Asse HPTA: prevenzione e recupero nella fotomoda

Prima di leggere l'articolo sul - Prevenzione calo LH e testosterone dopo un ciclo di steroidi anabolizzanti - accertati di essere a conoscenza degli effetti collaterali e delle ripercussioni legali derivanti dall'utilizzo degli steroidi anabolizzanti (regolamentate dalla legge in materia antidoping 14 dicembre 2000, n. 376 e successivi aggiornamenti, e dalla legge in materia di disciplina degli stupefacenti D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 e successivi aggiornamenti)


A cura di Ivan Mercolini


Ho esposto diverse differenze tra questi due modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (in acronimo "SERMs") con le loro capacità miste agoniste e antagoniste.
Prima di passare oltre, riporto qualche cifra e qualche studio a sostegno di quanto sopra. Le righe che seguono sono per i più tecnici e per i medici. Gli altri lettori possono passare al capitolo seguente purché, ripeto, la loro lettura si limiti alla curiosità e non vada oltre: con la LEGGE e la Salute non si scherza.
Prevenzione calo LH e testosterone - Steroidi anabolizzantiDunque... uno studio del tardo 1970 dell'Università del Gand in Belgio ha dimostrato che Nolvadex utilizzato per 10 giorni ad una dose di 20 mg/die ha aumentato nell'uomo i livelli sierici di testosterone al 142% rispetto al basale. Per ottenere gli stessi livelli o poco più, sono occorsi ben 150 mg/die di clomifene. Sempre studi controllati hanno testato l'effetto dell'infusione di 100 mcg di GnRH sulla produzione di LH, durante il trattamento con i triphenylethyleni. L'obiettivo di questo test era quello di vedere la sensibilità della ghiandola pituitaria al GnRH (più sensibile essa è, e più LH sarà rilasciato). Le prove hanno mostrato che dopo dieci giorni di trattamento con tamoxifene, la ghiandola pituitaria ha aumentato leggermente la sua sensibilità rispetto ai valori pre trattamento. Invece dopo 10 giorni a 150mg/die di Clomid, la sensibilità al GnHR si è ridotta. Dopo 6 settimane con Nolvadex, la sensibilità è aumentata ulteriormente e i livelli di testosterone e LH sono arrivati al 183%-172% rispetto ai valori base (sempre con 20mg di Nolvadex). D'altro canto abbiamo detto che già dopo dieci giorni di clomifene si desensibilizza la ghiandola pituitaria. Questo non vuol dire che il clomid non aumenterà il testosterone, se preso in considerazione nello stesso periodo di 6 settimane, piuttosto è vero il contrario. Però è chiaro il vantaggio del tamoxifene. La ragione della differenza può esser dovuta ad una debolezza intrinseca agli effetti estrogenici del clomifene. Quindi, anche se entrambi sono anti-estrogeni, hanno alcune differenze importanti: il tamoxifene sembra essere fortemente anti estrogeno sia a livello di ipotalamo che di ghiandola pituitaria, a differenza di clomid che è si forte a livello ipotalamico, ma sembra invece esporre debole attività estrogenica sulla ghiandola pituitaria. Un ulteriore sostegno a questi risultati è stato pubblicato sull'American Journal of Physiology nel Febbraio 1981, dove studi in vitro su cellule di ratto hanno confermato quanto succitato.

La prevenzione

Vediamo ora come, nel settore della fotomoda, si può prevenire il calo dell'LH, quindi del testosterone naturale. Ritorniamo con la mente al mio precedente lavoro sul tema: il doping di fotomodelli e fotomodelle. Abbiamo visto che in questo settore i ritocchi che si effettuano, se si effettuano, sono quasi tutti nel ramo della chirurgia estetica. Vale soprattutto per le ragazze (mastoplastica, rinoplastica, blefaroplastica, ecc.). Ma taluni professionisti, per avere quel tocco in più di compattezza, per avere quel chilo in più di massa magra, usano anche farmaci. Come esempio, riportai alcuni cicli indicando i dosaggi minimo-medi efficaci. E' comunque scritto tutto nel citato lavoro cui vi rimando. Va detto, per completezza di informazione, che oggi si effettua fotoritocco con una disinvoltura e una diffusione che non hanno precedenti in questo settore. La pratica, che ritengo assolutamente kitsch, viene svolta in maniera palese senza alcuna vergogna, con naturalezza. Questa, rende sempre più inutile il ricorso ai derivati del DHT per darsi compattezza e lucentezza (bastano pochi comandi software per ottenere lo stesso effetto). Eh sì, siamo proprio nell'epoca del falso: falsi fuori e dentro. Vi posso assicurare, da Model Trainer, che le Vip che vedete splendide sul calendario, spesso in spiaggia, sono MOLTO meno della Vs. vicina di casa, che magari ignorate non rendendovi conto delle potenzialità. Vuoti simulacri di bellezza che insultano il mio amore per la poesia. Dicevo, comunque, che l'evidenza empirica e la letteratura del settore (quasi esclusivamente in lingua inglese) fanno sintetizzare che se proprio un fotomodello deve ricorrere agli steroidi androgeni anabolizzanti, allora è meglio che utilizzi in cicli a diamante:

