo è Russi a passare al comando, ma con un finale in cui si prende ogni rischio Klammer riesce nel recupero e va a vincere. Una vittoria che per gli austriaci è un pezzo di storia. A portare via più medaglie di tutti da Innsbruck è una pattinatrice russa, Tatyana Amerina, con un medagliere personale di 2 ori e 2 bronzi.

Olimpiadi invernali Lake Placid 1980

Saltata nel 1976, si riprogramma per il 1980 la trasferta americana, stavolta a Lake Placid (già sede delle Olimpiadi invernali nel 1932). È la prima volta della Cina, che si affaccia finalmente nel grande sport olimpico dopo la nuova politica anti isolamento inaugurata negli anni Settanta. Anche ai Giochi Invernali si debbono fare i conti con la politica e con i boicottaggi, che per fortuna, a differenza dei Giochi Estivi, sono solo minacciati. L'invasione russa in Afghanistan è freschissima e già si parla di un boicottaggio americano alle Olimpiadi Estive di Mosca, ma per fortuna Unione Sovietica e tutto il blocco comunista partono per l'America e tutto fila liscio. Americani e sovietici si ritrovano contro in una storica finale del torneo di hockey, dove i sovietici sono strafavoriti. Ma i padroni di casa, con una squadra composta in gran parte da universitari, riescono a ribaltare ogni pronostico e vincere, facendo passare alla storia quella finale come “Miracolo sul ghiaccio”. Una vittoria che ancora oggi gli americani si ricordano, come dimostra il fatto che quei giocatori siano stati scelti per accendere il braciere alle successive Olimpiadi Invernali in terra Americana, quelle di Salt Lake City 2002.

Ingemar Stenmark Lake Placid 1980
A Lake Placid lo sci alpino celebra Ingemar Stenmark, il più grande e vincente di ogni tempo, oro in rimonta sia in slalom che in gigante. Sempre nello sci alpino fa un record Hanni Wenzel: regala l'oro in slalom e gigante al Liechtenstein, che diventa il più piccolo stato ad aver mai vinto ori olimpici. All'Italia stavolta non va bene: l'era della valanga azzurra si sta chiudendo e dall'alpino non arrivano medaglie. Si conferma solo la felice tradizione dello slittino, dove conquistiamo l'argento del singolo con Hildgartner e quello del doppio. Non ha questi problemi l'americano Eric Heiden, che spolvera il programma del pattinaggio velocità con 5 ori, così come il russo Zimyatov, 3 ori nel fondo. Un altro russo, Tikhonov, conquista il suo 4° oro nel biathlon; è campionessa di longevità anche la connazionale Rodnina, 3° oro di fila nel pattinaggio artistico.



ARTICOLI CORRELATI

Olimpiadi di Londra 2012 - Cronaca degli Episodi salientiOlimpiadi invernali: Chamonix 1924 - Saint Moritz 1928 - Lake Placid 1932 - Garmisch 1936Olimpiadi invernali: Saint Moritz 1948 - Oslo 1952 - Cortina 1956Olimpiadi invernali: Sarajevo 1984 - Calgary 1988Olimpiadi invernali: Squaw Valley 1960 - Innsbruck 1964 - Grenoble 1968Olimpiadi 1924 di ParigiOlimpiadi Amsterdam 1928Olimpiadi Amsterdam 1928 - Medagliere -Olimpiadi Anversa 1920Olimpiadi Atene 1896Olimpiadi Atene 2004Olimpiadi Atene 2004 - Medagliere -Olimpiadi Atene 2004 - sfida tra giganti -Olimpiadi Atene 2004: l'invasione cineseOlimpiadi Atlanta 1996Olimpiadi Atlanta 1996 - MedagliereOlimpiadi Barcellona 1992Olimpiadi Barcellona 1992 - Medagliere -Olimpiadi Berlino 1936Olimpiadi Berlino 1936 - Medagliere -Olimpiadi Citta del Messico 1968Olimpiadi Citta del Messico 1968 - Medagliere -Olimpiadi Helsinki 1952Olimpiadi Helsinki 1952 - Medagliere -Olimpiadi invernali: Albertville 1992Olimpiadi invernali: Lillehammer 1994Olimpiadi invernali: Nagano 1998Olimpiadi invernali: Salt Lake City 2002Olimpiadi invernali: Torino 2006Olimpiadi invernali: Vancouver 2010Olimpiadi Londra 1908Olimpiadi Londra 1948Olimpiadi Londra 1948 - MedagliereOlimpiadi Londra 2012 - Bolt e i fulmini giamaicaniOlimpiadi Londra 2012 - Eroi italiani e Medagliere finaleOlimpiadi Londra 2012 - Sogni e incubi olimpiciOlimpiadi Los Angeles 1932Olimpiadi Los Angeles 1932 - Medagliere -Olimpiadi Los Angeles 1984Olimpiadi Los Angeles 1984 - Medagliere -Olimpiadi Melbourne 1956Olimpiadi Melbourne 1956 - MedagliereOlimpiadi Monaco 1972Olimpiadi Monaco 1972 - MedagliereOlimpiadi Montreal 1976Olimpiadi Montreal 1976 - Medagliere -Olimpiadi Mosca 1980Olimpiadi Mosca 1980 - Medagliere -Olimpiadi Parigi 1900Olimpiadi Parigi 1924Olimpiadi su Wikipedia italianoOlympic Games su Wikipedia inglese