Arimidex ® Anastrozolo: cancro al seno ed anabolizzanti

Prima di leggere l'articolo sul - Arimidex - Doping - accertati di essere a conoscenza degli effetti collaterali e delle ripercussioni legali derivanti dall'utilizzo degli steroidi anabolizzanti (regolamentate dalla legge in materia antidoping 14 dicembre 2000, n. 376 e successivi aggiornamenti, e dalla legge in materia di disciplina degli stupefacenti D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 e successivi aggiornamenti)


Trattamento del carcinoma mammario

L'Arimidex ®, nome generico Anastrozolo, è un farmaco utilizzato nel trattamento del cancro al seno.

Il suo meccanismo d'azione è abbastanza semplice: una volta ingerito, inibisce l'attività dell'enzima aromatasi, deputato alla conversione dell'androstenedione surrenalico in estrone. Dal momento che un alto livello di quest'ultimo ormone, appartenente alla famiglia degli estrogeni, contribuisce alla proliferazione delle cellule tumorali, l'Arimidex risulta utile nel trattamento delle pazienti affette da carcinoma mammario in stadio avanzato o recidivante. Nell'ottobre 2005 l'FDA ne ha approvato l'utilizzo anche in caso di carcinoma mammario in stadio iniziale, purché positivo ai recettori degli estrogeni.

Dietro prescrizione dell'oncologo, questo farmaco viene in genere utilizzato solo dalle donne che hanno superato la menopausa, dal momento che dopo questa età gli estrogeni sono sintetizzati principalmente dall'aromatasi (in età fertile, invece, prevale la secrezione ovarica, che avviene sotto stimolo dell'ormone luteinizzante LH).

A differenza del Nolvadex ®, un altro farmaco con finalità simili che blocca l'interazione estrogeni-recettore, l'Arimidex affronta il problema alla radice, bloccando direttamente la sintesi di questi ormoni a livello del tessuto adiposo e mammario.

Gli effetti collaterali sono vari ed includono assottigliamento dei capelli, secchezza vaginale, stanchezza e vampate di calore.

Ulteriori informazioni sull'utilizzo dell'Arimidex per il trattamento del cancro al seno in questo articolo.

Utilizzo in associazione a steroidi anabolizzanti nella pratica sportiva

L'Arimidex è un farmaco molto conosciuto e diffuso anche nel settore sportivo. Si utilizza soprattutto in associazione agli steroidi anabolizzanti, con lo scopo di limitare alcuni loro effetti collaterali e massimizzare il guadagno di forza ed ipertrofia.

L'eccesso di testosterone, conseguente alla somministrazione esogena dell'ormone o dei suoi derivati, viene in parte neutralizzato tramite l'enzima aromatasi, che - concentrato soprattutto a livello del tessuto adiposo - ne trasforma una certa quota in estrogeni.

L'Arimidex, bloccando l'aromatasi, previene la lunga lista di effetti collaterali associata all'iperproduzione di estrogeni: ritenzione idrica, accumulo di adipe, ginecomastia e feed-back negativo sulla secrezione di LH da parte dell'ipofisi anteriore.

L'Arimidex è molto utile nelle discipline sportive in cui l'aumento di peso (ritenzione idrica più adipe) è un fattore limitante per la prestazione sportiva od estetica (vedi bodybuilding). Se invece l'unico scopo è di aumentare la forza e la massa muscolare, l'anastrozolo può essere tenuto nel cassetto, dal momento che anche gli estrogeni contribuiscono in maniera importante alla crescita dei muscoli scheletrici. Non a caso, le proprietà anaboliche degli steroidi aromatizzabili (convertibili in estrogeni) sono nettamente superiori rispetto a quelle degli anabolizzanti con bassa attività estrogenica.

L'Arimidex viene tipicamente utilizzato in associazione a steroidi anabolizzanti dalla potente attività androgenica, come il Dianabol o il testosterone, insieme ad un inibitore dell'enzima 5-alfa-reduttasi (Finasteride o Dutasteride), utile per limitare gli effetti indesiderati associati all'iperproduzione di DHT (caduta dei capelli, acne, cute oleosa, ipertrofia prostatica e simili).

Nello sport, l'Arimidex viene assunto a dosaggi simili a quelli proposti nella lotta contro il cancro al seno: una capsula da 1mg al giorno, a volte anche mezza, è in genere sufficiente.

Non mancano, ovviamente, gli effetti collaterali. Oltre al vistoso calo di volume del portafoglio (l'Arimidex è un farmaco molto costoso), l'associazione con steroidi anabolizzanti potenzia la riduzione dei livelli plasmatici di colesterolo buono HDL indotta da questi ultimi. Sotto questo aspetto, altri farmaci anti-estrogenici, quali il Nolvadex ® ed il Clomid ® sono da preferire, in quanto esenti da simili effetti collaterali (il Nolvadex, interagendo con i recettori epatici degli estrogeni, promuove un rialzo delle HDL).


Tali indicazioni hanno esclusivamente scopo informativo e NON intendono in alcun modo sostituirsi al parere di un medico o favorire l'utilizzo di steroidi anabolizzanti, né tanto meno promuovere specifici prodotti commerciali, eventualmente indicati a puro scopo informativo. Il ricorso agli steroidi anabolizzanti al di fuori dell'ambito medico è una pratica pericolosa ed aberrante dalla quale ci discostiamo CONDANNANDOLA E SCORAGGIANDOLA nella maniera più assoluta. Si veda a tal proposito la lista degli effetti collaterali generici relativi agli steroidi anabolizzanti o quanto pubblicato in calce all'articolo.
L'eventuale posologia e le modalità di utilizzo indicate per quanto concerne l'uso in ambito sportivo od estetico, NON hanno valenza di consiglio specifico; intendono bensì fornire un'informazione di carattere generale in linea con quanto diffuso dalle pubblicazioni scientifiche in materia (vedi bibliografia od altri testi sul doping), per limitare fenomeni di abuso, fermo restando che non esiste una posologia od una combinazione di farmaci sicura e priva di effetti collaterali. Per queste ragioni l'autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti dall'utilizzo di tali informazioni.


