Test di Ovulazione

Generalità

Il test dell'ovulazione è uno strumento molto utile per individuare i giorni del ciclo mestruale fertili, quindi più adatti per intraprendere una gravidanza.
test di ovulazioneIl metodo dev'essere ripetuto per alcuni giorni, considerando la data in cui è più probabile che avvenga l'ovulazione. Quando si riscontra un esito positivo, significa che l'ormone luteinizzante (LH) ha raggiunto un'elevata concentrazione, quindi la fase ovulatoria del ciclo mestruale è imminente e ci si trova nel momento più fertile.

Se si desidera rimanere incinta, quindi, è possibile avere rapporti non protetti a partire dal giorno stesso in cui il test di ovulazione risulta positivo.
L'esecuzione è simile a quella del test di gravidanza: si tratta di uno stick che si pone sotto il flusso di urina per pochi secondi; successivamente, si richiude con il cappuccio e si attende il responso nei minuti successivi.


Punti chiave su ciclo mestruale ed ovulazione

  • Dalla pubertà alla menopausa, ogni mese, il corpo femminile si prepara a un'eventuale gravidanza. Se questa non avviene, compare una nuova mestruazione.
  • Il ciclo mestruale ha una durata variabile tra i 21 e i 35 giorni (mediamente è di 28 giorni).
  • Dal secondo giorno dall'inizio delle mestruazioni, comincia la cosiddetta fase follicolare: i follicoli che portano a maturazione la cellula uovo si attivano nuovamente, sia per far maturare l'ovocita, sia per provvedere alla sintesi degli ormoni (estrogeni e progesterone) necessari per ricostituire l'endometrio.
  • Intorno al 14° giorno si verifica, invece, l'ovulazione, momento in cui può avvenire la fecondazione. Dopo il rilascio della cellula uovo matura, il follicolo si trasforma nel corpo luteo, che produce progesterone, per predisporre la parete interna dell'utero (endometrio) all'eventuale impianto, nel caso si verificasse il concepimento (fase luteale).

Test di ovulazione: a cosa serve

Il test dell'ovulazione individua la presenza dell'ormone luteinizzante (LH) nell'urina, la cui secrezione aumenta all'improvviso e rapidamente circa 24-36 ore prima della fase ovulatoria.
In tal modo, questo dispositivo aiuta a prevedere il momento in cui potrebbe avvenire il rilascio della cellula uovo matura e consente di stabilire il periodo del ciclo mestruale in cui è più probabile il concepimento.

  • In ogni ciclo mestruale, infatti, sono solo pochi i giorni in cui la donna è fertile, e non sempre è facile individuarli con esattezza.

Il test è utile, in particolare, per predire e dimostrare il verificarsi dell'ovulazione, dunque può servire per concentrare i rapporti sessuali nei giorni più fertili, nel caso si desideri intraprendere una gravidanza (pochi giorni prima dell'ovulazione o nelle 48 ore successive).
In generale, quindi, il test dell'ovulazione è indicato per tutte le coppie che desiderano massimizzare le possibilità di concepire un bambino.


Giorni fertili: quando si può verificare il concepimento?

Il periodo in cui è possibile che l'uovo venga fecondato inizia 4-5 giorni prima dell'ovulazione e termina 1-2 giorni dopo.

Ciò è possibile in considerazione del fatto che la cellula uovo matura, quando viene espulsa dall'ovaia, riesce a sopravvivere per circa 24 ore, mentre gli spermatozoi possono rimanere vitali nell'apparato genitale femminile fino a 72-96 ore. Pertanto, un rapporto sessuale avvenuto anche 3 o 4 giorni prima dell'ovulazione può portare alla fecondazione.

Come funziona

Il test dell'ovulazione si basa sul riscontro, nelle urine della donna, dei cambiamenti dei livelli dell'ormone luteinizzante (LH), prodotto dall'adenoipofisi e fondamentale per la fertilità. Questo ormone viene secreto durante tutto il ciclo mestruale, ma aumenta 24-36 ore prima della fase ovulatoria, per indurre la maturazione finale della cellula uovo femminile. Il test rileva, quindi, da un'analisi dell'urina della donna, la variazione ormonale che annuncia l'inizio dell'ovulazione.
In particolare, l'incremento dell'LH innesca la produzione di determinati enzimi a livello delle ovaie, che a loro volta provocano la rottura del follicolo dominante e il rilascio della cellula uovo matura, pronta a essere eventualmente fecondata dagli spermatozoi maschili in caso di rapporto sessuale non protetto.  Un esito positivo del test indica, quindi, il verificarsi di un picco ovulatorio entro 24-48 ore.