- ossandrolone (fino a 10-15mg/die)
- nandrolone decanoato (fino a 100-150mg / week)
- metenolone enantato (fino a 200mg/ week)
- boldenone undelcinato (fino a 150mg/week)
- drostanolone proprionato (fino a 50mg ogni due giorni)
- stanozololo iniettabile (50mg ogni due giorni)
- mesterolone (50-75mg/die)

La durata del trattamento è di circa 6-8 settimane con una sospensione tra un ciclo e il successivo di 3-4 mesi. Gli utilizzatori predisposti all'alopecia non dovrebbero usare derivati del DHT (metenolone, drostanolone, stanozololo, mesterolone...) se non in associazione al finasteride. Tutti gli utilizzatori effettuano un controllo dell'ipertrofia prostatica una volta all'anno ed esami ematici (in particolare glicemia, trigliceridemia, colesterolo totale, HDL, LDL, enzimi epatici, testosterone totale, testosterone libero) prima del ciclo, a metà ciclo, e dopo il ciclo. Il nandrolone e il boldenone, dato che danno un poco di ritenzione idrica, si usano di norma lontano dai servizi. I farmaci si associano a coppie. Le combinazioni più diffuse, con dosaggio ripeto a diamante, sono nandrolone + metenolone, boldenone + metenolone, nandrolone + mesterolone, ossandrolone (da solo), stanozololo + nandrolone. Con l'ossandrolone e lo stanozololo si assumono contemporaneamente aminoacidi ramificati ed epato protettori quali la silimarina (es.: LEGALON). In genere non si associano due derivati del DHT contemporaneamente, ma dati i dosaggi bassi di questo settore, è plausibile. Dicevo che questi sono i dosaggi, i cicli, i farmaci più diffusi per i dopings più "intelligenti" (e le virgolette sono d'obbligo, dato che la vera intelligenza è non drogarsi), i quali non interferiscono con l'asse HPTA in maniera significativa e tale da dover intervenire con altri farmaci. Sempre, ovviamente, che il prodotto usato non sia un contraffatto e non contenga un altro principio attivo, più economico, ma più dannoso (es.: testosterone). Non è molto poetico tutto questo, non è vero?


« 1 2 3 4 5 6 »
BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE:
- Anabolic Reference Guide di Bill Philips – Sandro Ciccarelli editore
- Author L. Rea: CHEMICAL MUSCLE ENHANCEMENT - Ciccarelli Editore
- Author L. Rea: COSTRUIRE LA BESTIA PERFETTA – Ciccarelli Editore
- Dr. Di Pasquale: DOPING – USO E RILEVAMENTO – Ciccarelli Editore
- Dr. Di Pasquale: Problema doping – Ciccarelli Editore

Tali indicazioni hanno esclusivamente scopo informativo e NON intendono in alcun modo sostituirsi al parere di un medico o favorire l'utilizzo di steroidi anabolizzanti, né tanto meno promuovere specifici prodotti commerciali, eventualmente indicati a puro scopo informativo. Il ricorso agli steroidi anabolizzanti al di fuori dell'ambito medico è una pratica pericolosa ed aberrante dalla quale ci discostiamo CONDANNANDOLA E SCORAGGIANDOLA nella maniera più assoluta. Si veda a tal proposito la lista degli effetti collaterali generici relativi agli steroidi anabolizzanti o quanto pubblicato in calce all'articolo.
L'eventuale posologia e le modalità di utilizzo indicate per quanto concerne l'uso in ambito sportivo od estetico, NON hanno valenza di consiglio specifico; intendono bensì fornire un'informazione di carattere generale in linea con quanto diffuso dalle pubblicazioni scientifiche in materia (vedi bibliografia od altri testi sul doping), per limitare fenomeni di abuso, fermo restando che non esiste una posologia od una combinazione di farmaci sicura e priva di effetti collaterali. Per queste ragioni l'autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti dall'utilizzo di tali informazioni.


BIBLIOGRAFIA PRINCIPALE (con all'interno riferimenti bibliografici a pubblicazioni mediche internazionali): William Llewellyn's ANABOLICS 2007


Alcuni dei più comuni effetti collaterali a cui potresti andare incontro utilizzando Steroidi Anabolizzanti...

Acne da Steroidi
Caso clinico: acne severa conglobata indotta da steroidi anabolizzanti androgeni.