BIBLIOGRAFIA PRINCIPALE (con all'interno riferimenti bibliografici a pubblicazioni mediche internazionali): William Llewellyn's ANABOLICS 2007


Alcuni dei più comuni effetti collaterali a cui potresti andare incontro utilizzando Steroidi Anabolizzanti...

Acne da Steroidi
Caso clinico: acne severa conglobata indotta da steroidi anabolizzanti androgeni.

A) Il paziente al tempo della sua immagine corporea ideale; il 21enne bodybuilder ha avuto una storia di abuso di steroidi anabolizzanti androgeni.B) Acne conglobata severa; le lesioni includono papule, pustole, ascessi e ulcerazioni profonde. C) Paziente dopo sei settimane di terapia antibiotica antisettica (si notino gli esiti cicatriziali permanenti). Fonte: Lancet


Ginecomastia da AnabolizzantiLa ginecomastia, termine medico indicante l'abnorme crescita di tessuto mammario nell'uomo (immagine a lato), è un altro effetto collaterale macroscopico degli steroidi anabolizzanti. Se non affrontata tempestivamente con una terapia farmacologica opportuna, tale condizione risulta pressoché irreversibile; l'unica valida soluzione è rappresentata da un intervento chirurgico specifico.

Nei soggetti geneticamente predisposti, l'alopecia androgenetica ("caduta dei capelli) e l'eccessiva crescita della peluria corporea rappresentano ulteriori effetti macroscopici indesiderati di queste sostanze.

Tra gli altri effetti collaterali degli steroidi anabolizzanti, si ricordano: ipertensione, infertilità temporanea negli uomini, atrofia (rimpicciolimento) dei testicoli, ipertricosi e virilismo (nella donna, crescita dei peli e dei caratteri sessuali maschili), alterazioni mestruali, gravi anomalie dello sviluppo fetale (se assunti durante la gravidanza), blocco della crescita (se assunti durante l'adolescenza), disfunzioni epatiche, aumento del rischio cardiovascolare, aumento dell'aggressività e degli sfoghi di rabbia fino a veri propri quadri di psicosi e dipendenza fisica in caso di utilizzo prolungato (pensieri ed atteggiamenti omicidi durante l'assunzione, pensieri ed atteggiamenti suicidiari durante l'astinenza). La dipendenza psico-fisica nei confronti di tali sostanze fa sì che, anche iniziando un ciclo di assunzione a bassi dosaggi per limitare possibili effetti collaterali, l'utilizzatore - per quanto informato e "coscienzioso" - potrebbe cadere in un circolo vizioso per cui, al crescere delle dosi e dei tempi di assunzione, gli effetti collaterali diverrebbero sempre più gravi ed evidenti fino a sfociare nei casi limite, per questo solo apparentemente "esagerati", evidenziati nelle foto.



ARTICOLI CORRELATI

Arimidex - Foglietto IllustrativoArimidex ® - AnastrozoloAromatasiAnastrozoloI Farmaci Antiestrogeni Meno NotiTamoxifeneLetrozoloAromasin - Foglietto IllustrativoAromasin ® - ExemestaneBromocriptina dorom - Bromocriptina mesilatoClomid - Foglietto IllustrativoCLOMID ® - Clomifene citratoEvista ® - Raloxifene cloridratoFareston ® - ToremifeneFaslodex ® - FulvestrantFemara - Foglietto IllustrativoFemara ® - LetrozoloI Farmaci Antiestrogeni Meno Noti - Utilizzo nel DopingLentaron ® - FormestanoNolvadex - Foglietto IllustrativoNolvadex o Clomid? Clomifene o Tamoxifene?Nolvadex o Clomid? Seconda parteNOLVADEX ® - TamoxifeneSEROFENE ® - Clomifene citratoTeslac ® - TestolattoneFareston - toremifeneFaslodex - fulvestrantAntiestrogen su Wikipedia ingleseValori di testosteroneAromatasi su Wikipedia italianoAromatase su Wikipedia ingleseTumore al senoFarmaci per la cura del Cancro al SenoAgoaspirato del SenoAutopalpazione del SenoBiopsia al SenoCancro al seno: conosci i sintomi e le regole di prevenzione?Fibroadenoma al SenoLinfonodo sentinellaMalattia di Paget del Capezzolo - Farmaci e CuraMastectomiaNoduli al SenoVisita Senologica - Visita al SenoCA 15-3: antigene tumorale 15-3Cancro al seno: tra falsi miti e veritàHalaven - EribulinaAbraxane - Foglietto IllustrativoEnantone - Foglietto IllustrativoHerceptin - Foglietto IllustrativoMalattia di Paget del capezzoloNoduli al seno - Cause e SintomiSintomi Cancro al senoSintomi Malattia di Paget del capezzoloTumore al seno su Wikipedia italianoBreast cancer su Wikipedia inglese

Vedi anche: Dianabol Metandrostenolone steroidi anabolizzanti

Winstrol ® Stanazolo Stanozololo

Anavar ® Oxandrolone