  • L'ideale è ripetere le misurazioni sempre alla stessa ora, possibilmente al mattino appena sveglie, o comunque dopo almeno 3-4 ore dall'ultima minzione. Nelle ore precedenti è importante bere poco, per non falsare la lettura. Secondo le ditte produttrici, l'affidabilità di questi test è approssimativamente pari al 90%.

Oltre ad aiutare a capire quando si verifica il picco dell'ormone luteinizzante (LH), alcuni test misurano anche i livelli di estrogeni, in particolare di estradiolo, ormoni che favoriscono il concepimento. Anche in questo caso, le probabilità di rimanere incinta incrementano all'aumentare della loro concentrazione nelle urine.

Tipologie

I test dell'ovulazione sono disponibili principalmente in due varianti:

  • Stick digitali: facilitano la lettura, in quanto è sufficiente interpretare il risultato positivo o negativo in corrispondenza della finestrella per l'ormone luteinizzante (o per l'LH e gli estrogeni), per capire se si è o meno nel periodo fertile. Tuttavia, sono abbastanza costosi (il prezzo può arrivare fino a 7 euro per singolo test).
  • Stick per il computer/monitor di fertilità: identificano la finestra fertile e costano meno della metà dei precedenti (sono disponibili in farmacia sotto forma di ricariche per il dispositivo vero e proprio). Il risultato è positivo o negativo: nel primo caso, le donne che desiderano avere un bambino dovrebbero avere rapporti sessuali entro 24-48 ore, mentre quelle che non sono alla ricerca di una gravidanza dovrebbero astenersi o usare il preservativo.

Modalità d'uso

La maggior parte dei test di ovulazione contiene da cinque a sette strisce o tamponcini, in formato monouso, in grado di rilevare la presenza dell'ormone luteinizzante (LH) nelle urine.
Per massimizzare le possibilità di concepimento, è necessario effettuare il test da due a quattro giorni prima della supposta data di ovulazione, che varia in base alla durata del ciclo.
Per eseguire il test, la punta assorbente del dispositivo va posizionata verso il basso, esponendola al flusso di urina per 5-7 secondi. In alternativa, è possibile raccogliere un campione di urina in un contenitore pulito ed asciutto, quindi immergervi la punta assorbente del test per 15 secondi. Entro 3-10 minuti, la finestrella o il display digitale del dispositivo mostrerà il risultato. Se il test dell'ovulazione è negativo significa che i livelli di LH (ed eventualmente di estradiolo) sono ancora bassi; in caso contrario, vuol dire che si è nella fase fertile.
Da quando un test risulta positivo e se si desidera un bambino, è possibile iniziare ad avere rapporti sessuali non protetti, in modo da ottimizzare le probabilità di rimanere incinta.

Quando eseguire il test di ovulazione

  • I test dell'ovulazione devono essere utilizzati quotidianamente da due a quattro giorni prima della presunta data di ovulazione. Prima di cominciare, quindi, è fondamentale conoscere la durata abituale del proprio ciclo mestruale, al fine di eseguire il test nel momento opportuno per la rilevazione del picco di ormone luteinizzante (LH).
  • La durata del proprio ciclo mestruale si calcola contando dal giorno in cui hanno inizio le mestruazioni (giorno 1) fino al giorno prima dell'inizio del flusso mestruale successivo; il numero calcolato corrisponde alla durata complessiva del proprio ciclo.
  • Se la durata del proprio ciclo mestruale non è ancora nota, è opportuno attendere di avere almeno un ciclo, prima di iniziare ad utilizzare i test dell'ovulazione.
  • In un ciclo regolare di 28 giorni, di solito, il giorno di massima fertilità corrisponde al quattordicesimo. Per averne la certezza, si può ricorrere già a partire dall'undicesimo giorno al test di ovulazione, che andrà ripetuto fino a quando il risultato non sarà positivo. Tuttavia, occorre sapere che non tutte le donne hanno un ciclo regolare: in molti casi, la prima parte del ciclo dura di più o di meno, per cui diventa difficile capire quando si sta attraversando la fase fertile. Per questo motivo, chi ha in ciclo irregolare dovrà utilizzare gli stick per un intervallo di tempo più ampio.
  • I test di ovulazione devono essere effettuati per una media di tre giorni. Se al mattino la prova risulta positiva si può calcolare che l'ovulazione avverrà nel corso della giornata o entro la giornata successiva. Quando viene rilevato il picco di ormone luteinizzante, pertanto è possibile interrompere l'esecuzione della prova.

