Tecnica nel gioco del calcio

A cura di Valentino Cristofalo


Real Madrid, un nome che suscita emozione. Un club vincente, potente, ricco. Una lunga lista di trofei in bacheca, successi nazionali ed internazionali. Uno stadio, il Santiago Bernabeu, tempio del calcio internazionale. Tutto il mondo riconosce la grandezza dei bianchi di Madrid. Un marchio, una garanzia, un modello.
Vivaio Real MadridAlbo d'oro delle Merengues (aggiornato il 5/08/2010) :

    31 Campionati nazionali LIGA

    1 Coppa della Liga

    8 Supercoppa di Spagna

    17 Coppe del Re

    9 Coppe dei Campioni

    2 Coppe Uefa

    1 Supercoppa europea

    3 Coppe Intercontinentali

Trionfi che hanno radici lontane, costruite su basi solide. Successi fondati su organizzazione, competenza e lavoro. Un progetto che parte dalla cura maniacale della cantera, corrispondente al nostro vivaio. Una questione di mentalità trasmessa già ai più piccoli, abituati al successo sin dai primi calci. Fondamentale è l'attaccamento alla maglia. Il Real Madrid è una filosofia, una scelta di vita ed un modo di essere. L'obiettivo è vincere giocando bene. Imporsi, gestire e soprattutto dominare il match. Il Real Madrid è un club che ha visto cresce nel proprio settore giovanile talenti come Emilio Butragueno, Manuel Sanchis, Martin Vazquez, Michel per arrivare agli ultimi "prodotti locali" Casillas, Raul, Guti. Una struttura tecnica che comprende ben 13 squadre, dal primero equipo alla scuola calcio, così suddivise:

  1. PRIMA SQUADRA
  2. CASTILLA (TERZA DIVISIONE)
  3. REAL MADRID C
  4. JUVENILES (17 / 19 anni)
  5. CADETES (15 / 16 anni)
  6. INFANTILES (13 / 14 anni)
  7. ALEVINES (11/ 12 anni)
  8. BENJAMINES (9 / 10 anni)

La concorrenza nello scouting è veramente scarsa, nel territorio nazionale solo il Barcellona può offrire la stessa preparazione. Il Real Madrid è il meglio, il massimo; è uno dei club più importanti e titolati al mondo. A partire dai Benjamines si tenta di reclutare bambini  provenienti da Madrid e periferia. Una squadra di 20 osservatori nella sola capitale spagnola si occupa della ricerca di giovani talenti. Inoltre, la selezione è supportata dai cosiddetti "trials": giornate di prova appositamente organizzate e aperte a tutti coloro che vogliano partecipare. Un'occasione in più per scovare qualche campioncino nascosto, come fu nel caso del centrocampista Guti. I giovani sono guidati e seguiti da tecnici e preparatori specializzati. Far parte della famiglia Real significa entrare nell'elitè del calcio. Gli allenatori si occupano a 360° dei propri ragazzi. Prima si forma l'uomo, poi il calciatore. Rispetto, educazione e sacrificio le qualità umane richieste e imposte dal Real Madrid.
A livello prettamente tecnico, il possesso palla è il marchio di fabbrica dello stile Real. Una tattica ben precisa, che alla lunga stanca ed innervosisce l'avversario, costretto spesso e volentieri a rincorrere. Una strategia utilizzata da tutte le squadre giovanili, non solo nella Liga. Tanto tempo dedicato alla tecnica di base, i fondamentali sono curati nel dettaglio e non vengono mai dati per scontato. Ripetizioni continue di esercitazioni fatte di palleggi, passaggi, stop e tiri. Soprattutto fra i Benjamines, Alevines ed Infantiles le esercitazioni con il pallone costituiscono il 90 % dell'intera seduta di allenamento. Inoltre, per i ragazzi dai 6 ai 12 anni  l'allenamento è più che altro un gioco. Gli allenatori vanno oltre la tecnica puramente calcistica. Si pongono come maestri, insegnanti e soprattutto psicologi. Lavorare con i bambini è un compito stimolante quanto delicato; c'è bisogno di tanta pazienza e conoscenze. Le esercitazioni dei più piccoli sono  sempre proposte sottoforma di gioco; il piccolo calciatore riesce a divertirsi e ad imparare allo stesso tempo. Le partitelle 5 contro 5 sono poi l'esercizio più frequente. Si abitua il bambino a giocare insieme, a confrontarsi con l'avversario e soprattutto a muoversi con rapidità in spazi stretti; Inoltre cresce e inizia a sviluppare un sano spirito competitivo,  migliora la tecnica individuale e prende confidenza con l'attività agonistica. La forza del Real nasce da qui.

