Medicina fisica e riabilitativa nella pallavolo

Elementi di riabilitazione spalla

La spalla è l'articolazione più mobile del corpo umano, ma al tempo stesso è quella che ha la minima stabilità intrinseca dovuta alla configurazione anatomica dei suoi componenti osteo-articolari.
Per questo motivo le parti mio-tendinee, capsulari e legamentose sono sottoposte a notevole sovraccarico funzionale.
I principali problemi sono legati alle patologie della cuffia dei rotatori (conflitto) e del cercine glenoideo (inserzione del capo lungo del bicipite).

Protocolli di recupero spalla

1) Studio posturale del soggetto (la teoria delle catene cinetiche dice che la causa di un problema può essere localizzata lontano dal distretto interessato).
2) Eventuale riassetto e ripristino della corretta mobilità funzionale e mio-fasciale.
3) Autoallungamento eccentrico.
4) Potenziamento compensatorio degli extrarotatori (lat machine, tirate, pulley, routine giornaliera con peso leggero ed elastici).

Elementi di riabilitazione schiena

La pallavolo è uno degli sport più a rischio per quanto riguarda l'insorgere di lombalgie, siano esse di natura discale, muscolare o derivante da spondilolisi.
Queste sono spesso associate a dolori sciatalgici che tendono ad aumentare con l'allenamento, fino a diventare fortemente invalidanti. Occorre quindi che le lombalgie in fase acuta siano gestite con la massima attenzione.
Soprattutto nelle lombalgie adolescenziali vanno evitati i grossi carichi, curando la postura e la tecnica esecutiva del gesto atletico.

Protocolli di recupero schiena (1)

1) Studio posturale del soggetto (rigidità dei flessori).
2) Limitazione dei sovraccarichi e studio delle tecniche esecutive.
3) No esercizi con torsione del tronco (attenzione ai movimenti di lateralità).
4) Ricondizionamento atletico in acqua.
5) Stretching, esercizi respiratori, tonificazione addominale.

Protocolli di recupero schiena (2)

1) In piedi, mobilizzazione bacino senza piegare le ginocchia.
2) In piedi a gambe semiflesse, abbracciare le ginocchia e portare il busto sulle gambe.
3) In ginocchio, seduti sui talloni, abbracciare le ginocchia e portare il busto sulle gambe.
4) Sdraiati supini, portare le ginocchia al petto ed estendere il rachide
5) Sdraiati su un fianco, gambe unite e piegate a 90°, apertura spalle e torsione busto dx e sn.
6) Ripetere es.5 con una gamba distesa e l'altra piegata su un fianco
7) Sdraiati supini, portare le gambe dietro alla testa rimanendo in appoggio sulle spalle.
8) Sdraiati proni in appoggio sulle mani, posizione del cobra
9) In quadrupedia prona, mobilizzazione rachide.

Elementi di riabilitazione ginocchio

Riabilitazione ginocchioNella pallavolo si hanno sia patologie da sovraccarico funzionale che patologie da lesione traumatica.
Nel primo gruppo rientrano tendinopatie inserzionali distali dell'apparato estensore (ginocchio del saltatore in zona sotto e soprarotulea e sulla tuberosità tibiale) e infiammazioni cartilaginee (condriti acute e croniche).
Nel secondo gruppo rientrano tutti gli esiti di traumi distorsivi (sofferenza legamentosa, rottura meniscale mediale o esterna, lesione del legamento crociato anteriore totale o parziale).

Protocolli di recupero ginocchio

1) Studio posturale e dei mezzi (calzature, fondo di allenamento).
2) Crioterapia e riposo (limitazione di salti e sovraccarichi, evitare infiltrazioni articolari).
3) Stretching (quadricipite e flessori).
4) Isometria a catena cinetica chiusa (estensione massima e ultimi gradi).
5) Aumento degli angoli e dei carichi di lavoro (i propriocettori articolari vengono attivati meglio negli esercizi eseguiti in stazione eretta con carico verticale).

Elementi di riabilitazione caviglia

Parlare di lesioni a carico della caviglia significa parlare di distorsioni. Queste sono più frequenti in inversione e vengono distinte in quattro diversi gradi di gravità:
Grado 0: distorsione senza lesione legamentosa.
Grado 1: rottura del peroneo-astragalico anteriore.
Grado 2: rottura di peroneo-astragalico anteriore, peroneocalcaneare e parte della capsula.
Grado 3: rottura di peroneo-astragalico anteriore, peroneocalcaneare, astragalo-calcaneare e ampia lesione capsulare (trattamento esclusivamente chirurgico).
Il fine della riabilitazione deve essere in primo luogo limitare l'instaurarsi di instabilità cronica post-traumatica.

Protocolli di recupero caviglia

1) Immobilizzazione e compressione, ghiaccio, elevazione dell'arto, riposo.
2) Recupero della mobilità articolare (anche passiva) con esercizi a catena aperta.
3) Rieducazione propriocettiva e recupero di tonicità muscolare localizzato.
4) Studio posturale e delle tecniche (appoggio plantare corretto).

Elementi di riabilitazione muscoli

Secondo una semplice classificazione le lesioni muscolari possono essere dovute a traumi diretti (contusioni) e indiretti (elongazione, distrazione, strappo).
Nelle elongazioni (contratture) si ha insorgenza del dolore su tutto il muscolo in una fase successiva a quella di lavoro (solitamente il giorno dopo).
Nelle distrazioni (stiramenti) si ha insorgenza acuta del dolore. Non c'è lesione muscolare, ma aumento del tono con strisce dolenti su tutto il muscolo e una progressiva incapacità a proseguire l'attività.
Negli strappi (1°-2°-3° grado) si ha insorgenza acuta del dolore. E' presente una lesione muscolare più o meno estesa, si ha impotenza funzionale immediata ed è descrivibile il gesto che ha generato il problema.

Protocolli di recupero muscoli

1) Il ripristino dopo lesione è completo nelle contratture e negli stiramenti, incompleto nel caso di strappi.
2) Studio posturale del soggetto (controllo di squilibri e insufficienze distrettuali). Un sovraccarico del tessuto muscolare porta ad un infortunio con sintomi clinici che a loro volta recano squilibri e debolezza muscolare.
Questo conduce a nuovi adattamenti funzionali e ad ulteriore sovraccarico, quindi ad un nuovo probabile infortunio a carico dello stesso o di altri muscoli.
3) Stretching e riscaldamento adeguati.
4) Recupero della piena funzionalità (tono, elasticità, coordinazione specifica).

Bibliografia:

Lorenzo Boscariol - Stage presso Sisley Volley Treviso SPA.

Ferdinando De Giorgi - Programmazione, allenamento, tecnica e tattica nella pallavolo maschile di alto livello - Calzetti e Mariucci editori.

 

 

« pallavolo »


ARTICOLI CORRELATI

A cura di: Lorenzo Boscariol


Ultima modifica dell'articolo: 13/06/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climatici