Triade dell'atleta

A cura della Dottoressa Giovanna Taranto


RAGGIUNGIMENTO DEL PICCO DI MASSA OSSEA (BMD)

 

Il picco di massa ossea che la donna raggiunge durante l'arco della vita si ha al termine della pubertà fino ai 30 anni, dopo inizia a diminuire fino all'inizio della menopausa, momento in cui il calo aumenta in modo esponenziale fino ai 60 anni circa, per poi riprendere una lenta ma costante discesa.
Più alto è il picco di BMD maggiore sarà il tempo necessario, con l'instaurarsi della menopausa, per entrare a far parte della fascia ad elevato rischio fratture. Quindi è importante che durante l'infanzia e la pubertà la giovane donna mantenga delle condizioni di salute, alimentazione ecc. tali da raggiungere il maggior picco di densità ossea possibile, anche in relazione alla determinante genetica.
Nelle giovani atlete impegnate in sport di alto livello, che richiedono un grosso impegno sia fisico che psicologico per raggiungere i risultati sperati, è facile che l'età del menarca si sposti in avanti, e un menarca ritardato può avere effetti negativi sulla densità ossea, pregiudicando il raggiungimento del picco di massa ossea. Se inoltre si aggiungono disequilibri dell'asse riproduttivo protratti nel tempo, la densità ossea diminuisce fino a valori patologici e di forte rischio di fratture da stress.
Un inadeguato turn-over del tessuto osseo, regolato anche dagli Estrogeni, porta a diminuzione della densità ossea (BMD: Bone Mineral Density)  e, di conseguenza, a disturbi quali Osteopenia (Diminuzione della densità ossea rispetto alla norma con un T-score da -1DS a -2,5 DS)* e Osteporosi   (diminuzione della densità ossea più grave con un T-score > -2,5 DS).

 

triade

 

Fig. 3: nell'immagine si nota una diminuzione delle trabecole del tessuto osseo tra un soggetto normale ed uno con diminuita BMD**


*T-Score: indice di densità ossea della donna esaminata rispetto a quella media di una popolazione di riferimento in età giovanile e non affetta da patologie.
DS= deviazione standard

** Bone Mineral Density: densità ossea

 

COME SI PUO' INTERVENIRE?

 

Riconoscere i segni e i sintomi il più precocemente possibile è la chiave per limitare al minimo i danni.
Fondamentale il ruolo delle persone più vicine all'atleta nell'individuare i primi sintomi e intervenire con un sostegno psicologico, magari su consiglio del medico di famiglia.
In caso di disturbi più avanzati l'ACSM (American College Of Sport Medicine) consiglia l'aumento dell'introito calorico e la diminuzione della spesa energetica sotto la supervisione di un nutrizionista coadiuvato dal supporto psicoterapeutico.
Nei casi più gravi vengono utilizzati anche farmaci antidepressivi, sempre sotto stretto controllo medico.
Rimane fondamentale la prevenzione sia da parte dell'insegnante/allenatore, sia da parte della famiglia per  evitare uno stress tanto grave da causare i problemi correlati alla Triade.

 

BIBLIOGRAFIA

Mary Jane De Souza e Nancy I. Williams - Uman Reproduction Update, vol. 10, N° 5, 1 luglio 2004 - Phisiological aspects and clinical sequelae of energy deficiency and hypoestrogenism in exercising women.

American College o f Sport Medicine - Medicine & Science in Sport & Exercise 2007 - Position Stand: The Female Athlete Triad

Tarannum Master-Hunter e Diana L. Heiman - Amenorrea: Evaluation and Treatment - American Family Physician, vol. 73, N° 8, 15 aprile 2006.

Roberta Trattner Sherman e Ron A. Thompson - Practical Use of the International Olympic Committee Medical Commission Position Stand on the Female Athlete Triad: A Case Example - I. J. Eating Disorders vol. 39, N° 3, 2006.

Linnea R. Goodman e Michelle P. Warren - The Female Athlete and mestrual function - Current opinion in Obstetric and Gynecology 2005, vol. 17

G. Pescetto, L. De Cecco e D. Pecorari - Manuale di clinica ostetrica e ginecologica.

Ferdinando Valentini - A.M.P. Seminari 1997-1998 - La risposta neuroendocrina allo stress.

Andrea Gallinelli, Maria Lucia Matteo, Annibale Volpe e Fabio Facchinetti - Autonomic and neuroendocrine responses to stress in patients with functional hypotalamic secondary amenorrhea - Fertility and Sterility vol. 73, N° 4, aprile 2000
Yoshihito Kondoh, Tsuguo Uemura, Marico Murase, Natsuko Yokoi, Masahiko Ishikawa e Fumiki Hirahara - A longitudinal study of disturbances of the hypotalamic.pituitary-adrenal axis in women with progestin negative functional hypotalamic amenorrea - Fertility and Sterility vol. 76, N° 4, ottobre 2001.

S. N. Kalantaridou, A. Makrigiannakis, E. Zuomakis, G. P. Chrousos - Stress and female reproductie system -  J. Of Reprodutive Immunology vol. 62, 2004.

Michel Ferin - Stress and the reproductive Cycle - J. of Clinical Endocrinology & Metabolism 1999.

Sriareporn Punpilai, Tiansawad Sujitra, Tonmukayakul Ouyporn, Vutyavanich Teraporn e Boonyaprapa Sombut - Mestrual status and bone mineral density among female athletes - Nursing and Health Sciences vol. 7, 2005.

Michael Fredericson e Kyla Kent - Normalization of bone density in a previously amenorreic runner with osteoporosis - Medicine and science in sport and exercise 2005, Amenrican college of Sport Medicine.

Karen K. Miller and Anne Klibanski - Amenorrheic bone loss - J. of Clinical Endocrinology & Metabolism 1999.

Anne Z. Hoch, Rania L. Dempsey, Guillermo F. Carrera, Charles R. Wilson, Ellen Chen, Vanessa M. Barnabei, Paul R. Sandford, Tracey A. Ryan and David D. Gutterman - Is there an association between athletic amenorrhea and endotelial cell dysfunction? - Medicine and science in Sport and Exercise 2003 - American College of Sport Medicine.

Di Pietro, Loretta, Stachenfeld, Nina S. - The female athlete triad -  William And Wilkins, vol.29, dicembre 1997.

 Julee Waldrop, MS, RN, FNP. PNP - Early identification and interventions for female Athlet Triad - J. Pediatric Health Care.

« 1 2 3


ARTICOLI CORRELATI