  1. INTENSITA', RITMO E VELCOCITA'
  2. AMPIEZZA DEL GIOCO
  3. GIOCATE RAPIDE
  4. LETTURA DELLE SITUAZIONI
  5. SCELTE SICURE
  6. POCHI TOCCHI DEL PALLONE
  7. INTERDIZIONE E RIPARTENZA
  8. CHIUDERE SEMPRE L'AZIONE CON TIRO IN PORTA

La cura dei dettagli è un elemento fondamentale per la crescita dei giovani e per la gestione ottimale dei talenti, nello sport come in ogni altro ambito della vita. Per questo motivo l'errore diviene un tassello importante da non sottovalutare nella crescita calcistica e umana dei giovani blancos. Sbagliare fa parte dell'uomo, fa  parte del gioco. L'errore aiuta a migliorarsi e completarsi. I tecnici del Real Madrid sono professionisti che operano in un ambiente vincente. Il Real vuole il meglio, gli allenatori devono chiedere il massimo. La cura dell'errore fa parte del processo di allenamento. Soprattutto nei giovani l'attenzione al particolare è una delle prerogative della canteramadrilena. Sbagliare non è grave, perseverare nell'errore però non è concesso. Il Real lavora  sul talento, i calciatori però devono essere disposti al sacrificio e al serio lavoro. Inoltre il settore giovanile segue sempre un programma preciso, ogni settimana c'è un incontro tra tutti gli staff ed il responsabile del settore giovanile. Un confronto settimanale che serve innanzitutto a stilare una relazione non solo sul piano prettamente tecnico, ma anche e soprattutto su quello disciplinare. L'attenzione allo studio e alla crescita scolastica non viene tralasciata. Il Real Madrid ha stipulato una convenzione con  un istituto privato che riesce a far conciliare l'attività sportiva con l'obbligo scolastico dei giovani atleti. Prima uomini poi sportivi è l'imperativo. La mente deve essere allenata quanto il fisico. Niente è lasciato al caso. Il centro sportivo della Ciudad de Valdebebas è il fiore all'occhiello del Real. È il quartier generale dei blancos, un centro sportivo polivalente dotato di tutti i comfort. è il cuore della società, il luogo dove nascono, crescono e si realizzano i sogni di tanti ragazzi. Dai Benjamines alla prima squadra, tutti si allenano nello stesso ambiente, i bambini come i professionisti. Un grande stimolo per i giovani, un piacere per le stelle affermate. La grande famiglia del Real Madrid convive a stretto contatto. Numerosi campi da calcio, piscine, palestre, aree di svago e divertimento, oltre ad un'efficiente foresteria per i ragazzi fuori sede costituiscono il centro dei galacticos. Una struttura come poche al mondo che mostra la grandezza del club e responsabilizza chiunque indossi la camiseta blanca. L'aria che si respira qui è da campioni.
Un modello, quello madrileno, che viene esportato anche nella selezione nazionale. L'ultimo successo al Mondiale 2010 delle Furie rosse è stato firmato anche da giocatori che fanno la fortuna del Real Madrid: Casillas, Raul Albiol, Xabi Alonso, Sergio Ramos, Alvaro Albeloa. Tutti decisivi e determinanti nel successo finale che ha proiettato la Spagna sul tetto del mondo, bissando il successo all'Europeo 2008. L'ennesima testimonianza della bontà del settore giovanile dei blancos, capaci nel tempo di generare talenti, e di ottenere successi in campo nazionale e internazionale. Un modello a cui tante società guardano con ammirazione ed invidia. I giovani crescono, e il Real Madrid lavoro per il futuro. La storia sono loro, il futuro anche,  vamos galacticos!



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo