Il "doping" dei fotomodelli e delle fotomodelle

Prima di leggere l'articolo sul - Esempio Ciclo di steroidi per fotomodelli - accertati di essere a conoscenza degli effetti collaterali e delle ripercussioni legali derivanti dall'utilizzo degli steroidi anabolizzanti (regolamentate dalla legge in materia antidoping 14 dicembre 2000, n. 376 e successivi aggiornamenti, e dalla legge in materia di disciplina degli stupefacenti D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 e successivi aggiornamenti)

A cura di Ivan Mercolini


Vediamo ora vari esempi di cicli per lui:

 

ESEMPIO 1

 

In questo esempio, il fotomodello utilizza metenolone in combinazione con clenbuterolo per una maggior definizione, in previsione di una tournee esibitiva. I dosaggi del metenolone (PRIMOBOLAN DEPOT) varieranno in maniera piramidale da 50 mg sino a max 150 mg/settimana, per un ciclo di durata massima 8 settimane. Il clenbuterolo verrà utilizzato a partire dalla quarta settimana, con dosaggio di 60 mcg due giorni sì e due giorni no, al fine di non saturare i recettori. E' ottimo come anticatabolico dato che sopprime gli effetti di perdita muscolare indotti dal cortisolo. Risultati ottimali si ottengono anche alternando settimanalmente il clenbuterolo con efedrina/caffeina. Questo ciclo fa guadagnare almeno 1 kg di muscolo che sarà duro, denso e definito. Sufficiente per gli scopi di un fotomodello. Il primobolan depot funziona molto bene anche in regimi ipocalorici ipocarboidratici. L'utilizzatore avrà cura di salire con il monte proteico ad almeno 3-3.5 g pro chilo al dì. Questo ciclo funziona bene in dieta ipocalorica.

Settimana 1: primobolan 50mg
Settimana 2: primobolan 100 mg
Settimana 3: primobolan 150 mg
Settimana 4: primobolan 150 mg
Settimana 5: primobolan 100 mg e clenbuterolo 60 mcg (due giorni sì due no)
Settimana 6: primobolan 100 mg e clenbuterolo 60 mcg (due giorni sì due no)
Settimana 7: primobolan 100 mg e clenbuterolo 60 mcg (due giorni sì due no)
Settimana 8: primobolan 50 mg e clenbuterolo 60 mcg (due giorni sì due no)

Data la presenza di beta stimolanti forti, è chiaro che l'utilizzatore deve esser certo di avere un sistema cardiocircolatorio sano, tenendo monitorata la pressione, la frequenza cardiaca, la temperatura.
Al termine di questo ciclo non si registrano significative riduzioni della produzione endogena di testosterone. Non sono ovviamente necessari antiestrogeni. Quindi i guadagni si conservano bene fino al prossimo ciclo che avverrà dopo 3-4 mesi. Per chi ha difficoltà ad effettuare iniezioni, si può utilizzare il metenolone acetato orale in dosi di 50-100 mg al dì suddivisi in due-quattro dosi data l'emivita breve. Le forme acetate sono note per la loro capacità lipolitica. Questo farmaco non è pesante per il fegato non essendo alfa-chilato. Ritengo superiore comunque la forma iniettabile. L'acne è rara dati i bassi dosaggi. L'utilizzatore comunque si tenga previdente con frequenti lampade e una continua pulizia della pelle.

Non riporto esempi relativi allo stanozololo, ritenendo il metenolone un derivato del DHT superiore, con il vantaggio di non essere epatotossico né doloroso (durante l'iniezione). Chi utilizza lo stanozololo comunque, effettua cicli di 6-8 settimane con dosi giornaliere della forma orale di 16-20 mg e con dosi di 25-50 mg ogni due-tre giorni per la forma iniettabile. I cicli sono sempre piramidali. Ripeto comunque, sconsiglio lo stanozololo per la sua epatotossicità, per quanto sia ben tollerato. Tutt'alpiù utilizzare in associazione un disintossicante a base di silimarina (es.: LEGALON bustine).

 

ESEMPIO 2

 

In questo esempio l'utilizzatore effettuerà un ciclo di ossandrolone (ex ANAVAR, ex Oxandrolone SPA). Dalle informazioni in mio possesso, questo farmaco è ancora prodotto dalla Asia Pharma in Malesia. Non so se ci sono altre case che lo producano. Il dosaggio in un ciclo di 8 settimane di un fotomodello è di 10-15 mg al giorno. Permette un guadagno di 2 Kg di muscolo molto duro, praticamente senza influire sull'asse HPTA. Il difficile è reperire sul mercato nero il vero ossandrolone, senza incappare in falsi contenenti nessun principio attivo (ma solo eccipienti, talvolta tossici). L'utilizzatore assume sempre 3-3.5 g di proteine al dì. Anche questo farmaco funziona abbastanza bene in ipocalorico ipocarboidratico, ma non come il primobolan. Con il dosaggio di 10-15 mg al dì, suddiviso in più dosi giornaliere, è ben tollerato dal fegato per quanto sia un alfa chilato. Suggerisco, per ulteriore precauzione, l'utilizzo contemporaneo di silimarina (LEGALON) quale disintossicante (due bustine da 200mg al dì dopo i pasti principali). Sono presenti in commercio, quali integratori di libera vendita, diversi altri blend disintossicanti/epatoprotettivi.