A) Il paziente al tempo della sua immagine corporea ideale; il 21enne bodybuilder ha avuto una storia di abuso di steroidi anabolizzanti androgeni.B) Acne conglobata severa; le lesioni includono papule, pustole, ascessi e ulcerazioni profonde. C) Paziente dopo sei settimane di terapia antibiotica antisettica (si notino gli esiti cicatriziali permanenti). Fonte: Lancet


Ginecomastia da AnabolizzantiLa ginecomastia, termine medico indicante l'abnorme crescita di tessuto mammario nell'uomo (immagine a lato), è un altro effetto collaterale macroscopico degli steroidi anabolizzanti. Se non affrontata tempestivamente con una terapia farmacologica opportuna, tale condizione risulta pressoché irreversibile; l'unica valida soluzione è rappresentata da un intervento chirurgico specifico.

Nei soggetti geneticamente predisposti, l'alopecia androgenetica ("caduta dei capelli) e l'eccessiva crescita della peluria corporea rappresentano ulteriori effetti macroscopici indesiderati di queste sostanze.

Tra gli altri effetti collaterali degli steroidi anabolizzanti, si ricordano: ipertensione, infertilità temporanea negli uomini, atrofia (rimpicciolimento) dei testicoli, ipertricosi e virilismo (nella donna, crescita dei peli e dei caratteri sessuali maschili), alterazioni mestruali, gravi anomalie dello sviluppo fetale (se assunti durante la gravidanza), blocco della crescita (se assunti durante l'adolescenza), disfunzioni epatiche, aumento del rischio cardiovascolare, aumento dell'aggressività e degli sfoghi di rabbia fino a veri propri quadri di psicosi e dipendenza fisica in caso di utilizzo prolungato (pensieri ed atteggiamenti omicidi durante l'assunzione, pensieri ed atteggiamenti suicidiari durante l'astinenza). La dipendenza psico-fisica nei confronti di tali sostanze fa sì che, anche iniziando un ciclo di assunzione a bassi dosaggi per limitare possibili effetti collaterali, l'utilizzatore - per quanto informato e "coscienzioso" - potrebbe cadere in un circolo vizioso per cui, al crescere delle dosi e dei tempi di assunzione, gli effetti collaterali diverrebbero sempre più gravi ed evidenti fino a sfociare nei casi limite, per questo solo apparentemente "esagerati", evidenziati nelle foto.



ARTICOLI CORRELATI

Steroidi: quando non funzionanoTestosterone e steroidi anabolizzantiAssociazioni di steroidi anabolizzanti per Aumento di volume, densità muscolare e definizioneSteroidi Anabolizzanti: Effetti collateraliSteroidi inefficaci: genetica sfavorevole, allenamento inadeguato, farmaci inadeguatiSteroidi: quando non funzionano, Sintesi e ConsiderazioniEsempi di cicli con steroidi anabolizzanti per fotomodelli e fotomodelleEsempio ciclo di steroidi per fotomodelleEsempio Ciclo di steroidi per fotomodelliEsempio Schema di Steroidi per fotomodelliGli steroidi del natural body building: mesocicli di forzaHeavy Duty e Steroidi AnabolizzantiRecupero dopo un ciclo di steroidi anabolizzantiSteroidi anabolizzantiSteroidi anabolizzanti e MortalitàSteroidi anabolizzanti per fotomodelli: alcune precauzioniSteroidi contraffatti, Dosi insufficienti, Alimentazione inadeguataSteroidi su Wikipedia italianoAnabolic steroid su Wikipedia ingleseTestosteroneAlopecia androgeneticaAromatasiTestosterone e dopingVaricocele, Deficit di Testsosterone, SessualitàProduzione di Testosterone nei Testicoli - Cellule di LeydigIntrinsa - testosterone5-alfa reduttasi e diidrotestosteroneAlcol e testosteroneAndriol - Foglietto IllustrativoANDRIOL ® - Testosterone undecanoatoAndriol ® Testosterone undecanoatoANDRODERM ® - TestosteroneAndrogelANDROGEL ® - TestosteroneAndrostenedioneCalcolo e conversione Testosterone totale / liberoMetiltestosteroneNEBID ® è un farmaco a base di testosterone undecanoatoSTRIANT ® - TestosteroneSustanon - Foglietto IllustrativoSUSTANON ® - Testosterone propionatoSustanon ® TestosteroneTESTO-ENANT ® - Testosterone enantatoTESTOGEL ® - TestosteroneTestosterone Alto e Rischio di Cancro alla ProstataTestosterone cipionatoTestosterone e problemi di saluteTestosterone ed allenamentoTestosterone enantatoTestovironTestoviron - Foglietto IllustrativoTESTOVIRON DEPOT ® - Testosterone enantatoTestosterone su Wikipedia italianoTestosterone su Wikipedia inglese