Sintomi tumori del pancreas

Decorso ed aspettative di vita

Sovente, la prognosi è negativa, anche in relazione al fatto che la diagnosi è spesso fatta tardivamente: infatti, al momento del riscontro della neoplasia, questa è circoscritta al pancreas soltanto nel 15% circa dei casi, mentre nel 25% dei pazienti ha già avuto una diffusione ai linfonodi regionali e nel 60% dei casi sono già presenti metastasi a distanza.

Terapia

Per approfondire: Farmaci per la cura del Tumore al Pancreas


I tumori maligni del pancreas esocrino rappresentano circa il 95% dei tumori pancreatici; si tratta di una delle neoplasie maligne con un costante incremento d'incidenza negli ultimi decenni, legato non soltanto all'invecchiamento della popolazione ma anche, verosimilmente, a fattori dietetici ed ambientali non ancora pienamente identificati. Purtroppo la mortalità di pazienti affetti da tumore del pancreas è praticamente uguale all'incidenza, con una prognosi infausta in quasi tutti i pazienti, se si eccettuano i casi infrequenti di tumori operati radicalmente in stadio iniziale, per i quali la sopravvivenza dopo 5 anni è intorno al 25-30%. Per gli altri pazienti operabili, la sopravvivenza a 5 anni non supera il 15%; la sopravvivenza media del carcinoma del pancreas che ha già dato metastasi è di circa 5 mesi.
La chirurgia richiede un'accurata valutazione preliminare per una stima corretta dell'estensione della neoplasia. La rimozione di porzioni di pancreas (pancreasectomia) da parte del chirurgo è un intervento complesso, con molte complicanze durante l'operazione, per cui è necessaria la presenza di équipes multidisciplinari (chirurghi, anestesisti, internisti con specializzazione in gastroenterologia ed endocrinologia, radiologi, nutrizionisti, infettivologi) con adeguata esperienza (almeno 2-3 pancreasectomie al mese) per ottenere i risultati migliori. Il trattamento radio e chemioterapico dopo l'operazione ha spesso risultati inconsistenti, fondamentalmente attribuibili alla mancanza di farmaci realmente efficaci e alla difficoltà nel somministrare dosi adeguate di chemioterapia e/o radioterapia in pazienti generalmente debilitati dalla malattia e dall'intervento chirurgico.
Esistono diverse esperienze di chemioterapia o chemio e radioterapia combinate nei tumori al pancreas localmente avanzati, con risultati interessanti ma non definitivi, spesso causa di una tossicità elevata.


« 1 2 3 4 5 »