Settimana 1: ossandrolone 7.5 mg/dì
Settimana 2: ossandrolone 10 mg/dì
Settimana 3: ossandrolone 10 mg/dì e Legalon due bustine (uno dopo pranzo e uno dopo cena)
Settimana 4: ossandrolone 15 mg/dì e Legalon due bustine (uno dopo pranzo e uno dopo cena)
Settimana 5: ossandrolone 15 mg/dì e Legalon due bustine (uno dopo pranzo e uno dopo cena)
Settimana 6: ossandrolone 15 mg/dì e Legalon due bustine (uno dopo pranzo e uno dopo cena)
Settimana 7: ossandrolone 10 mg/dì e Legalon due bustine (uno dopo pranzo e uno dopo cena)
Settimana 8: ossandrolone 7.5 mg/dì e Legalon due bustine (uno dopo pranzo e uno dopo cena)
Settimana 9:  Legalon due bustine (uno dopo pranzo e uno dopo cena)
Settimana 10: Legalon una bustina (uno dopo pranzo)

Non si rileva una riduzione del testosterone endogeno dopo questo ciclo, né, ovviamente, sono necessari antiestrogeni. I guadagni si conservano bene anche dopo l'interruzione, in attesa di un nuovo ciclo da effettuare dopo circa 3-4 mesi.


« 1 2 3 4 5 6 »
BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE:
- Anabolic Reference Guide di Bill Philips – Sandro Ciccarelli editore
- Author L. Rea: CHEMICAL MUSCLE ENHANCEMENT - Ciccarelli Editore
- Author L. Rea: COSTRUIRE LA BESTIA PERFETTA – Ciccarelli Editore
- Dr. Di Pasquale: DOPING – USO E RILEVAMENTO – Ciccarelli Editore
- Dr. Di Pasquale: Problema doping – Ciccarelli Editore

Tali indicazioni hanno esclusivamente scopo informativo e NON intendono in alcun modo sostituirsi al parere di un medico o favorire l'utilizzo di steroidi anabolizzanti, né tanto meno promuovere specifici prodotti commerciali, eventualmente indicati a puro scopo informativo. Il ricorso agli steroidi anabolizzanti al di fuori dell'ambito medico è una pratica pericolosa ed aberrante dalla quale ci discostiamo CONDANNANDOLA E SCORAGGIANDOLA nella maniera più assoluta. Si veda a tal proposito la lista degli effetti collaterali generici relativi agli steroidi anabolizzanti o quanto pubblicato in calce all'articolo.
L'eventuale posologia e le modalità di utilizzo indicate per quanto concerne l'uso in ambito sportivo od estetico, NON hanno valenza di consiglio specifico; intendono bensì fornire un'informazione di carattere generale in linea con quanto diffuso dalle pubblicazioni scientifiche in materia (vedi bibliografia od altri testi sul doping), per limitare fenomeni di abuso, fermo restando che non esiste una posologia od una combinazione di farmaci sicura e priva di effetti collaterali. Per queste ragioni l'autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti dall'utilizzo di tali informazioni.


BIBLIOGRAFIA PRINCIPALE (con all'interno riferimenti bibliografici a pubblicazioni mediche internazionali): William Llewellyn's ANABOLICS 2007


Alcuni dei più comuni effetti collaterali a cui potresti andare incontro utilizzando Steroidi Anabolizzanti...

Acne da Steroidi
Caso clinico: acne severa conglobata indotta da steroidi anabolizzanti androgeni.

A) Il paziente al tempo della sua immagine corporea ideale; il 21enne bodybuilder ha avuto una storia di abuso di steroidi anabolizzanti androgeni.B) Acne conglobata severa; le lesioni includono papule, pustole, ascessi e ulcerazioni profonde. C) Paziente dopo sei settimane di terapia antibiotica antisettica (si notino gli esiti cicatriziali permanenti). Fonte: Lancet


Ginecomastia da AnabolizzantiLa ginecomastia, termine medico indicante l'abnorme crescita di tessuto mammario nell'uomo (immagine a lato), è un altro effetto collaterale macroscopico degli steroidi anabolizzanti. Se non affrontata tempestivamente con una terapia farmacologica opportuna, tale condizione risulta pressoché irreversibile; l'unica valida soluzione è rappresentata da un intervento chirurgico specifico.

Nei soggetti geneticamente predisposti, l'alopecia androgenetica ("caduta dei capelli) e l'eccessiva crescita della peluria corporea rappresentano ulteriori effetti macroscopici indesiderati di queste sostanze.

Tra gli altri effetti collaterali degli steroidi anabolizzanti, si ricordano: ipertensione, infertilità temporanea negli uomini, atrofia (rimpicciolimento) dei testicoli, ipertricosi e virilismo (nella donna, crescita dei peli e dei caratteri sessuali maschili), alterazioni mestruali, gravi anomalie dello sviluppo fetale (se assunti durante la gravidanza), blocco della crescita (se assunti durante l'adolescenza), disfunzioni epatiche, aumento del rischio cardiovascolare, aumento dell'aggressività e degli sfoghi di rabbia fino a veri propri quadri di psicosi e dipendenza fisica in caso di utilizzo prolungato (pensieri ed atteggiamenti omicidi durante l'assunzione, pensieri ed atteggiamenti suicidiari durante l'astinenza). La dipendenza psico-fisica nei confronti di tali sostanze fa sì che, anche iniziando un ciclo di assunzione a bassi dosaggi per limitare possibili effetti collaterali, l'utilizzatore - per quanto informato e "coscienzioso" - potrebbe cadere in un circolo vizioso per cui, al crescere delle dosi e dei tempi di assunzione, gli effetti collaterali diverrebbero sempre più gravi ed evidenti fino a sfociare nei casi limite, per questo solo apparentemente "esagerati", evidenziati nelle foto.




Ultima modifica dell'articolo: 19/12/2015