Nota. Molteplici sintomi e segni possono segnalare il verificarsi dell'ovulazione: aumento della temperatura basale (0,3–0,5° C) dovuto all'incremento di progesterone, crampi all'addome, accrescimento del desiderio sessuale, cambiamento nella consistenza del seno, che diventa più morbido, e abbondanza delle secrezioni vaginali, più viscose rispetto alla norma.

Consigli per l'uso

  • Per evitare errori nell'esecuzione del test dell'ovulazione, è sempre indicato leggere e seguire le istruzioni del produttore riportate nel foglietto illustrativo e sulla confezione.
  • Per avere risultati più affidabili, l'esecuzione del test è indicata tutti i giorni, sempre alla stessa ora
  • Il primo esito positivo indica che sta per verificarsi l'ovulazione. Per questo motivo, si dovrebbe iniziare a fare i test prima del periodo in cui è prevista la fase ovulatoria, in quanto il picco di ormone luteinizzante potrebbe non essere altrimenti evidente. Occorre segnalare, però, che l'incremento dell'LH è una condizione necessaria, ma non sufficiente affinché l'ovulazione avvenga. Infatti, può accadere che i test siano positivi, ma il ciclo sia anovulatorio.
  • Prima di eseguire il test di ovulazione, evitare di assumere quantità eccessive di liquidi: se l'urina è troppo diluita gli ormoni non sono ben rilevabili e possono verificarsi dei falsi positivi. Per facilitare l'operazione, è consigliabile utilizzare la prima urina del mattino; niente impedisce di eseguire il test anche in altri momenti della giornata, ma l'esito potrebbe non essere affidabile.
  • Alcuni farmaci e condizioni mediche possono influenzare il risultato del test. Ad esempio, una gravidanza recente, la menopausa o la sindrome dell'ovaio policistico possono produrre esiti fuorvianti. I falsi positivi possono verificarsi anche nel caso in cui siano stati somministrati alla paziente dei farmaci che stimolano l'ovulazione, contenenti l'ormone luteinizzante (LH) o la gonadotropina corionica umana (hCG). Se è stata sospesa l'assunzione di contraccettivi, invece, è consigliabile aspettare due o tre cicli prima di utilizzare i test di ovulazione.

ARTICOLI CORRELATI

Sintomi OvulazioneOvulazione dolorosa - MittelschmerzCalcolo del Ciclo MestrualeCalcolo OvulazioneOvulazione e ConcepimentoPeriodo FertileOvulazioneClomid - Foglietto IllustrativoCLOMID ® - Clomifene citratoDisfunzione ovulatoria - Sintomi e cause di Disfunzione ovulatoriaDisturbi dell'ovulazioneDolore alle ovaie - Cause e SintomiGONAL-F ® Ormone follicolo stimolanteLUVERIS ® Ormone LuteinizzanteOrgalutran - Foglietto IllustrativoOvitrelle - Foglietto IllustrativoOvulazione dolorosa - Cause e SintomiOvulazione e Fertilità: Sintomi, Calcolo, Test di ovulazioneOvuli ovocitiSterilità femminile, disturbi dell'ovulazioneCetrotide - cetrorelixElonvaGONAL-f - follitropina alfaLUVERIS ® Ormone LuteinizzanteOrgalutran - ganirelixOvaleap - follitropina alfaOvitrelle - coriogonadotropina alfaBemfola - follitropina alfaOvulazione su Wikipedia italianoOvulation su Wikipedia ingleseCiclo mestruale e fertilitàMaca e Aumento della FertilitàQuando Fare il Test di GravidanzaTest di Gravidanzafertilità su Wikipedia italianoFertility su Wikipedia ingleseContraccettivi - Tipi di ContraccettiviPreservativo - ProfilatticoPillola AbortivaPillola del giorno dopoCerotto AnticoncezionaleContraccezione NaturaleDiaframma contraccettivoEvraFarmaci per evitare la gravidanzaSpirale contraccettivaAnello AnticoncezionalePillola del giorno dopo: controindicazioni ed effetti collateraliSpermicidiMetodo Ogino-KnausCoito InterrottoContraccettivi D'Urgenza - Pillola del giorno dopo e SpiraleContraccettivi impiantabili: spirale IUD e bastonciniContraccettivi Meccanici - Metodi BarrieraContraccezione su Wikipedia italianoBirth control su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 08/11/2016