Cure per la stitichezza

Prestare maggiore attenzione alla defecazione

Lo sfintere anale esterno permette alla persona di ignorare l'urgenza di defecare fino a che tempo e luogo diventano appropriati. Ignorare ripetutamente tale stimolo può causare alterazioni nel riflesso della defecazione fino a compromettere la percezione dello stimolo.

Cure per Stitichezza - PrugneIn caso di stitichezza è inoltre importante attendere senza spingere la spontanea evacuazione delle feci.

Una spinta eccessiva durante la defecazione, oltre ad ostacolare l'evacuazione stessa (per chiusura riflessa del canale anale), favorisce la comparsa di problemi come emorroidi e prolasso.

L'uso del bagno alla turca (posizione acquattata) facilita l'evacuazione e aiuta a combattere la stitichezza. La defecazione può essere favorita anche da un rialzo sotto i piedi, un wc più basso o una posizione nel quale il busto si inclina in avanti appoggiandosi sulle cosce.

In ogni caso è importante che la defecazione sia un atto spontaneo, realizzato con la minima spinta necessaria. Se soffrite di stitichezza ed avvertite lo stimolo a defecare recatevi in bagno, senza fretta, assumete se possibile una delle posizioni sopradescritte ed attendete che le feci vengano espulse spontaneamente, espirando lentamente. Una volta iniziata la defecazione contraete (senza esagerare) i muscoli addominali e diaframmatici in modo da favorire lo svuotamento del retto.

Stitichezza e lassativi

Ogni anno, solo In Italia, si spendono 130 milioni di euro per l'acquisto di lassativi. Questo dato testimonia come troppo spesso si ricorra indiscriminatamente a questo rimedio fai-da-te per risolvere i problemi di stitichezza.

I lassativi agiscono migliorando il sintomo ma non  rimuovono il disturbo all'origine della stipsi, ritardando a volte la diagnosi della malattia. Se utilizzati cronicamente i lassativi perdono inoltre di efficacia, tanto da richiedere dosi via via crescenti fino a rendere necessaria l'associazione di più farmaci. Questo, ovviamente, non giova al nostro organismo, causando dipendenza sia fisica che psicologica.

L'uso dei lassativi nella cura della stitichezza è giustificato soltanto quando lo sforzo può esacerbare condizioni patologiche quali angina, emorroidi o per le stitichezze farmaco-indotte. L'uso di tali agenti terapeutici si rende inoltre indispensabile per avviare il paziente ad indagini radiologiche o interventi chirurgici.
In caso di stitichezza bisognerebbe comunque evitare l'uso cronico di lassativi (max 10 giorni). L'abuso di questi prodotti può provocare crampi e coliche addominali, assuefazione, atonia del colon, squilibri elettrolitici (ipokaliemia) e perturbare l'assorbimento delle vitamine e dei minerali nell'intestino. I lassativi tendono infatti ad impedire il riassorbimento intestinale dell'acqua provocando disidratazione e, nei casi più gravi, accidenti vascolari.


Anche in presenza di stitichezza cronica la regola principale è dunque quella di assumere lassativi solo sotto controllo medico. Per esempio il lattulosio, un lassativo di largo utilizzo, nelle persone con sovracresita di batteri nell'intestino tenue produce indrogeno e un meteorismo importante aggravando la situazione.
I lassativi non sono inoltre privi di interazioni farmacologiche: questi prodotti riducono infatti  l'assorbimento, quindi la biodisponibilità di altri farmaci somministrati contemporaneamente. In particolare i lassativi non vanno assunti insieme a diuretici, glicosidi cardioattivi e corticosteroidi dato che potrebbero esacerbarne gli effetti avversi (ipokaliemia, disidratazione, acidosi metabolica)


I lassativi non devono inoltre essere usati in caso di malattie a carattere infiammatorio del tratto gastro-intestinale quali morbo di Crohn, colite ulcerosa, perforazioni gastrointestinali, né durante la gravidanza o l'allattamento


Classificazione dei lassativi ed effetti collaterali di un loro abuso:

« 1 2 3 4 5 6 »


ARTICOLI CORRELATI

Rimedi naturali contro la stitichezzaSenna, rimedio naturale contro la stitichezzaStitichezza del neonato, stipsi del bambinoStipsi o StitichezzaStitichezza del bambino: rimedi e trattamentoDieta Stitichezza - Come CombatterlaFarmaci che causano StitichezzaFecalomaStitichezza: prodotti erboristici lassativiAlvo e Disturbi dell'AlvoDefecografiaDischezia e Stipsi da Defecazione OstruitaFrequenza Defecazione - Quando è normale e quando noRimedi per la Stipsi o StitichezzaFarmaci per la cura della StitichezzaFIBROLAX - Semi di Psillio -LattulosioResolor - prucaloprideSoffri di Stitichezza? Scoprilo col il nostro TestAGIOLAX ® - Senna frutti + Ispaghula semiAlterazioni dell'alvo: Cause e SintomiAntrachinoniCascara frangolaCascara, cascara sagradaCassiaCitrafleet - Foglietto IllustrativoCombattere la stitichezza con rimedi naturaliCruscaDefecazione e movimenti peristalticiDieta per la stitichezzaDischezia - Cause e SintomiDulcolax - Foglietto IllustrativoDULCOLAX ® - BisacodileEsempio Dieta contro la StitichezzaGuttalax - Foglietto IllustrativoGUTTALAX ®Isocolan - Foglietto IllustrativoISOCOLAN ® - PolietilenglicoleLaevolac - Foglietto IllustrativoMODULA ®NORMACOL ® - Gomma sterculiaNORMASE ® - LattulosioPortolac - Foglietto IllustrativoPORTOLAC ® - LattitoloProblemi di stitichezzaPursennid - Foglietto IllustrativoPURSENNID ® SennosidiResolor - Foglietto IllustrativoSintomi StitichezzaStitichezzastitichezza su Wikipedia italianoConstipation su Wikipedia inglese

Vedi anche: Stipsi o Stitichezza



Ultima modifica dell'articolo: 30/09/2016