Fareston ® - Toremifene

A cura di Ivan Mercolini


Il Fareston è un modulatore selettivo del recettore di estrogeno (SERM) come Nolvadex e Clomid, anche se questi ultimi sono più popolari. Viene comunemente utilizzato per il trattamento ormonale di prima linea del carcinoma mammario metastatico ormone-dipendente, in pazienti in post-menopausa, alla dose di 60mg/die per lunghi periodi.

Fareston - Toremifene Formula di struttura del Toremifene, principio attivo di Fareston

Deve questa applicazione alla sua proprietà di avere effetti estrogeno-antagonisti su certi tessuti, come il seno. Questo farmaco provoca l'inibizione della crescita delle cellule del cancro al seno estrogeno-sensibili, inducendo alcune cellule a morire e inibendo altre cellule ad entrare in mitosi.
E' quindi utilizzabile anche nella terapia maschile per evitare lo sviluppo della ginecomastia nei soggetti aventi alti livelli di estrogeno in circolo per ragioni patologiche o indotte da farmaci (i valori di estradiolo considerati normali nell'uomo sono compresi tra 10 e 45 pg/mL). Nel maschio il Fareston trova anche altre applicazioni. Infatti il Toremifene ha effetto estrogeno-antagonista sull'ipotalamo e la ghiandola pituitaria, aumentando la secrezione di LH. Ciò significa maggior produzione di testosterone da parte dei testicoli. Anche se non vi sono numerosi studi a riguardo, il Fareston trova applicazione anche in andrologia/urologia per aumentare in maniera significativa la produzione endogena di testosterone nell'uomo, come fa il Nolvadex; rispetto a quest'ultimo, Fareston vanta un rapporto androgenità/estrogenità 5 volte superiore.

Nel campo andrologico, Fareston risulta essere meglio di Nolvadex anche per altri motivi:

  1. Il rischio di effetti collaterali (anche se già bassi con Nolvadex) è inferiore rispetto al tamoxifene. Perciò la possibilità di ictus, embolia polmonare, cataratta è inferiore. Questa minore espressione di effetti collaterali è importante per quelle persone che hanno problemi di visione di "mosche volanti" con Nolvadex e Clomid, in quanto Fareston ha una minore tossicità oculare.
  2. Fareston ha migliori effetti rispetto a Nolvadex sui profili del colesterolo
  3. Fareston è sovrapponibile a Nolvadex per quel che concerne gli effetti sulla densità ossea.
  4. Fareston riduce i livelli di prolattina.

Pur essendo meno noto, Fareston si rivela una soluzione migliore rispetto al Nolvadex, nell'azione di controllo degli estrogeni nell'uomo, con minor espressione di effetti collaterali (anche se già moderati nel Nolvadex). Lo consideri bene la comunità medica.
Considerando inoltre la capacità di elevare l'LH superiore al Nolvadex, Fareston scalzerà presto il Nolvadex in qs. campo. Va però detto che mentre il secondo è utilizzato e studiato da molto tempo, Fareston è sotto osservazione scientifica da poco tempo e sarà bene attendere ulteriori studi prima di confermare con certezza la sua superiorità. Infatti, ad esempio, sembra elevare i livelli di SHBG (globulina legante gli ormoni sessuali), riducendo di riflesso i livelli di testosterone libero in circolo.
Il suo uso nel campo maschile per il controllo degli estrogeni è di 30/60 mg/die per un periodo di 2/4 settimane o su diversa prescrizione medica.


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 »




Ultima modifica dell'articolo: 11/02/2016